Ultime Notizie
Investing Pro 0
NOVITÀ! Ottieni spunti utili con InvestingPro+ Inizia con 7 giorni GRATIS

Ridurre l'inflazione? Sganciare prezzo dell'energia elettrica dal gas

Da Antonio TognoliMercati azionari29.09.2022 06:52
it.investing.com/analysis/ridurre-linflazione-sganciare-prezzo-dellenergia-elettrica-dal-gas-200457132
Ridurre l'inflazione? Sganciare prezzo dell'energia elettrica dal gas
Da Antonio Tognoli   |  29.09.2022 06:52
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
EDF
0,00%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
Le stime di crescita del PIL tedesco (e di riflesso dell’Europa) sono in costante flessione, mente quelle dell’inflazione continuano ad essere riviste al rialzo. Non è un bel segnale per l’intera Europa, visto che il PIL della Germania rappresenta il 30% circa del PIL dell’eurozona. Quali sono i possibili sviluppi dell’economia tedesca? Ci sono due documenti che ne mettono in luce le difficoltà. Il primo del 22 agosto è della Bundesbank mentre il secondo del 25 agosto proviene dall’IFO.
 
La banca centrale tedesca ha stimato che il 4Q22 e oltre, l’andamento economico sarà fortemente influenzato dagli sviluppi poco favorevoli del prezzo del gas, che trascina e sostiene l’inflazione che potrebbe raggiungere il 10% nel corso del 4Q22. A complicare il quadro, la debolezza dell’euro che sebbene favorisca l’export, aumenta il prezzo dei prodotti importati, sostenendo per questa via l’inflazione. Non va dimenticato infatti come i beni principali da cui dipende l’economia tedesca (e quella europea), sono in gran parte indicizzati proprio in dollari. Fra tutti, l’energia.
 
Il secondo documento è l’aggiornamento del Business Climate Index rilasciato dall’IFO. Il dato, come noto, indica lo stato attuale e le aspettative da parte delle imprese circa il clima economico e rappresenta un indicatore fondamentale per capire le aspettative delle imprese. Il dato tedesco mostra una continua flessione delle aspettative economiche dall’inizio della guerra. Diversamente da quanto previsto dalla Bundesbak, le aziende tedesche si aspettano un calo del PIL già nel terzo e quarto trimestre di quest’anno e che potrebbe prolungarsi fino al 2023.
 
Di fronte ad una recessione più o meno grave (la valuteremo), la BCE manterrebbe la politica monetaria restrittiva aggravando la situazione? Nel caso in cui la BCE diventasse meno falco, è possibile che la politica monetaria diverga da quella della FED, che si è dichiarata molto aggressiva nei confronti dell’inflazione. I tassi USA più elevati potrebbero attrarre capitali Europei in cerca di maggiori rendimenti e per questa via rafforzare ulteriormente il dollaro. Questo farebbe aumentare ulteriormente il costo delle materie prime denominate in dollari (la maggioranza) importando inflazione.
 
Ma esiste un altro rischio potenziale che riguarda l’intera Europa. Rischio legato al contagio della crisi economica al settore finanziario, scatenata dal continuo aumento del prezzo dell’energia che finirebbe per avere pesanti ripercussioni proprio sulle aziende che producono energia.
 
In primo luogo perché l’elevato prezzo potrebbe non consentire ai loro clienti (aziende e privati) da pagare le bollette. In secondo luogo perché la piattaforma EEX, dove vengono scambiati i future sull’energia, chiede alle società elettriche di fornire garanzie aggiuntive per i future posti in essere. Le società elettriche si trovano quindi nella situazione in cui le forniture sono sempre più costose, i clienti sempre più in difficoltà, ma necessitano di finanziamenti bancari crescenti per fornire le necessarie garanzie per poter operare.
 
Il rischio, si capisce immediatamente, è quello che molte aziende elettriche non riescano a reggere a lungo, scatenando sui mercati finanziari un effetto simile a quello dei mutui subprime. Potrebbe non essere un caso che il governo francese sia nazionalizzando la principale compagnia elettrica del paese, EDF (EPA:EDF), e che la più grande società tedesca di intermediazione del gas, Uniper SE, abbia chiesto al governo un piano di salvataggio.
 
In altre parole, i prossimi mesi si preannunciano problematici per la Germania e l’Europa.
 
Che cosa si può fare da subito? Intanto disaccoppiare il prezzo dell’energia elettrica da quello del gas. All'inizio del secolo è stato deciso di legare l'andamento del prezzo dell'elettricità, compresa quella prodotta da fonti rinnovabili, a quello del gas, con il vantaggio di incentivare gli impianti green garantendo margini di guadagno maggiore e compensando gli investimenti iniziali per realizzare impianti eolici o solari.
 
