Acsm Agam SpA (ACAG)

Milano
2,430
+0,090(+3,85%)
  • Volume:
    29.560
  • Denaro/Lettera:
    2,390/2,440
  • Min-Max gg:
    2,340 - 2,450
  • Tipologia:Azione
  • Mercato:Italia
  • ISIN:IT0001382024

ACAG Panoramica

Chiusura prec.
2,34
Min-Max gg
2,34-2,45
Ricavi
56,16B
Apertura
2,37
52 settimane
1,925-2,68
EPS
19
Volume
29.560
Cap. mercato
47,95B
Dividendo
8,00
(342,00%)
Volume Medio (3m)
9,802
Ratio Prezzo/Utile
1.234,00
Beta
59
Variazione su 1 anno
1.912%
Azioni in circolazione
-
Prossima Data Utili
10 nov 2021
Acsm Agam SpA: qual è il tuo sentimento?
o
In questo momento il mercato è chiuso e le votazioni riprenderanno in orario di contrattazione.

Acsm Agam SpA Notizie

Acsm Agam SpA Analisi

Sommario Tecnico

Tipo
5 min
15 min
Ogni ora
Giornaliero
Mensile
Media mobileCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra Adesso
Indicatori tecniciCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra Adesso
RiassuntoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra Adesso

Acsm Agam SpA Profilo Aziendale

Acsm Agam SpA Profilo Aziendale

Settore
Utenze
Dipendenti
896
Mercato
Italia

Acsm-Agam S.p.A. è una società con sede in Italia impegnata nei servizi di pubblica utilità. La società è attiva nella distribuzione e vendita di gas; distribuzione e vendita di acqua; gestione del sistema fognario; generazione e gestione di energia elettrica e calore; Vendita di gas naturale compresso (compressed natural gas, CNG) per veicoli a motore e raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti. A partire dal 31 dicembre 2011, la società ha generato energia e calore attraverso due impianti di cogenerazione. Opera nei comuni di Como e Monza, così come in altre città delle regioni italiane: Lombardia, Veneto e Friuli. A partire dal 31 dicembre 2011, la società aveva un numero di società controllate, tra cui Comocalor SpA, Enerxenia SpA, EnerCalor Srl, ACSM-AGAM Reti Gas-Acqua Srl e Serenissima Gas SpA.

