Ultime Notizie
0

La crisi del greggio: è colpa della Cina?

Da Investing.com (Barani Krishnan/Investing.com)Materie prime08.01.2019 13:17
it.investing.com/analysis/la-crisi-del-greggio-e-colpa-della-cina-200223762
La crisi del greggio: è colpa della Cina?
Da Investing.com (Barani Krishnan/Investing.com)   |  08.01.2019 13:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

L’anno scorso il problema del greggio era l’eccesso di scorte. Quest’anno potrebbe essere la domanda della Cina, o meglio, la sua assenza.

Proprio quando i tori del greggio pensavano di avere tutto quello che serviva per far salire il mercato nel 2019 (gli aggressivi tagli alla produzione sauditi e una Federal Reserve più cauta che potrebbe non alzare i tassi di interesse come precedentemente previsto), l’incertezza per l’economia globale, e soprattutto per quella cinese, sta frenando l’impennata dei prezzi del greggio.

Un mercato che fatica a schizzare

Il greggio West Texas Intermediate è rimbalzato di circa 6 dollari al barile, o del 14%, dal minimo di 18 mesi segnato la Vigilia di Natale.

WTI 60-Min Chart
WTI 60-Min Chart

Ma questi guadagni non sono arrivati in modo semplice. Quasi ogni seduta dal 2 gennaio è stata dominata dalla volatilità, con il mercato che ha faticato a mantenere i guadagni iniziali fino alla chiusura. La giornata di ieri ne è un perfetto esempio: il WTI non è riuscito di nuovo a testare la resistenza chiave di 50 dollari malgrado si sia avvicinato all’obiettivo per due sedute consecutive.

Energy Aspects e Goldman Sachs, due importanti agenzie di ricerca sul greggio, non hanno dubbi su quale sarà il tallone d’Achille del mercato quest’anno: i deboli acquisti da parte della Cina.

In una nota di ieri, gli analisti della londinese Energy Aspects spiegano:

“Senza dubbio la Cina costituisce la preoccupazione maggiore, soprattutto data la debolezza degli ultimi dati economici. Non sorprende che gli acquisti di greggio della Cina siano destinati ad indebolirsi a breve termine, in seguito alle importazioni da record a novembre e a quelle elevate di dicembre”.

Si stima una crescita della domanda cinese inferiore del 26%

Gli analisti di Goldman Sachs, guidati dai responsabili del team delle materie prime della banca di Wall Street Damien Courvalin e Jeffrey Currie, affermano in una nota ai clienti pubblicata ieri che la crescita della domanda petrolifera cinese dovrebbe scendere del 26% a 350.000 barili al giorno su base annua nel 2019, dai 475.000 barili al giorno del 2018. Al contrario, la domanda dei mercati emergenti al di fuori della Cina dovrebbe vedere una ripresa, con Brasile, Turchia, Sud Africa e Russia usciti dalla recessione, scrivono.

Ma Stati Uniti e Cina non stanno tenendo delle trattative commerciali questa settimana e non raggiungeranno probabilmente un qualche tipo di accordo? Sì e no.

Il fatto che il team statunitense per le trattative guidato dal Vice Rappresentante per il Commercio Jeffrey Gerrish e dal Sottosegretario al Tesoro per gli Affari Internazionali David Malpass si trovino a Pechino per il vertice e che il Vice Premier cinese Liu si sia presentato a sorpresa costituisce un buon segno per le trattative.

Le trattative commerciali USA-Cina non sono ancora un affare fatto

Ma data la difficile lista di problemi commerciali tra le due nazioni e il colmo raggiunto nei loro rapporti prima della tregua di 90 giorni concordata dal Presidente Donald Trump e dal leader cinese Xi Jinping il 1° dicembre, non si può dire con sicurezza che l’accordo sia cosa fatta fino a quando non sarà, appunto, fatto.

Energy Aspects sottolinea l’importanza delle trattative in corso a Pechino, affermando che i rischi considerevoli e difficili da quantificare derivanti dalle incertezze dello scontro commerciale USA-Cina cominciano a pesare sugli utili delle compagnie cinesi. Aggiunge:

“Il governo (cinese) sta adottando delle misure per mettere una rete di sicurezza alla crescita, ma ci vorrà del tempo”.

Nel frattempo, però, la singhiozzante economica cinese avrà un effetto domino in tutta l’Asia, afferma. Il malanno ha compreso il crollo dei differenziali del greggio cinesi ESPO, Lula e Djeno rispetto al riferimento britannico globale Brent in quanto le raffinerie minori del paese, note come “teapot”, hanno deciso di lavorare direttamente maggiori quantità piuttosto che importare di più.

Dai problemi delle raffinerie al fragile sentimento dei mercati in Cina

Le raffinerie più grandi in Cina, intanto, non sembrano aver fretta di rifornirsi in modo sostanziale, date le aspettative di una crescita debole della domanda nel primo trimestre, la festa del capodanno lunare cinese a febbraio (che spesso comporta una vacanza di anche una settimana) e le massicce manutenzioni in programma ad aprile.

E tutto ciò va ad unirsi al già fragile sentimento dei mercati da fine dicembre, dopo il licenziamento di un importante trader del colosso statale delle raffinerie Unipec per perdite che hanno reso la comunità locale del trading estremamente cauta nell’assumere rischi.

Per concludere, Energy Aspects afferma:

“Per il mercato del greggio, ci sono solo due prezzi che contano davvero: il prezzo in cui viene imbrigliata la fornitura (meno di 50 dollari al barile per il Brent) e il prezzo in cui viene distrutta la domanda (più di 90-100 dollari al barile per il Brent). Qualsiasi altro prezzo tra questi due non è altro che una funzione di ciò che la gente intende pagare”.

La crescita attuale della domanda è storicamente associata alla recessione

Aggiunge l’agenzia:

“Addentrandoci nel 2019, i timori per le scorte sembrano perdere importanza: l’OPEC sta tagliando la produzione, i prezzi del greggio più bassi aiuteranno a razionalizzare la crescita della produzione USA, il settore continua a sotto-investire e ci sono numerosi problemi di cui preoccuparsi. In breve, non prevediamo una situazione di esubero per quanto riguarda le scorte.

Più preoccupanti sono, tuttavia, i rischi per la domanda, in quanto saranno fattori sia rialzisti che ribassisti per gli equilibri nel 2019”.

Sebbene l’UE nel complesso importi circa 14 milioni di barili di greggio al giorno, la singola nazione principale consumatrice di greggio è la Cina, con circa 8,4 milioni di barili al giorno. La domanda cinese, pertanto, ha importanti conseguenze per la domanda di greggio globale.

Goldman Sachs, che ha tagliato le precedenti previsioni sul 2019 sul Brent da 70 dollari a 67,50 dollari e sul WTI da 64,50 dollari a 55,50 dollari, afferma che le sue stime mostrano che il mercato del greggio si aspetta solo 900.000 barili al giorno su base annua come crescita della domanda globale quest’anno. Si tratta di “un livello storicamente associato a recessioni localizzate”, spiega.

La crisi del greggio: è colpa della Cina?
 

Articoli Correlati

La crisi del greggio: è colpa della Cina?

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti
Il MORTADELLA
Il MORTADELLA 09.01.2019 0:58
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Wow analisi perfetta
Rispondi
0 0
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email