Ultime Notizie
Investing Pro 0
SCONTO di Capodanno: Fino al 40% in meno su InvestingPro+ RICHIEDI L’OFFERTA

La FED centrerà tutti e tre i suoi obiettivi? Dove investire?

Da Antonio TognoliMercati azionari05.12.2022 06:21
it.investing.com/analysis/la-fed-centrera-tutti-e-tre-i-suoi-obiettivi-dove-investire-200458736
La FED centrerà tutti e tre i suoi obiettivi? Dove investire?
Da Antonio Tognoli   |  05.12.2022 06:21
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
US500
+0,25%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
Settimana che si preannuncia importante, sia per l’uscita dei dati sia perché è quella che precede i meeting della FED e della BCE. Si comincia lunedì alle 10:00 con il PMI composito dell’Europa di novembre (stima 47,1% punti contro 47,8% di ottobre), mentre alle 11:00 è il turno delle vendite al dettaglio sempre dell’Europa MoM di ottobre (stima -1,7% contro 0,4% di settembre). Si prosegue nel pomeriggio alle 15:45 con il PMI servizi USA di novembre (stima 46,1 invariato rispetto ad ottobre). Alle 16:00 esce l’ISM non manifatturiero di novembre (stima 53,1 punti contro 54,4 di ottobre). Mercoledì alle 8:00 tocca alla produzione industriale delle Germania MoM di ottobre (stima -0,5% contro 0,6% di settembre) e alle 11:00 il PIL dell’Europa del 3Q22 il cui rallentamento della crescita allo 0,2% dovrebbe essere confermato (+0,8% nel 2Q22). Venerdì alle 14:30 usciranno i prezzi alla produzione USA MoM di novembre (stima 0,2% invariato rispetto ad ottobre) e alle 16:00 la fiducia dei consumatori del Michigan di dicembre (stima 57 punti contro 56,8 di novembre).
 
Lo scorso venerdì i prezzi alla produzione dell’Europa MoM di novembre sono diminuiti più delle attese (-2,9% contro -2% stimato e +1,6% di ottobre), segnale che la riduzione dei prezzi dell’energia iniziata a settembre comincia a diventare visibile. Come abbiamo più volte argomentato, ci vorrà però un po’ di tempo prima che si vedano gli effetti anche sui prezzi al consumo.
 
Variazione occupati USA di novembre decisamente più alta della stima (263k contro 200 stimati e 284k di ottobre) e un tasso di disoccupazione che rimane invariato al 3,7%.
 
Entrambi i dati sembrano allontanare l’ipotesi che Powell possa essere meno falco il prossimo 14 dicembre e aumentare nuovamente i tassi di 75 bp invece che di 50 bp come aveva lasciato sperare la scorsa settimana.
 
I mercati finanziari hanno reagito male alla notizia. Ma non è ancora detto che Powell scelga la versione falco.
 
I dati USA che via via stanno uscendo non indicando univocamente una recessione, storicamente mai avvenuta con la disoccupazione al 3,7%. Non dimentichiamo che comunque c’è sempre una prima volta. In realtà, quale migliore situazione per la FED di quella in cui l’inflazione scende, i consumi aumentano ma non tanto da far crescere i prezzi, ma a sufficienza per sostenere il PIL e il mercato del lavoro rimane vicino alla piena occupazione.
 
Il rischio è che la FED si faccia prendere la mano e aumenti tassi di interesse più del necessario, nell’ipotesi che in questo modo l’inflazione scenda più velocemente. Ovviamente nulla di più sbagliato, visto che mediamente occorrono 6/9 mesi prima che gli effetti della politica monetaria siano visibili. L’effetto immediato sarebbe invece quello di portare il sistema economico dentro una recessione lunga e profonda. Ma il rischio risulta attenuato proprio dai dati del mercato del lavoro che, indirettamente, sostiene i consumi. Del resto, fino allo scorso ottobre ogni 1 lavoratore ne mancavo 1,8 circa. Logico quindi attendersi che l’occupazione potesse rimanere elevata prima di mostrare segni di rallentamento.
 
