Ultime Notizie
Investing Pro 0
🚨 Il nostro dato Pro rivela il vero vincitore della stagione degli utili Accedi ai dati

Ci sono ancora tre picchi da raggiungere. Poi ripresa duratura dei mercati

Da Antonio TognoliMercati azionari06.12.2022 06:18
it.investing.com/analysis/ci-sono-ancora-tre-picchi-da-raggiungere-poi-ripresa-duratura-dei-mercati-200458776
Ci sono ancora tre picchi da raggiungere. Poi ripresa duratura dei mercati
Da Antonio Tognoli   |  06.12.2022 06:18
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
Difficile che nel corso della settimana i mercati possano prendere una direzione definita, sia perché ci sono alcuni giorni festivi sia perché gli investitori aspettano le decisioni delle banche centrali il prossimo 14 e 15 dicembre.
 
Oggi proviamo ad allungare l’orizzonte temporale di previsione e cerchiamo di capire quali saranno i key drivers che guideranno i mercati finanziari nel prossimo biennio. Quello che ci sentiamo di affermare senza paura di essere smentiti è che l'era dei tassi a zero o addirittura negativi è finita. Il cambio di regime è definitivo e ci sta portando gradualmente verso una nuova era.
 
Gli investitori più esperti potrebbero vedere in questa situazione un ritorno a tempi simili al periodo precedente alla crisi finanziaria globale del 2008. Ma questo è ancora da capire. Per il momento, il paragone più appropriato sembra essere quello con la fase di stagflazione sperimentata tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80. Anche se oggi il ruolo delle banche centrali è molto più importante e strategico per i mercati finanziari rispetto a quello di 40/50 anni fa.
 
Per i mercati finanziari una differenza di non poco conto è rappresentata dall’attenta politica di comunicazione della FED (un po’ meno attenta quella della BCE) che consente ai mercati finanziari di anticipare forse meglio del passato le fasi di ripresa/flessione. Il rovescio della medaglia, se vogliamo, è che eventuali errori di interpretazione delle banche centrali (i.e. l’inflazione è temporanea), possono portare i mercati a valutazioni errate. Le successive correzioni verso l’equilibrio, oltre a generare un incremento della volatilità, risultano sempre più veloci e profonde.
 
Decisamente più strategica rispetto al passato appare quindi una gestione attiva del portafoglio che consenta flessibilità e velocità di azione in modo da non subire il mercato in modo pro ciclico.
 
Detto questo, vediamo quali sono le stime economiche per il prossimo anno. Come abbiamo sottolineato diverse volte, crediamo che l'economia USA entrerà in recessione nei primi tre trimestri del 2023 (magari poco profonda e tecnica), prima di tornare a crescere. Ci aspettiamo che la FED modererà il ritmo dei rialzi, ma i tassi raggiungeranno il 5% all'inizio del 2023. Tassi di interesse più elevati, una spesa pubblica meno generosa e un'inflazione più elevata dell’obiettivo sono tutti fattori che riducono la capacità di spesa delle famiglie.
 
Le aziende risponderanno all'indebolimento della domanda rallentando la produzione e riducendo anche la domanda di lavoro. E’ probabile che l'inasprimento della politica monetaria possa essere ancora abbastanza severo da far salire il tasso di disoccupazione USA (anche se difficilmente si vedrà un dato superiore al 4%), condizione necessaria non solo per un calo della domanda delle famiglie, ma anche per un allentamento delle pressioni inflazionistiche.
 
A differenza degli USA, la recessione europea non sarà causata dall'inflazione interna e dall'aumento dei tassi di interesse. Al contrario, l'impennata dei costi energetici legata alla guerra in Ucraina si è dimostrata abbastanza grave da causare un calo della produzione.
 
Che cosa ci possiamo aspettare ancora dai dati economici? Crediamo che ci possano essere ancore tre picchi da raggiungere. Il primo è quello dei tassi di interesse di interesse, vicino negli USA (non ancora in Europa), il secondo è quello dell’inflazione che le banche centrali provano a spegnere aumentando i tassi, ma che solo una recessione globale farà scendere verso l'obiettivo del 2%. Il terzo picco è quello del dollaro che può scendere ancora favorendo i mercati emergenti, di fatto gli unici con promettenti prospettive macro.
 
