Ultime Notizie
0

Occhi sulla crescita globale (e cinese)

it.investing.com/analysis/occhi-sulla-crescita-globale--e-cinese-200224130
Occhi sulla crescita globale (e cinese)
Da Alessandro Balsotti   |  12.02.2019 09:14
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Hedgeye
Hedgeye

La fase laterale di consolidamento (vicina ai massimi di periodo) continua. Un accordo per evitare una nuova chiusura governativa sembra alle porte. La massima disponibilità della Fed ad evitare, nei limiti delle sue possibilità, il ripetersi di fasi ad alta volatilità ribassista come quella dicembrina sembra ormai ‘incassata’. Il punto chiave diventa a questo punto l’evoluzione dell’economia globale che continua a fornire segnali non troppo incoraggianti.

Una Fed che abbandona il suo percorso di normalizzazione mostrando la massima ‘pazienza’ possibile nell’attendere un quadro macroeconomico auspicabilmente più chiaro (anche lasciar depositare il polverone causato dallo shutdown governativo di gennaio fa parte del gioco) è stata comprensibilmente un’ottima notizia per i mercati finanziari, rimessi per l’appunto in carreggiata dalla virata di Powell arrivata proprio quando la paura e il pessimismo erano massimi. Soprattutto lo è stata in quanto l’attivismo della Fed è stato frenato in maniera preventiva, conl’economia reale (a differenza degli indici azionari che avevano inscenato una discesa significativa con una volatilità ribassista estrema) che finora si è limitata a mostrare qualche segnale di affaticamento ma non certo di cedimento più importante. Qui sta infatti il vero nodo della questione. Il rallentamento globale degli ultimi mesi è innegabilmente davanti ai nostri occhi. Sarà solo una fase fisiologica,su cui hannopesato/stanno pesando tra le altre cose anche le tensioni tra Stati Uniti e Cina, destinata a produrre una ripartenza in grado di sfruttare quello che resta di un ciclo maturo grazie a banche centrali accomodanti e aziende ancora in grado di generare utili crescenti? Oppure stiamo vedendo solo l’inizio di una avvitamento più sinistro, con stimoli fiscali in diminuzione, una fiducia più precaria dopo la lunga espansione e l’esposizione debitoria che inizia a pesare? Credo che a questo punto l’atteggiamento della Fed possa essere un facilitatore in caso di ripresa o una stampella in caso di ulteriore rallentamento ma non potrà più essere la determinante principale del destino dei mercati. Il quadro macro è diventato più importante e non sorprenderà nessuno sentirsi dire che la Cina rappresenta a questo punto il più importante ‘focolaiodi monitoraggio’.

Brexit
Brexit

Fonte: Deutsche Bank (DE:DBKGn).Un forte rallentamento cinese è un rischio più imminente e più grave di una Trade War o di un no-deal Brexit...

Cina. L’attivismo dei policy-makers cinesi degli ultimi mesi non può essere messo indubbio.A partire dalle misure di supporto monetario più convenzionali (ripetuti tagli alla riserva obbligatoria, copiose iniezioni di liquidità) passando per soluzioni meno ortodosse (ricapitalizzazioni bancarie con incentivi a supportare il canale creditizio verso l’economia reale) fino a tagli fiscali importanti, si è cercato di fornire una rete di protezione e rilancio con una certa costanza. Se questo debba essere un segnale dio conforto oppure di allarme resta una domanda apertae, come tutte quelle che riguardano l’economia dell’ex Impero di Mezzo, assai complicata, con rilevazioni macroeconomiche che sono da sempre discutibili nella loro affidabilità. Quello che va notato è la crescente difficoltà con cui misure di stimolo monetario riescono ad arrivare all’economia reale con una velocità di circolazione dellamonetache, a differenza del passato, è rimasta impassibile di fronte ai tentativi degli ultimi mesi (vedi grafico sotto).Da questo punto di vista la rilevazione e l’analisi delle variabili monetarie sta diventando almeno altrettanto importante di quelle riguardanti lo stato dell’espansione economica propriamente detta. Oggi verrà pubblicato il dato sulla creazioni di nuovi prestiti e sulla crescita della base monetaria (M2). Venerdì sarà il turno di PPI e CPI.

