Ultime Notizie
Investing Pro 0
💎 Accedi agli strumenti di mercato di cui si fidano migliaia di investitori Inizia

Ma davvero la Germania è messa così male? E per l'Europa che cosa vuol dire?

Da Antonio TognoliMercati azionari29.05.2023 08:20
it.investing.com/analysis/ma-davvero-la-germania-e-messa-cosi-male-e-per-leuropa-che-cosa-vuol-dire-200462349
Ma davvero la Germania è messa così male? E per l'Europa che cosa vuol dire?
Da Antonio Tognoli   |  29.05.2023 08:20
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

 
Settimana importante e densa di dati per i mercati. Si comincia oggi alle 10:00 con M3 YoY di aprile dell’Europa, il cui tasso di crescita è previsto rallentare al 2,1% (dal 2,5% di marzo) in linea con gli orientamenti di politica monetaria. Alle 16:00 uscirà invece la fiducia dei consumatori USA MoM di maggio (stima 100 punti contro 101,3 di aprile).
 
Ieri è stato finalmente raggiunto l’accordo sul debito USA. L'accordo prevede la sospensione del limite massimo dell'indebitamento del governo, al momento fissato a 31.400 miliardi e ormai raggiunto, per un periodo di due anni, fino cioè ad oltre la scadenza delle elezioni presidenziali del 2024 evitando così pericolose crisi in clima elettorale. In cambio, l’accordo congela però di fatto la spesa federale, bloccandone ogni aumento. Anzi, in alcuni casi la riduce pure, con l'eccezione di aumenti legati alla difesa e ai veterani. Stando a un'analisi condotta dal New York Times, l'impatto sull'arco di dieci anni dei principali provvedimenti iscritti nell'intesa potrebbe essere di una riduzione di spesa pari a 650 miliardi di dollari, un risultato considerato tutto sommato piuttosto modesto.
 
Torniamo all’Europa. La domanda che ci facciamo e se la Germania sia veramente messa così male? E cosa significa per l’Europa? Come noto, una recessione è comunemente definita come due trimestri successivi di contrazione. L'economia tedesca era già in recessione all'inizio del 2023 dopo che la spesa delle famiglie ha “finalmente” ceduto alla pressione dell'elevata inflazione.
 
Il PIL prodotto interno lordo è diminuito dello 0,3% nel 1Q23, aggiustato per i prezzi e gli effetti di calendario, come ha mostrato giovedì scorso la seconda stima dell'ufficio di statistica. Il dato segue un calo dello 0,5% nel quarto trimestre del 2022.
 
I consumi delle famiglie sono diminuiti dell'1,2% trimestre su trimestre dopo aggiustamenti di prezzo, stagionalità e calendario. Anche la spesa pubblica è diminuita significativamente (4,9%), nello stesso trimestre. Il ministro dell’economia dele Germania, Habeck, ha affermato cha la recessione è principalmente dovuta all’elevata dipendenza della sua nazione dalla Russia per l'approvvigionamento energetico.
 
Il caldo clima invernale, un rimbalzo dell'attività industriale, aiutato dalla riapertura cinese e un allentamento degli attriti delle catene di approvvigionamento non sono stati sufficienti per far uscire l'economia dalla zona di pericolo di recessione, a conferma della rigidità della struttura economica e produttiva della Germania che fatica ad adattarsi ai cambiamenti strutturali.
 
Al contrario, gli investimenti sono invece aumentati nei primi tre mesi dell'anno, dopo una debole seconda metà del 2022. Gli investimenti in macchinari e attrezzature sono aumentati del 3,2% rispetto al trimestre precedente, mentre gli investimenti in costruzioni sono aumentati del 3,9% rispetto al trimestre. Segnale che, probabilmente, le imprese vedono una domanda di beni e servizi crescente per la seconda parte dell’anno e per il 2024. Sempre positivi anche i contributi del commercio: le esportazioni sono aumentate dello 0,4%, mentre le importazioni sono diminuite dello 0,9%.
 
Data la struttura produttiva e la dipendenza energetica dalla Russia, difficilmente l’economia della Germania avrebbe potuto evitare una recessione. La domanda diventa ora se realmente ci sarà una ripresa nella seconda metà dell'anno, come la crescita degli investimenti lascerebbe presumere.
 
Se guardiamo oltre il primo trimestre, l'ottimismo all'inizio dell'anno sembra aver lasciato il posto ad un maggiore senso della realtà. Il calo del potere d'acquisto dovuto all’inflazione, la riduzione degli ordini industriali, l'inasprimento aggressivo della politica monetaria e il previsto rallentamento dell'economia USA depongono tutti a favore di una attività economica piuttosto debole.
 
Dopo il calo di mercoledì scorso del clima economico (IFO in calo), tutti i principali indicatori anticipatori del settore manifatturiero stanno ora diminuendo. La Bundesbank prevede tuttavia che l'economia crescerà nel secondo trimestre, anche se in modo modesto, grazie ad un rimbalzo dell'industria che dovrebbe più che compensare il ristagno dei consumi delle famiglie e il crollo delle costruzioni (vedi il secondo un rapporto mensile sull'economia).
 
