Ultime Notizie
0

Economie in focus: Cina

it.investing.com/analysis/economie-in-focus-cina-200223481
Economie in focus: Cina
Da Andrew Harmstone   |  06.12.2018 14:05
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Economie in focus: Cina

Commento a cura di Andrew Harmstone, Senior Portfolio Manager del Global Multi-Asset team e Head of Global Balanced Risk Control (GBaR) strategy di MSIM.

Dopo il recente incontro del G20 in Argentina, i presidenti Trump e Xi Jinping hanno concordato l’inizio di un periodo di 90 giorni di negoziazione sulle dispute commerciali e il blocco momentaneo di qualunque ulteriore incremento dei dazi. Nonostante la notizia iniziale positiva, riteniamo che questo rappresenti più un atto di forma che di sostanza e che l’incertezza legata a tali negoziazioni rimanga elevata. Da un lato il governo cinese sembra voler dare l’impressione che le tariffe stiano impattando l’economia cinese più di quanto sia il caso. Infatti a nostro avviso la maggior parte delle debolezze economiche in Cina sono state il risultato di una politica di forte riduzione del debito, implementata dallo stesso governo. Dall’altro lato, la politica di evidente pressione sui dazi implementata dal Presidente Trump risulta utile a deviare l’attenzione pubblica dalle preoccupazioni legate alla decelerazione della crescita verso la Casa Bianca. Una considerazione essenziale per i nostri gestori - inclusi quelli basati in Asia che forniscono preziosi spunti locali - è data dalle possibili implicazioni dei dazi e delle politiche locali sull’economia cinese, e il conseguente effetto domino sulle altre regioni.

L’economia cinese è stata finanziata con livelli eccessivi di debito, la cui riduzione ha rappresentato una priorità per il governo. L’ultima occasione in cui le autorità erano intervenute con un simile obiettivo era stato nel 2015, quando il governo, insieme ad altre manovre, incoraggiò gli investitori a comprare titoli per supportare il rifinanziamento di aziende pubbliche. Le conseguenze negative si avvertirono non solo in Cina, ma anche nei mercati globali.

Una spinta simile - stavolta attraverso la politica monetaria e i tagli sulla crescita del credito - ha ora ricominciato a creare debolezze significative. Piuttosto che risolvere il problema del debito, tali misure non fanno altro che traslarlo tra settori, in questo caso dalle aziende pubbliche ai consumatori. Il debito privato in rapporto al PIL è cresciuto di oltre 10 punti percentuali negli ultimi due anni. La fiducia dei consumatori è crollata, mentre gli investimenti sono rallentati.

Tuttavia, una politica di crescita basata sugli investimenti rappresenta esattamente ciò da cui il governo cinese ha cercato di allontanarsi, puntando invece ad un’economia spinta dai consumi. Rallentando gli investimenti, il governo può anche moderare la crescita del debito; difatti il taglio del debito è stato un tema ricorrente nelle recenti misure cinesi. Ciò nonostante, una riduzione eccessiva ostacola a sua volta la crescita economica, come accaduto quest’anno. Il governo ha limato i dettagli del suo programma alleggerendo i prestiti al settore privato e i tagli fiscali, ma ci vorrà del tempo perché i benefici sperati vengano avvertiti.

Sfortunatamente per la crescita in Cina, questa situazione di debolezza indotta dalle politiche locali ha coinciso con le tensioni commerciali a livello globale, che sono state particolarmente ostili per la crescita e la fiducia dei mercati, rendendo questa fase di ribilanciamento ancor più dolorosa per la Cina. La nostra idea non è tanto che il conflitto commerciale abbia direttamente impattato la Cina, quanto piuttosto che tali tensioni abbiano colpito la Cina in modo ancor più significativo poiché sono state implementate in congiunzione ad un momento di significativa riduzione del debito.

Tra i catalizzatori positivi che potrebbero aiutare in maniera significativa a stimolare nuovamente l’economia globale, possiamo menzionare in ordine di probabilità:


1) Politiche più accomodanti da parte della Fed e/o approvazione di un ingente stimolo infrastrutturale negli Stati Uniti. Questa risulta una delle poche iniziative dove i Repubblicani e i Democratici potrebbero trovare un accordo. Ciò potrebbe permettere all’economia globale di creare un contesto di maggior sostegno per le azioni di ribilanciamento economico in Cina.

2) Un programma di stimolo mirato da parte della Cina, per controbilanciare le debolezze portate dalla politica di riduzione del debito, ma non tali da incrementare sostanzialmente il tetto di indebitamento. Crediamo che la probabilità di tale opzione sia legata parzialmente alla situazione sui dazi.

3) Sviluppi genuinamente positivi nelle negoziazioni tra USA e Cina

Date le implicazioni degli eventi in Cina sulla crescita globale, e l’importanza di avere una comprensione tempestiva degli indicatori principali in Asia, abbiamo recentemente ampliato il team Global Balanced Risk Control (GBaR). Sebbene il nucleo principale del team sia in Europa, adesso abbiamo una presenza a Singapore, con membri del team di gestione che parlano mandarino. Tale presenza locale non solo potenzia la nostra ricerca nella regione Asia-Pacifico, inclusa la Cina, ma rafforza anche le nostre capacità di negoziazione sugli investimenti asiatici, facendo leva sul team di specialisti di trading, già presente nei nostri uffici di Singapore. Riteniamo che la nostra comprensione degli eventi futuri in questa regione sarà ulteriormente rafforzata, instaurando relazioni più profonde con la comunità di investitori nell’area Asia-Pacifico.

Economie in focus: Cina
 

Articoli Correlati

Economie in focus: Cina

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email