Cina
Cina

Mercati Emergenti. E’ stata più volte indicate negli ultimi tempi come l’asset class (nelle sue molteplici articolazioni obbligazionarie e azionarie) da avere assolutamente in portafoglio. Valutazioni più che ragionevoli, dollaro in potenziale indebolimento (secondo le previsioni di molti) e, soprattutto, banche centrali (Fed in primis) molto reattive nel fornire supporto monetario non appena percepito come necessario alla stabilità finanziaria (la predisposizione ormai quasi genetica a privilegiare la stabilità attuale rispetto quella prospettica è probabilmente un buon schema di riferimento da tenere presenteper inquadrare la situazione). Indubbiamente un contesto allettante per questa asset class. L’ospite indesiderato al festino rischia di essere il rallentamento globale. Una crescita economica almeno discreta (in Cina soprattutto) è sempre stata un ingrediente fondamentale, da non sottovalutare neanche in questa occasione, di buone performance di azioni ed obbligazioni emergenti. Nelle ultime due settimane ho ricevuto numerosi report che sottolineavano i copiosi inflows arrivati su questi mercati nella fase di risk-on post natalizia. Nel grafico sotto ho cercato contestualizzare come una partecipazione robusta ed impulsiva degli investitori sisia in passato rivelata più un campanello di allarme (maggiore vulnerabilità futura) che un segnale confortante da seguire ciecamente.

JPM
JPM

Intanto ieri la forza del dollaro si è fatta sentire anche e soprattutto con le valute emergenti, pur in una sessione benigna sul fronte azionario. Gli effetti positivi innescati da Powell (nel discorso del 4 gennaio prima e nel FOMC del 30 gennaio poi) si stanno affievolendo e,con uno spesso consueto contrappasso, proprio la valuta che meglio aveva sfruttato la situazione (lo ZAR) è quella che ora sto soffrendo di più (ha perso quasi il 5% vs USD dai massimi di fine gennaio).

USD
USD

Banche centrali
Banche centrali

Fed accomodante...le banche centrali dei paesi emergenti si adattano: rialzi e tagli ora previsti in egual misura...

Earningsrecap. A Wall Street abbiamo ormai oltrepassato la metà del reporting trimestrale.Finora le attese sono state battute da una percentuale abbastanza in linea con la media storica, seppur non entusiasmante (60% per gli utili, 53% per iricavi). Nel frattempo gli analisti stanno rivedendo al ribassole stime per i prossimi trimestri con una certa solerzia. Si aspettano ora un marginale calo (-0.1%) y/y per gli utili del Q1. Sarebbe la prima contrazione dal 2016. Solo 6 settimane fa le aspettative erano per una crescita del 5.3%. Anche per i trimestri successivi le stime sono in calo ma restano per una crescita positiva: +3.6% y/yperil Q2 e +4.3% y/y per l’intero 2019. Questo significa che, grazie anche alrobusto rimbalzo degli indici in questo primo scorcio di 2019, i multipli hanno ripreso notevolmente quota rendendo più vulnerabilii corsi azionari. L’aspetto positivo è invece che man mano che ci avviciniamo alla fina della fase di reporting il supporto al mercato generato dal flusso dei buy-backs dovrebbe tornare a farsi sentire.

S&P 500
S&P 500

Brexit. Non ci sono particolari novità e il tempo passa. Non è chiaro se e quando ci sarà un secondo ‘meaningul vote’ sull’accordo May (presumibilmente su una versione riveduta dello stesso). Non sarà questa settimana (il 14 sembrava la data prescelta fino a poco tempo fa) e lo slittamento verso fine mese sembra ormai certo. Quello che resta evidente è il dilemma di fronte al quale si trova il Primo Ministro: a) sterzare verso la posizione dei Laburisti (Custom Union) e spaccare il suo partito; b) abbracciare il ‘caos purificatore’ (così descritto recentemente dall’Economist) del no-deal o quantomeno lo spauracchio che la sua minacciarappresenta. Avvicinarsi sempre di più al ciglio del burrone (la scadenza del 29 marzo) nella speranza che si apra una via di uscita è una strategia comprensibile e, dal punto di vista della teoria dei giochi, anche logica. Non per questo meno rischiosa.

