Ultime Notizie
0

Titoli bancari sotto la lente

it.investing.com/analysis/titoli-bancari-sotto-la-lente-200222785
Titoli bancari sotto la lente
Da Pasquale Ferraro   |  11.10.2018 11:53
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 


In buona parte della sessione odierna abbiamo notato che alcuni titoli del settore bancario erano riusciti a contenere le perdite nonostante il deciso ribasso di Piazza Affari, purtroppo nelle ultime due ore alcuni di essi sono tornati al centro delle vendite come per esempio Intesa, Bper Banca (MI:EMII) ed Unicredit (MI:CRDI).

Andiamo ora ad analizzare alcuni dei principali titoli di Piazza Affari.

INTESA SANPAOLO (MI:ISP):
Inverte la rotta il titolo bancario che cede circa 3 punti percentuali. I corsi dovranno testare quota 2.01 euro, ultimo livello che dovrà frenare i corsi ed evitare che il titolo si possa spingere fino a 1.97 euro in prima battuta ed evitare così di raggiungere il successivo target a 1.89 euro. Primi segnali positivi oltre quota 2.28 euro in chiusura.

UNICREDIT:
Contiene le perdite Unicredit (-1.30%) che al momento staziona in area 12.0 euro. E’ fondamentale che il titolo rimanga al di sopra di area 11.80 euro poichè la sua violazione potrebeb spingere le quotazioni fino a 11.26 euro. Il sostegno di lungo periodo è posizionato a quota 10.28 euro, ultimo livello che avrà il gravoso compito di impedire al titolo bancario nuovi affondi.
Recuperi fino a 14.88 euro non modificheranno la struttura ribassista; i primi e reali segnali di ripresa giungeranno solo oltre area 15.35 euro in chiusura di seduta e con tenuta settimanale per il test a 16.0 euro (1° target).

BPER BANCA:
Come già accennato più volte, la violazione di 4.01 euro avrebbe fatto scattare nuovi segnali di allarme con conseguente ritorno dei prezzi a 3.77 e 3.61 euro in prima battuta. Il successivo sostegno strategico è posizionato a 3.41 euro la cui rottura (in particolar modo in chiusura) potrebbe spingere i corsi a 3.22 e 3.16 euro in prima battuta intravedendo così il minimo storico a 2.51 euro. Primi segnali di ripresa oltre 4.58 euro in chiusura.

Unione di Banche Italiane SpA (MI:UBI) :
Il successivo riferimento da monitorare è quello situato a 2.94 poichè la sua violazione (in particolar modo in chiusura) potrebbe permettere al titolo bancario di raggiungere quota 2.77 euro in prima battuta. Reali segnali di ripresa oltre i 3.70 euro con tenuta settimanale.

Mediobanca (MI:MDBI):
In rosso anche Mediobanca (MI:MDBI) (-1.20%) che dovrà evitare di sostare al di sotto di 7.78 euro ed evitare così il successivo target a 7.25 euro. Un recupero al di sopra di 8.50 euro (in chiusura) potrebbe allentare momentaneamente le tensioni e favorire una estensione fino in area 8.80 euro in prima battuta.

BANCO BPM (MI:PMII):
I corsi dovranno cercare di costruire una base da cui ripartire in area 1.82 euro, ultima spiaggia che avrà il gravoso compito di facilitare un rimbalzo altrimenti sarà difficile evitare un ritorno dei corsi a 1.77 euro, prezzo minimo storico, e successivamente in area 1.69 euro. Un recupero al di sopra di 2.18 euro (in chiusura) potrebbe allentare momentaneamente le tensioni e favorire una estensione sui 2.36 euro, resistenza decisiva per assistere ad una inversione dell’attuale tendenza. Il titolo in 5 anni ha ceduto il 77%, peggior titolo del settore del principale listino, seguito da Unicredit e Ubi (MI:UBI) Bca.

BANCA MEDIOLANUM (MI:BMED):
Tenere sotto osservazione il sostegno decisivo di 5.29 euro per il test in area 5.02 euro. Verso l’alto diventa essenziale la rottura di 6.06 euro (in chiusura) per puntare verso il primo target a 6.39 euro (6.69 euro 2° obiettivo).

Banca IFIS SpA (MI:IF):
La violazione di quota 17.72 euro ha fatto scattare ulteriori segnali di allarme; ciò ha provocato una nuova ondata di vendite che ha spinto i corsi fino a 16.24 euro, prezzo minimo ultimi 26 mesi. Il quadro tecnico resta ancora in mano ai ribassisti e anche recuperi fino a quota 24.0 euro non modificheranno una struttura ormai consolidata che per subire variazioni significative dovrà attendere il superamento di 30.0 euro almeno. Negative discese al di sotto di 15.85 euro (in particolar modo in chiusura), preludio al riavvicinamento della soglia molto critica a 15.32 euro. Monitorare con estrema attenzione questo ultimo riferimento poichè la sua rottura (in chiusura) spinerà la strada a nuovi ribassi con target anche fino in area 13.10 euro. Occhio alla volatilità, ai prezzi che sembrano invitanti e alla volatilità.

Titoli bancari sotto la lente
 

Articoli Correlati

Titoli bancari sotto la lente

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email