Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Economia, mercati finanziari e risiko bancario: cosa succede in Italia

it.investing.com/analysis/economia-mercati-finanziari-e-risiko-bancario-cosa-succede-in-italia-200441683
Economia, mercati finanziari e risiko bancario: cosa succede in Italia
Da Massimiliano Schena   |  02.12.2020 12:59
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

A cura di Massimiliano Schena, Direttore Investimenti di Symphonia SGR

Mercato italiano e dati macro:


L’economia italiana subirà una contrazione di almeno il 2% nel quarto trimestre, legata all’imposizione dei lockdown soft messi in atto nel mese di novembre. Questi dati sono sostanzialmente in linea con quelli dell’economia europea ma risultano migliori rispetto a quelli di Francia e Spagna, che hanno avuto restrizioni più prolungate e soprattutto la Spagna ha una maggiore esposizione sul settore dei servizi, mentre l’Italia ha una maggiore esposizione sul settore industriale. L’andamento dei PMI conferma questo: il PMI Manifatturiero di novembre è ancora sopra quota 50 (51,5) a differenza di Francia e Spagna; gli indici di ottobre per i servizi e composito (quelli di novembre non ci sono ancora) segnalavano già contrazione (rispettivamente 46,7 e 49,2) ma molto meglio di Francia (46,5 e 47,5) e Spagna (41,4 e 44,1).

La contrazione di novembre sarà recuperata parzialmente in dicembre e più pienamente nel primo trimestre 2021, posto che si eviti una terza ondata dopo le feste. L’economia italiana tornerà ai livelli pre pandemia non prima del 2022; supporto fiscale continuo ancora per gran parte del prossimo anno, potenzialmente lasciando il posto al Recovery Fund verso la fine dell’anno.

Per quanto riguarda invece i mercati finanziari del nostro Paese, vediamo una forte sovraperformance del FTSEMIB rispetto allo Stoxx 600 nel rally sui vaccini e nella rotazione settoriale, grazie alla composizione favorevole (finanziari, industriali ciclici, energie alternative – ENEL (MI:ENEI)) e alle valutazioni depresse, ma finora è stata solo recuperata la sottoperformance da marzo ad ottobre. Nutriamo al contempo poca preoccupazione per lo spread BTP-Bund grazie al ridotto premio per il rischio politico domestico e al supporto europeo PEPP + Recovery Fund; poca difficoltà per il funding dello Stato, grazie alla fame di rendimenti ed alle agenzie di rating più accomodanti.
 
Risiko bancario

È evidente che in Italia è in corso una nuova ondata di consolidamento del settore bancario, conseguente anche alla crisi economico-finanziaria generata dalla pandemia.

Questo deriva anche dal fatto che il settore bancario deve fronteggiare delle problematiche sia cicliche che strutturali e l’M&A è probabilmente una delle poche soluzioni per creare valore.

I segnali sono arrivati prima dall’acquisizione di UBI da parte di Intesa (MI:ISP) San Paolo e poi dall’OPA del Credit Agricole (PA:CAGR) sul Credito Valtellinese (tra l’altro è  probabile che quest’ultima offerta debba essere alzata).

Va in questa direzione anche la notizia di ieri che Mustier dalla prossima primavera non sarà più alla guida di Unicredit (MI:CRDI).

Mustier era in disaccordo con il CdA sulle linee strategiche da seguire per la crescita di Unicredit e probabilmente uno degli aspetti di scontro è stata proprio l’espansione in Italia.

A questo punto Unicredit ha due possibilità:

·         un’offerta su BAMI Banco Popolare simile a quella fatta da Intesa su Ubi (MI:UBI)
·         una più probabile acquisizione di MPS (MI:BMPS), togliendola dal controllo statale: per mettere in pratica questa operazione lo Stato dovrà però renderla appetibile, un po’ nello stile di quanto fatto con l’intervento di Intesa sulle Popolari Venete (si parla di un aumento di capitale di MPS precedente all’acquisizione da 3 mld di euro ed una garanzia sulle cause legali).

Se BAMI non finisce nell’orbita Unicredit è probabile che guardi ad una aggregazione con la Popolare Emilia.

A favore di una eventuale operazione BAMI-Popolare Emilia si è espresso Cimbri, amministratore delegato del gruppo Unipol (MI:UNPI), principale azionista della Popolare Emilia (con il 20% del capitale).
 

Economia, mercati finanziari e risiko bancario: cosa succede in Italia
 

Articoli Correlati

Economia, mercati finanziari e risiko bancario: cosa succede in Italia

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Marco Trezzi
Marco Trezzi 02.12.2020 14:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Mps è ormai il grande malato che si porta dietro un sistema politicizzato marcio. Se unicredit non abbandona del tutto le linee di partito e resta fedele alle linee del profitto non farà altro che favorire la concorrenza.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email