Ultime Notizie
0

USD/JPY sopra quota 110, euro sotto 1,13: a chi tocca adesso?

Da Kathy LienForex11.02.2019 22:56
it.investing.com/analysis/il-cambio-usdjpy-supera-quota-110-leuro-scende-sotto-113-a-chi-tocca-adesso-200224129
USD/JPY sopra quota 110, euro sotto 1,13: a chi tocca adesso?
Da Kathy Lien   |  11.02.2019 22:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 11 febbraio 2019

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management

Il dollaro USA sta facendo faville. Gli investitori hanno fatto risalire il biglietto verde contro le principali valute: euro, yen e franco svizzero tutti ai minimi di quest’anno. Il cambio USD/JPY è sopra il livello di 110 e quello EUR/USD è ben al di sotto dell’1,13. Questi livelli importanti hanno limitato gli spostamenti di entrambe le valute nelle ultime settimane e il superamento di lunedì apre la strada ad un ulteriore indebolimento dell’euro e dello yen. L’assenza di dati USA, il calo dei titoli e l’aumento generale dei rendimenti indica che non c’è un catalizzatore che giustifichi l’andamento di lunedì. L’unica spiegazione è il ritorno di liquidità in Asia dopo la riapertura dei mercati cinesi. Anche se non sembrerebbe, nelle prossime settimane ci sono molti fattori da dover osservare. Le trattative tra USA e Cina continuano, Theresa May aggiornerà il parlamento sui progressi fatti nei negoziati per la Brexit, i fondi del governo termineranno alla fine di questa settimana, la Reserve Bank of New Zealand si riunirà martedì e il Dipartimento per il Commercio statunitense presenterà il report sui dazi alle automobili. Ognuno di questi eventi rappresenta un serio rischio di ribasso per le valute, ma potrebbe anche determinare un forte calo delle posizioni short se dovesse succedere qualcosa di inaspettato.

Per il cambio USD/JPY in particolare, il prossimo stop sarà la zona tra 111,25 e 111,70. Gli investitori osserveranno Washington con attenzione dopo l’interruzione dei dialoghi durante il weekend. La buona notizia è che i dialoghi si sono interrotti per il disaccordo sulla detenzione degli immigrati piuttosto che sul finanziamento di un muro di confine. Democratici e Repubblicani non vogliono ripetere l’esperienza di 35 giorni di shutdown dunque ci sono buone possibilità che venga raggiunto un accordo ma non è stata definita la spesa per la costruzione del muro. Nei prossimi 2 o 3 giorni dovrà essere necessariamente approvata la proposta per rispettare i tempi tecnici di Camera e Senato. Oltre agli sviluppi da Washington anche i dati USA saranno sotto i riflettori questa settimana: attesi i dati su IPC e vendite al dettaglio e i sondaggi Empire State e sulla fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan. Se i dati sull’inflazione e sulla spesa tradiranno le aspettative l’impennate del dollaro potrebbe risentirne.

La pressione alla vendita del cambio EUR/USD è alta, con il cambio in calo 7 degli ultimi 8 giorni di scambi. Oggi non sono attesi dati economici nella zona euro ma gli ultimi dati piuttosto deboli riflettono l’andamento della valuta. Il rendimento dei Titoli di Stato tedeschi è risalito dopo essere crollato sotto lo 0,1% la scorsa settimana; tuttavia nonostante il rialzo il livello del rendimento è coerente con la valuta debole. Il prossimo livello di supporto per il cambio EUR/USD è il minimo di novembre di 1,1215 che potrebbe essere testato nuovamente a breve. Per adesso il livello di resistenza per il cambio EUR/USD è più basso a meno che gli USA non decidano di rinunciare ai dazi sulle importazioni di auto europee. Un calo sotto il livello di 1,10 è molto probabile. Intanto il calo della liquidità ha causato un nuovo flash crash del franco svizzero all’inizio della seduta asiatica, e nonostante la valuta abbia recuperato velocemente le perdite, il cambio USD/CHF è rimasto stabile durante la seduta newyorkese. Come in tanti altri paesi del mondo, la pressione dell’inflazione in Svizzera sta scendendo.

L’economia Britannica sta rallentando e la debolezza sta pesando sulla sterlina. Nella mattinata di lunedì abbiamo visto che la crescita del PIL ha deluso le aspettative, il deficit commerciale si è ridotto meno del previsto e la produzione industriale è scesa per il terzo mese consecutivo. La Primo Ministro May presenterà i progressi al Parlamento nella giornata di martedì e potrebbe chiedere ancora del tempo. Giovedì si dibatterà su una mozione che potrebbe dare ai parlamentari maggiori poteri sul processo della Brexit. Se la May non presenterà aggiornamenti significativi e/o se il Parlamento dovesse allontanare l’intero processo dal governo, per la sterlina le cose non saranno facili. Continua intanto il calo delle tre valute legate alle materie prime, gli investitori attendono gli sviluppi dei negoziati tra USA e Cina.

USD/JPY sopra quota 110, euro sotto 1,13: a chi tocca adesso?
 
USD/JPY sopra quota 110, euro sotto 1,13: a chi tocca adesso?

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email