Il market mover ‘notturno’ è stata la notizia che un accordo su come evitare un nuovo shutdown (deadline il 15) sia alla portata. Uno sviluppo positivo (durante il fine settimana i tentativi erano risultati infruttuosi) che è valso circa 50bp di recupero sul future dell’S&P 500. Il potenziale accordo vedrebbe una concessione di 1.4 bio USD di fondi per 55 miglia di nuove barriere di confine (5.7 bio eral’importo inizialmente chiesto dalla Casa Bianca) e qualche concessione dei democratici sul tetto al numero di ‘letti di detenzione’ nelle strutture di confine per gli emigranti che vengono arrestatisul suolo statunitense.

Un misto di dati macro (US: CPI domani, vendite al dettaglio giovedì; Cina: bilancia commerciale giovedì, PPI/CPI venerdì), micro (giovedì il giorno più interessante con NVIDIA, Coca-Cola (NYSE:KO), Kraft), banche centrali (RBNZ e Riksbank, entrambe mercoledì) e scadenze politiche (negoziati a Pechino con Lighthizer, Mnuchin e Liu He, scadenza per lo shutdown il 15, deadline per il rapporto sul trade US-EU – articolo 232 -il 17) manterrà viva la nostra attenzione nelle prossime sessioni. Buona giornata.

Il desk rimane come sempre a disposizione per ulteriori approfondimenti.

JCI Capital
JCI Capital

Le informazioni contenute nel presente documento (l’”Informativa”) hanno il solo ed unico scopo di fornire elementi di studio, analisi o simulazioni sull’andamento dei mercati finanziari. Ogni lettore deve considerarsi responsabile per i rischi dei propri investimenti e per l’uso che fa delle informazioni contenutenell’Informativa.

Le informazioni ivi contenute non rappresentano, né possono essere interpretate, come un’offerta, ovvero un invito, all’acquisto o alla vendita di quote dei fondi d’investimento o di altri prodotti finanziari eventualmente nella stessa citati.

L’unico scopo di questo lavoro è fornire elementi il più possibile accurati ed aggiornati di supporto per analisi tecniche sull’andamento dei mercati e in nessun caso rappresenta una sollecitazione di pubblico risparmio ovvero un invito ad acquistare o vendere titoli quotati sui mercati finanziari; eventuali messaggi in qualsivoglia forma ed in qualsivoglia maniera esposta sono da ritenersi sempre ed esclusivamente delle simulazioni o ipotesi di studio.

Le informazioni riportate nel presente documento sono state elaborate da JCI Capital. Tuttavia, l’utente prende atto che JCI Capital non garantisce in alcun modo l’esattezza e/o la completezza delle informazioni, dei testi, dei collegamenti, dei grafici o di eventuali altri elementi contenuti nel presente documento.

Si declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati, danni (inclusi il dannoper perdita o mancato guadagno), perdita di informazioni o altre perdite economiche, danni direttio indiretti, incidentali o consequenziali, derivanti dall’uso o dalla divulgazione delle informazioni contenute nella presenteInformativa.

L’analisi tecnica contenuta nell’Informativa è il frutto di una mera attività di studio. Non vi ècertezza circa l’andamento futuro. I risultati passati quindi, non forniscono alcun tipo di garanzia per i guadagni (risultati) futuri. Si declina pertanto ogni responsabilità per eventuali conseguenze che dovessero causarsi, a chiunque ed a qualsiasi titolo, per l’utilizzo dei contenuti della presente Informativa che in nessun caso potranno essere considerati come sollecitazione diretta o indiretta al pubblicorisparmio.

In ragione di quanto precede, la presente Informativa va considerata esclusivamente quale strumento di analisi dei mercati finanziari ed è pertanto rivolta a professionisti con una elevata cultura finanziaria assimilabili ad un investitore professionale.

Poiché le indicazioni riportate vengono fornite come semplici spunti di riflessione, si declina qualsiasi tipo di responsabilità, sia a carico dello staff di JCI Capital che di collaboratori esterni, per le eventuali conseguenze negative che dovessero derivare da una operatività fondata sulla loro osservanza. L’utilizzo dei dati e delle informazioni contenute nella presente Informativa come supporto di scelte di operazioni di investimento è pertanto a completo rischio dell’utente”.

Occhi sulla crescita globale (e cinese)
 
Occhi sulla crescita globale (e cinese)

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email