Rischio attenuato non significa che il sistema economico non possa scivolare nuovamente (dopo i primi due trimestri dell’anno) in recessione. Secondo un sondaggio del Wall Street Journal gli economisti che si aspettano una recessione nel 2023 sono cresciuti dal 49% di luglio al 63% di ottobre, oltre ad aspettarsi un PIL in contrazione nei primi due trimestri del 2023 (-0,2% nel primo e- 0,1% nel secondo), in grado di generare un taglio dei posti di lavoro di circa 34.000 unità ogni mese nel 1Q23 e 38.000 nel 2Q23. Il 60% circa degli economisti ritiene inoltre che la FED abbia alzato troppo i tassi di interesse per consentire un soft landing.
 
Continuiamo a rimanere convinti che Powell possa aumentare i tassi di 50 bp nel prossimo meeting del 14 dicembre e poi si fermi per valutare i dati, essendo comunque conscio che i primi due trimestri del prossimo anno saranno difficili sotto il profilo economico.
 
Se lo scenario è quello delineato, quali sono gli investimenti vantaggiosi nel prossimo anno? Cominciamo intanto con il dire che è improbabile che i portafogli speculativi che hanno sovraperformato negli ultimi cinque anni riescano a fare altrettanto bene nel prossimo ciclo.
 
Ci sono infatti troppe forze al lavoro che interagiscono simultaneamente. Dal persistere di un’inflazione elevata (anche se in via di riduzione) alla guerra in Ucraina, nonché alla volatilità e ai livelli raggiunti dai prezzi dell’energia, gli investitori si trovano in un momento di massima incertezza dai tempi della crisi finanziaria globale.
 
Non sempre è possibile prevedere con precisione i singoli eventi, ma occorre però cogliere i segnali di allarme che possono consentire di prepararsi. L’indice S&P 500 è sceso di quasi il 20% da inizio anno, ma le aspettative di consensus prevedono una crescita dell’EPS del 7% nei prossimi 12 mesi. Delle due, l’una: o il mercato è clamorosamente sottovalutato o le stime sono sbagliate e dovranno essere riviste al ribasso. Se teniamo conto del calo mediano degli utili durante le recessioni degli ultimi 30 anni, che si è collocato in un range tra l’11 e il 16%, è lecito supporre che il consensus sulla crescita degli utili sembri piuttosto ottimistico.
 
Nelle fasi recessive degli ultimi 50 anni i mercati sono scesi mediamente del 30% dal picco al minimo e ci sono voluti circa 5 anni per tornare ai massimi precedenti. In caso di ulteriore correzione del mercato, occorre dunque proteggersi dai ribassi.
 
E come ci si protegge dai ribassi? Ci sono almeno tre considerazioni da fare. La prima è che non tutte le società subiscono lo stesso impatto da una fase recessiva. Man mano che i consumatori esauriscono il loro surplus di risparmi per finanziare i consumi e l’economia si indebolisce, si assisterà ad una netta differenziazione tra le imprese in grado di mantenere i margini e quelle che invece subiscono la recessione. Le aziende su cui fare affidamento sono quelle che operano in mercati meno ciclici e con potere di determinazione dei prezzi. La seconda considerazione è che non bisogna confondere una bella storia con una società di qualità. Sono due cose diverse. Alcuni dei titoli più popolari degli ultimi anni hanno subìto un calo significativo nel 2022. Una società con un modello di business interessante ma senza un chiaro track record di crescita reddituale è solo un’altra bella storia, ma non una società di qualità.
 
È difficile, ma non impossibile, trovare grandi aziende di qualità in grado di operare in mercati difficili.
La FED centrerà tutti e tre i suoi obiettivi? Dove investire?
 

Articoli Correlati

La FED centrerà tutti e tre i suoi obiettivi? Dove investire?

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
Jjj Rr
Jjj Rr 05.12.2022 19:27
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
bla bla bla
Beniamino Zanella
Beniamino Zanella 05.12.2022 15:01
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
L’unica cosa che centrerà sarà una profonda recesdioneLe bc sono sempre state la causa di enormi disastri
Carola Ferri
Carola Ferri 05.12.2022 14:39
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
e quindi ?
Zeta RE
Zeta_RE 05.12.2022 14:39
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ti ha dato una mappa chiara di cosa fare sia nel caso i mercati ripartano ( visione ottimista) sia che scendano nel 2023 (visione realista). Ti ha pure indicato su che società cercare opportunità. Cosa volete di piu??
Giulio Mosto
Giulio Mosto 05.12.2022 14:34
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
impeccabile
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email