Tornando quindi alla domanda iniziale, la crescita economica dell’Europa non sembra però risentirne più di tanto. E questo è sicuramente strano, visto che risulta piuttosto difficile che la brusca frenata della principale economia europea non trascini al ribasso l’intera economia Europea.
 
Al contrario, la stima di crescita del PIL dell'UE è stata recentemente rivista al rialzo all'1,0% nel 2023 (dallo 0,8%) e all'1,7% nel 2024 (dall'1,6%), colmando virtualmente il divario con la produzione potenziale.
 
Anche l’inflazione è stata però rivista al rialzo, e ora è prevista al 5,8% nel 2023 (dal 5,6%) e al 2,8% (dal 2,5%) nel 2024 nell'area dell'euro. Con i salari che aumentano meno dell’inflazione, il potere d’acquisto continua a diminuire facendo scendere per questa via i consumi (l’effetto di smobilizzo del risparmio accumulato durante la pandemia sembra esaurito).
 
L’aumento degli investimenti può certo sostenere la domanda aggregata e per questa via il PIL. Ma solo se questi determinano un aumento della produttività. Diversamente un aumento degli investimenti che aumenti l’offerta, scontrandosi con una domanda interna debole, può solo determinare una flessione dei prezzi. Da valutare il ruolo dell’export, che potrebbe anche consentire il soft landing.
 
Ed è proprio l’export che probabilmente sosterrà la crescita economica dell’Europa. Negli ultimi due anni il netto deterioramento delle ragioni di scambio, con l'aumento dei prezzi dell'energia (importata), ha provocato un trasferimento del potere d'acquisto dall'UE al resto del mondo. Con i prezzi dell'energia in rapido calo, l'atteso miglioramento delle ragioni di scambio determinerà un'inversione di questo effetto, a vantaggio di tutti i settori domestici dell'economia: famiglie, imprese e governi.
 
Finora, le famiglie e le finanze pubbliche hanno sostenuto gran parte del peso maggiore dell'elevata inflazione importata, poiché la crescita dell'occupazione compensa solo parzialmente il calo dei salari reali e delle finanze pubbliche decise a proteggere le famiglie e le imprese dall'impatto negativo dei prezzi elevati dell'energia. Le aziende sono generalmente riuscite a trasferire i maggiori costi di produzione sui consumatori. Tuttavia, i settori e le imprese più energivore sono in difficoltà. Ma il calo dei prezzi dell'energia dovrebbe consentire loro di recuperare una parte della redditività perduta, così come consentire ai governi di contenere il costo delle misure di sostegno o di eliminarle del tutto.
 
Il progressivo consolidamento dell'inflazione core ha indirizzato le autorità monetarie dell'UE verso la continuazione della stretta monetaria. I tassi di interesse a lungo termine non si sono tuttavia quasi mossi. Le condizioni monetarie più restrittive si stanno alimentando attraverso il canale del credito: i costi di indebitamento sono in aumento, mentre i flussi di credito stanno diminuendo. Il crollo della Silicon Valley Bank e di altre due banche statunitensi e i problemi con il Credit Suisse si sommano agli effetti dell'aumento dei tassi ufficiali. Anche se ben capitalizzate e attentamente controllate, la minore tolleranza al rischio delle banche dell'UE sta tuttavia portando ad un ulteriore inasprimento degli standard di prestito.
 
 
 
Ma davvero la Germania è messa così male? E per l'Europa che cosa vuol dire?
 

Articoli Correlati

Ma davvero la Germania è messa così male? E per l'Europa che cosa vuol dire?

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (5)
Pietro Andrich
Pietro Andrich 31.05.2023 22:36
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
i problemi sono più che altro politici,con questa Ampel-koalition rissosissima,incapace di decidere e un cancelliere tentenna e incapace di comunicare. il 70% dei tedeschi disapprova l' esecutivo e si augura la anticipata fine della legislatura. Se si votasse oggi,l' attuale coalizione non arriverebbe neppure al 40%
Bruno Colombo
Bruno Colombo 31.05.2023 21:57
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sono messi talmente male che che il dax si muove ancora sui  massimi storici.....assurdo
Giuseppe Anselmi
Giuseppe Anselmi 31.05.2023 21:57
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
perchè semplicemente non sono messi male. Hanno il doppio del pil italiano (4mila mld di usd con tro i 2mila nostri) e 500 mld di euro di debito pubblico in meno di noi e quindi debito/pil al 60%
Stefano Basilico
Stefano Basilico 29.05.2023 20:00
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
messa talmente male che a differenza nostra é riuscita a fare crescere gli stipendi di un 20-30% dal 2000 in poi...noi col nostro disastro ci mettiamo pure a giudicare i migliori ahahaha
Diego Sabau
Diego Sabau 29.05.2023 18:46
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
e finita un era.....il nuovo mondo sta entrando.....
Baggi Roberto
Baggi Roberto 29.05.2023 18:27
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Speriamo che sia vero..ma ho dei seri dubbi.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email