Ultime Notizie
Investing Pro 0
SCONTO Cyber Monday: Fino al 60% in meno su InvestingPro+ RICHIEDI L’OFFERTA

Delude l’accordo sul petrolio

Da Swissquote Europe Ltd (Peter Rosenstreich)Panoramica mercato16.02.2016 14:57
it.investing.com/analysis/delude-l%EF%BF%BD%EF%BF%BD%EF%BF%BDaccordo-sul-petrolio-384777
Delude l’accordo sul petrolio
Da Swissquote Europe Ltd (Peter Rosenstreich)   |  16.02.2016 14:57
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
EUR/USD
+0,09%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
LCO
-0,19%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

L’accordo saudita-russo sul petrolio manca di spessore

È chiaro che l’unica speranza per contrastare il crollo dei prezzi del petrolio sarebbe uno shock dell’offerta.

Quando si è diffusa la notizia che i ministri del petrolio saudita e russo si sarebbero incontrati per discutere sulla cooperazione fra l’OPEC e gli altri produttori, i tori del petrolio hanno finalmente intravisto la fine dei prezzi bassi.

Si è trattato di un incontro “segreto” ai massimi vertici fra i maggiori produttori di petrolio mondiali e quindi si erano infittite le speculazioni su un accordo imminente per mettere fine all’eccedenza di offerta.

Il segnale, potenzialmente importante, che i produttori erano per lo meno disposti a ridurre la produzione è stato neutralizzato dalla notizia ribassista della prima spedizione di greggio iraniano in Europa da tre anni.

Evidentemente la soglia dei 30 dollari al barile ha messo in difficoltà le finanze delle nazioni che dipendono dalle esportazioni di petrolio.

Tuttavia, la notizia che Russia, Qatar, Arabia Saudita e Venezuela s’impegneranno per congelare la produzione ai livelli di gennaio ha avuto un peso limitato, cui è mancato l’effetto sorpresa di cui c’era invece bisogno.

Il greggio è salito ai massimi da una settimana, il Brent ha raggiunto i 35,55 USD e il greggio WTI i 31,23 USD, entrambi in rialzo di quasi il 20% da venerdì.

Le valute legate alle materie prime hanno trovato una domanda diffusa; nel comparto G10, CAD e AUD hanno messo a segno i guadagni più consistenti. Rimaniamo scettici sul recente accordo e sospettiamo che sarà difficile raggiungere una collaborazione più stretta per ridurre la produzione. In termini di strategia operativa, propendiamo per un fading del recente rally del greggio.

Propensione al rischio

I mercati oggi sono propensi al rischio, perché gli eventi delle ultime 24 ore hanno confermato l’impegno dei regolatori a contrastare l’attuale debolezza.

Il presidente della BCE Mario Draghi ha utilizzato toni molto accomodanti e durante l’audizione di ieri alla Commissione Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo si è detto pronto ad agire.

Draghi ha ribadito che la BCE “verosimilmente rivedrà” la posizione della sua politica monetaria alla riunione del 10 marzo.

Prevediamo un taglio di almeno 10 punti base (e al massimo 25 punti base) del tasso sui depositi e una variazione dei parametri del QE (con una potenziale inclusione del debito acquistato a semi-pubblico).

Crediamo che la BCE non deluderà di nuovo i mercati e ci aspettiamo che l’EUR/USD s’indebolisca rispetto ai livelli attuali.

Tuttavia, i tassi negativi influiranno sulla redditività e stabilità della banca in una fase in cui ci si interroga sul settore bancario europeo.

Altrove, la crescita della massa monetaria cinese ha raggiunto i massimi da 19 mesi e a gennaio in nuovi prestiti in CNY hanno raggiunto i massimi storici.

Le banche cinesi hanno concesso in prestito una cifra strabiliante, pari a 2,52 mila miliardi di yuan, suggerendo un rafforzamento dei prestiti all’economia reale e una politica monetaria molto accomodante.

Questo sviluppo fa diminuire le probabilità di un ulteriore allentamento monetario e consente alla PBoC di concentrarsi sulla stabilità del CNY.

Delude l’accordo sul petrolio
 

Articoli Correlati

Delude l’accordo sul petrolio

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email