Il prezzo dell'elettricità legato a quello del gas è stato pensato in un'altra era energetica e ha retto fino a che il prezzo del gas non si è impennato portandosi dietro anche quello dell'elettricità. In Italia per esempio circa la metà dell'elettricità è prodotta da centrali a gas che garantiscono quella continuità che al momento le rinnovabili non hanno (il sole non c'è di notte e il vento non soffia sempre).
 
Come noto, il prezzo del gas viene determinato al Ttf, il mercato di riferimento per l'Europa che ha sede ad Amsterdam, dove vengono scambiati future, ovvero contratti che stabiliscono l'acquisto o la vendita di una certa quantità in una certa data. Come tutte le Borse, anche quella del gas di Amsterdam, è soggetta alla speculazione, fortemente aumentata con l'attacco russo all'Ucraina.
 
Il disaccoppiamento avrebbe come benefici, quello di ridurre immediatamente il prezzo dell’energia elettrica, trasferendo gli extra profitti agli utenti, ma riducendo in modo sostanziale l’inflazione. Aspettiamo il meeting dei ministri dell’energia dell’11-12 ottobre prossimo per capire se ci sarà un accordo. Da questo dipende una buona parte del destino della Germania e quindi dell’intera Europa e probabilmente anche dell’Euro.
 
Ridurre l'inflazione? Sganciare prezzo dell'energia elettrica dal gas
 

Articoli Correlati

Eugenio Sartorelli
Analisi Ciclica sull'S&P500 Da Eugenio Sartorelli - 09.12.2022 8

Vediamo di fare un’Analisi Ciclica sull’Indice S&P500 (in realtà il future miniS&P500) per capire i potenziali sviluppi per i prossimi giorni.  Osserviamo l’andamento del...

Ridurre l'inflazione? Sganciare prezzo dell'energia elettrica dal gas

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
MASSIMO BIZZARRI
MASSIMO BIZZARRI 29.09.2022 17:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Articolo illuminante.Vorrei capire un po’ di più:a cavallo del 2001 2003 2006 e 2008 abbiamo assistito a fimmate sui prezzi del natural gas che lo hanno portato su valori anche decisamenti più elevati di quelli attuali ma non ricordo tuttavia bollette impazzite come ora.Cosa è cambiato nel frattempo nel meccanismo di formazione dell’energia elettrica?
Emanuele Paris
Bigmème 29.09.2022 15:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
p.s.: per quanto riguarda il problema della copertura finanziaria, la soluzione è semplice: lo stato si deve fare garante per ogni azienda che intermedia gas ed energia elettrica. A quel punto teoricamente senza tirar fuori un euro si risolve il problema. Si dovrebbe dire: nessuna azienda energy fallirà, gli stati UE garantiscono tutto. A quel punto la speculazione non avrebbe più margini.
Federico Rognone
Federico Rognone 29.09.2022 15:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
non vorrai mica levare alla giostrina della borsa uno dei cavallucci più divertenti?
Emanuele Paris
Bigmème 29.09.2022 15:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
p.s.: io credo che tassi di cambio contro dollaro a questi livelli siano insostenibili per tutto il mondo. Non è un caso che sia la banca del giappone, sia la banca d'inghilterra, sono intervenute per calmierare il cambio. Ma se la FED non si sbriga e non stabilizza il saggio d'interesse, le altre banche dovranno andargli dietro. E queste sono economie con riserve valutarie importanti. Si cominciano già ad avere notizie di paesi più piccolo ed indebitati (spesso in dollari) allo stremo proprio per il problema cambio.
Emanuele Paris
Bigmème 29.09.2022 15:09
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Io credo che la BCE non ammorbiderà la sua politica monetaria, sempre che non si voglia convivere con un inflazione elevata che presto o tardi comunque presenterebbe un conto anche superiore di una recessione. Per altro se provasse a farlo dovrebbe comunque intervenire sul mercato dei cambi vendendo dollari: tenere un cambio del genere determinerebbe inflazione importata che inficerebbe in parte la politica monetaria restrittiva. Il problema è che verrebbe ad essere un intervento unilaterale visto che in questo momento la FED non può aiutare, cosi come non ha aiutato la banca centrale giapponese. In questi casi interventi unilaterali non portano lontano. Comunque la si metta, non si può non passare per una recessione: la durante e l'intensità dipenderà da come la si vorrà affrontare.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email