Una volta superati i tre picchi le prospettive dovrebbero decisamente migliorare. Le perdite dei mercati possono far da base per i prossimi guadagni e ovviamente la tempistica d'ingresso fa la differenza tra guadagnare o perdere.
 
Il nostro suggerimento è quello che concentrarsi sugli obiettivi a lungo termine e attenersi ai principi di un portafoglio globalmente diversificato di azioni e bond.
 
Ci sono ancora tre picchi da raggiungere. Poi ripresa duratura dei mercati
 

Articoli Correlati

Ci sono ancora tre picchi da raggiungere. Poi ripresa duratura dei mercati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (8)
Baggi Roberto
Baggi Roberto 08.12.2022 19:11
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
cosa pensa della articolo di Roubini ?
Domenico Savino
Domenico Savino 06.12.2022 20:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Giuseppe Bonizzoni
Giuseppe Bonizzoni 06.12.2022 15:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ripresa "duratura"....definire DURATURA please....io credo che un rally consistente ci possa essere a partire da Febbraio, ma non durerà più di 6 mesi....sarà però consistente. quello si
Stefano Meneghetti
Stefano Meneghetti 06.12.2022 14:49
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ottima spiegazione
Beniamino Zanella
Beniamino Zanella 06.12.2022 13:08
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ripresa ma dove vive ha visto i dati sull’edilizia in usa? Non dia questi consigli
Roberto De Putti
Roberto De Putti 06.12.2022 10:18
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
tre picchi da raggiungere, trading-alpinistico ?
Emanuele Paris
Bigmème 06.12.2022 9:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
è curioso come si cerchi sempre di trovare delle similitudini storiche. In verità, la situazione economica finanziaria contemporanea non ha eguali nella storia. Lei ha richiamato la stagflazione, ma oggi il livello di debito aggregato mondiale è più del doppio di allora (in termini reali), e di munizioni monetarie e fiscali ve ne sono rimaste ben poche dopo l'overshooting del covid. Io credo che l'inflazione nella prossima rilevazione, ed ancor di più in quella di gennaio tornerà ancor più vigorosa. Il mercato del lavoro e gli aumenti salariali stanno li a dimostrarlo. Ma sopratutto, lei crede che il sistema economico e finanziario mondiale sia pronto a supportare tassi USA oltre il 5% dopo tanti anni di droga QE? Vedremo quante persone, azioni istituzioni stavano nuotando nudi.
Zeta RE
Zeta_RE 06.12.2022 9:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Gestione attiva, la chiave sta lì. Il tempo dei cassettisti è finito, per investire in modo autonomo bisogna essere preparati, il tempo delle sensazioni o delle opinioni è terminato, bisogna saper analizzare i dati ed avere uno studio costante dello scenario economico che si sta vivendo perchè le cose cambiano in fretta e bisogna essere pronti a modificare progressivamente il ptf in base ai veloci cambiamenti del mondo economico. Altrimenti si rimane incastrati e nemmeno ce ne accorgiamo. Quindi i casi sono due, o ci si dedica dello studio e del tempo, oppure conviene affidarsi a chi lo fa di mestiere cercando di scegliere persone brave e qualificate.
Emanuele Paris
Bigmème 06.12.2022 9:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
concordo. Il problema è che mi pare l'industria del risparmio gestito, i vari consulenti, e private banking stiano ancora ragionando in vecchio stile. Non mi pare che abbiano preso coscienza di questo cambiamento, e non mi pare che siano capaci ne pronti ad questo nuovo approccio interventista.
Zeta RE
Zeta_RE 06.12.2022 9:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Emanuele Paris  Condivido, è difficile trovare persone "aggiornate" in tal senso. Bisogna però mettere sul piatto della bilancia anche l'altra faccia della moneta: meglio provare ad affrontare il mercato con il supporto di chi ha un minimo di competenza, oppure affidarsi alle proprie sensazioni e al "da che mondo e mondo ho sempre fatto così"? Mah, ai posteri l'ardua sentenza
Wiwa Laborsa
Wiwa Laborsa 06.12.2022 9:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Emanuele Paris a me pare che i consulenti finanziari facciano acquistare solo cio che fa guadagnare le banche, con ben poco occhio al guadagno del cliente…
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email