Leggi altro
  • Credo che potrebbe essere delistata con una OPS con azioni A2A, spero con un premio rispetto alle quotazioni attuali dei due titoli di almeno il 20% a favore di ACSM
    0
    • Sul mercato ci sarebbe il 5% delle azioni. Che senso ha? Non è meglio delistarla?
      0
      • E' per quello che le tengo
        0
      • 0
    • Semestrale con risultati estremamente interessanti.Flottante ormai ridottissimo
      0
      • Ma non ha scambi questo titolo?
        0
        • Il flottante è limitato, la salita recente mi fa pensare possa entrare in un consolidamento del settore
          0
        • Lucio GuelfoDividendo quando paga?
          0
      • Se ne parla poco ma un settore che, strategicamente avrebbe molto senso coinvolgere in una fase di consolidamento, è quello delle utility soprattutto in vista degli stringenti obiettivi di riduzione della co2. A2A (MI:A2), Hera (MI:HRA), Iren (MI:IREE), Acea (MI:ACE) sono allo stesso tempo troppo piccole per rimanere da sole e abbastanza gradi da continuare ad annettere le piccole municipalizzate.
        0
        • fonte Proiezioni di borsa Non leggiamo raccomandazioni di altri analisti che coprono il titolo. I nostri studi invece, dopo aver normalizzato i bilanci degli ultimi anni, calcolano e stimano un fair value in area 5,50. Precisiamo che questo è a parer nostro un livello intermedio, e che nei prossimi mesi siamo propensi a rivedere ulteriormente al rialzo e di non poco le nostre stime.La nostra strategia di investimentoLa tendenza di breve, medio e lungo termine è rialzista. Il nostro consiglio operativo è di comprare il titolo a mercato con stop loss di lungo termine a 2,25 ed obiettivo primo a 1/3 mesi in area 2,78 e a 6/9 mesi in area 2,94/3,20. Primo supporto di breve a 2,34.Il nostro giudizio sul titolo è Strong Buy Long term.
          0
          • Sul sito ACSM il flottante aggiornato aprile e' ca il 10% di cui il 5% di Ascopiave.secondo me A2A vuole avere la maggioranza e comprerà dai comuni aL tre azioni
            0
            • Da sito sul mercato 10% di cui 5% di ascopiave .secondo me A2A vuole superare il 50% e comprerà dai comuni 👍💪
              0
              • C'è qualche altro speculative buyer come me che è entrato dopo aver visto ascopiave al 5%?
                0
                • Mi correggo, guardando sul sito la composizione dell’azionariato si evince che escludendo il 5% acquistato da Ascopiave, il flottante residuo e’ solo del 5 %
                  0
                • esatto. i comuni non hanno una lira, secondo me sono intenzionati a vendere. un'opa costerbbe poco se ascopiave lrh e a2a si mettessero d'accordo
                  0
                • LRH e’ costituita dai comuni di Lecco e provincia, credo che sarebbe interessata a monetizzare.
                  0
              • Ottimo piano di sviluppo per i prossimi anni se leggi online ;)
                0
                • Lateralizza da metà dicembre con scarsi volumi, qualche suggerimento?
                  0
                  • Ciao ragazzi sapete per caso se c'e' qualcuno di molto bravo da seguire sui social che tratta investimenti?
                    1
                    • Non ti fidare di ciò che passa i social, impara a leggere i bilanci e i grafici, almeno non incappi in titoli sopravvalutati o peggio con bilanci disastrati.
                      0
                  • ciao ragazzi vi consiglio di dare un'occhiata agli ultimi video su histagrm di Zoom-Profit
                    0
                    • ciao
                      0
                      • E spacca pure tu
                        0
                        • se sale... bella...peccato son fuori ma già da ieri dovevo capirlo, va be pazienza
                          0
                          • Vediamo quanto ci mettono ad annunciare al mercato che A2A vuole tutta ACSM (SONO MIE CONSIDERAZIONI) ma il rastrellamento e’ evidente. Considerando il fatto che il mercato possiede solo il 10%e a2a il 41% chi vorra’ avere per primo la maggioranza.
                            2
                            • “La prima ‘Hydrogen Valley’ d’Italia nascerà tra Sebino e Valcamonica: adesso, con A2A, si passa allo ‘studio e l’individuazione della migliore modalità di produzione e fornitura di idrogeno verde’. E la collaborazione tra le due aziende dovrebbe garantire un’ulteriore accelerazione per il progetto di mobilità a impatto zero, consentendone la realizzazione in tempi brevi. Inizia così a delinearsi l’orizzonte entro cui sarà possibile muoversi per alimentare i nuovi treni della linea bresciana: si tratta dei 6 nuovi convogli che prenderanno servizio lungo i 100 chilometri della tratta entro il 2023 (l’accordo prevede poi l’arrivo di altri otto nel 2025) eliminando i locomotori diesel. E il relativo inquinamento ambientale”, ha aggiunto il quotidiano.
                              0
                              • ATTENDIAMO COMUNICA STAMPA
                                0
                                • L’autunno dei piani industriali di molte utility si è appena concluso. E tra chi ha aggiornato la strategy e chi ha fatto chiarezza in concomitanza con la diffusione dei conti del terzo trimestre c’è un grande comun denominatore: l’idrogeno. Da Enel a Snam passando per Terna, Eni, Saipem, ma anche A2a e Acea, tutte le big dell’energia hanno, seppur con tempi e capillarità diverse, introdotto l’idrogeno tra le fonti chiave della strategia futura. Una nuova corsa a posizionarsi sul mercato in vista di uno sviluppo a lungo termine che al momento vede Snam tra i leader italiani.
                                  2
                                  • Si rimaneva incastrati. Prima di ora ma il mondo cambia e ACSM AGAM POSSIEDE TRE CENTRALI IDROELETTRICHE IN PUN STRATEGICI CHE FARANNO GOLA A TUTTI E A2A gia’ per due paga 5,4 mil. Se qualcuno scala il resto rischia di perdere la maggioranza
                                    0
                                    • Pwc prevede 4,9 milioni di vetture elettriche per l'Italia entro il 2030, di cui 90.000 di tipo Phev (Plug-in Hybrid Electric Vehicle), e 4 milioni di Bev (Battery Electric Vehicle, ovvero 100% elettrici). Questo significa che serviranno fra 95.000 e 130.000 colonnine di ricarica, sparse capillarmente su tutto il territorio. Uno stravolgimento che colpirà quindi non solo l'automotive, ma anche il settore dell'energia. I casi e le ultime notizie su Be Charge, Neogy, Axpo, Nissan, Iveco
                                      0
                                      • Attenzione che si rimane incastrati. non fatevi incantare dalle solite .... SIRENE. Prima di entrare informatevi bene.
                                        0
                                        • Buongiorno, fatevi dire di PB che A2A possiede 41% di Agam e dopo l’accordo con FNM puntera’ a rastrellare il rimanente 10% d’azioni rimanente sul mercato. Possibile OPA altrimenti a2a se arriva qualche topolino che a sua volta la lancia sui comuni e al mercato rischia di perdere la maggioranza. E anziche’ pagare 5,4 milioni d’affitto per le due centrali rischierebbe di pagare il triplo visto l’ultimo accordo. Buona giornata a tutti
                                          0
                                          • grazie a proiezioni di borsa si sale
                                            0
                                            Disclaimer: Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici e future), criptovalute e Forex non sono forniti dalle borse ma dai market mover, quindi i prezzi possono non essere del tutto accurati e possono differire dagli attuali prezzi di mercato. Pertanto, i prezzi sono da considerarsi solo indicativi e non adatti per fini di trading. Fusion Media, dunque, non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite di capitale causate dall’uso di questi dati.
                                            Fusion Media o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non accetta alcuna responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio.
                                            La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.