Banca Monte dei Paschi di Siena SpA (BMPSm)

0,899
-0,283(-23,96%)
  • Volume:
    7.985
  • Denaro/Lettera:
    0,000/0,000
  • Min-Max gg:
    0,891 - 0,899
  • Tipologia:Azione
  • Mercato:Italia
  • ISIN:IT0005218752

BMPSm Panoramica

Chiusura prec.
1,182
Min-Max gg
0,891-0,899
Ricavi
-
Apertura
0,891
52 settimane
0,807-1,42
EPS
-
Volume
7.985
Cap. mercato
900,16M
Dividendo
N/A
(N/A)
Volume Medio (3m)
24.440
Ratio Prezzo/Utile
-
Beta
-
Variazione su 1 anno
-15,75%
Azioni in circolazione
1.002.405.887
Prossima Data Utili
09 feb 2022
Banca Monte dei Paschi di Siena SpA: qual è il tuo sentimento?
o
In questo momento il mercato è chiuso e le votazioni riprenderanno in orario di contrattazione.

Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Profilo Aziendale

Industria
Banche
Dipendenti
21297
Mercato
Italia

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. è una società con sede in Italia impegnata nel settore bancario. Fornisce servizi bancari, di asset management e di private banking, inclusi assicurazione sulla vita, fondi pensione e fondi comuni di investimento. Svolge la propria attività mediante tre segmenti operativi. Il segmento Retail Banking copre prestiti al consumo, assicurazioni, fornitura di servizi finanziari e non finanziari a clienti al dettaglio, gestione patrimoniale, pianificazione fiscale, consulenza finanziaria e pianificazione per clienti privati. La divisione Corporate Banking sovrintende le strategie operative del gruppo mirate a piccole e medie imprese, istituzioni e grandi società a cui offre prodotti di leasing, factoring, prestiti e finanziamenti, tra gli altri. Il segmento Corporate Center comprende la cancellazione delle partite infragruppo, le funzioni di tesoreria, di governo e di supporto. Trasferisce i crediti deteriorati (non performing loans, NPL) a Banca Ifis SpA e a Cerberus Management Capital LP.

Leggi altro

Tipo
5 min
15 min
Ogni ora
Giornaliero
Mensile
Media mobileVendiVendiVendiVendiVendi Adesso
Indicatori tecniciVendi AdessoVendi AdessoVendi AdessoVendi AdessoVendi Adesso
RiassuntoVendi AdessoVendi AdessoVendi AdessoVendi AdessoVendi Adesso
  • ma
    0
    • Ottima chiusura, sui massimi.
      3
      • gli ultimi secondi sembrava facesse come ieri .. ed invece guerra al ribasso con 4 pezzi
        0
        • hai visto che pochi secondi prima quanti 214 e 10 secondi prma delle 17.30 scomparsi tutti..
          0
        • si perché mi sa che se li son pappati portado il prezzo a 0.898 € cmq tutto automatizzato
          1
        • nel ultimo minuto di scambi li ho contati,sono 8 da 214
          1
      • Lunedì col Presidente eletto poi rincorrono... incapaci.
        5
        • scambi anomali che dite c'è qualcosa nel aria ?
          1
          • meno emissioni ci CO2
            4
          • ahahah nel weekend magari ?
            0
          • Saldi!
            1
        • Grandiiiii non avevo ancora visto quando sele sale con spicci quand'è scende scende con volumi. Che grandiiiiiii che sono
          3
          • che disastro
            7
            • Mps gestita dallo Stato. (il Tempo)
              3
          • UniCredit (MI:CRDI) dice addio alla possibile acquisizione di Otkritie Bank, la banca russa nazionalizzata nel 20217, a causa delle crescenti tensioni in Ucraina e delle possibili conseguenze, due giorni dopo l'incontro delle grandi società italiane - tra cui Enel (MI:ENEI) ed Eni (MI:ENI) - con il presidente Putin. GROSSISSIMO errore Germania e Francia non si muovono e L'Inghilterra limita al massimo il suo coinvolgimento. Peccato che Draghi ha messo il veto a opa Cinesi...chissà se anche Vs. la Russia. Un'opa russa non sarebbe male soprattutto in questo momento
            4
            • ma quale opa russa....
              2
            • ho detto che sarebbe bello e in ogni caso chiunque voglia lanciare un'opa non te lo viene certo a dire
              0
            • sicuramente
              0
          • in rosso anche UC adesso, indici in calo.
            4
            • davvero??
              0
          • hanno visto peggiorare il MIB, il DAX che perde il doppio nonostante DB a quasi 12 euro...
            3
            • DB utili record degli ultimi 10 anni
              0
            • vero, ha toccato i 12 euro stamani. MPS invece?
              2
            • p.s. DB e Nomura hanno transato le cause, sborsando un terzo del dovuto, MPS?
              3
          • Muovono il book di qua e di là .. ma adesso gli scambi veri restano fermi
            1
            • si ma se Intesa perde oltre l'1% inutile illudersi, entusiasmo non ce n'è e non ne sanno creare. Inoltre il 7 sera è lontano, ancora non hanno eletto il PdR e spostare Draghi significa qua interrompere tutto.
              3
          • Perchè tutti questi volumi questa mattina ? Quasi 800000 pz in trenta minuti ....
            1
            • è in rosso
              4
            • rosso
              2
            • dal grafico hanno accumulato difatti ci sono stati 4 colpi da 310k pezzi alle 10.17, 150k pezzi alle 10.40 238k pezzi alle 10.55 e 294k pezzi alle 11.15 e tutti gli ordini hanno fatto salire e non scendere come al solito la quotazione...
              0
          • UC già sgonfiata, Intesa in rosso... è solo questione di attimi e si torna sotto 0,9 fino al 7 sera.
            3
            • i conti non sono proprio eccezionali ...però vedi come si muove ? - In particolare, si legge in una nota della Fabi, l'intesa prevede un primo blocco di 950 uscite che saranno gestite con pensionamenti e prepensionamenti attraverso il Fondo di solidarietà, compensate da 475 assunzioni. - In pratica ogni 10 in uscita ne assume 6...forze fresche per nuove attività. perché mps è immobile, ma anche bper e gli altri ? perché verranno tutti accorpati entro l'anno
              1
            • codesto in Unicredit, MPS non fa nulla?
              3
          • Ordini tutti di 1310 pezzi, Art. 1310 codice civile - Prescrizione. cari seguaci di beppino, non contateci!
            5
            • Onore alle coperture di NPL e stage2 di Unicredit, livelli irraggiungibili anzi inimmaginabili per MPS...
              3
              • (da il Tempo) Fonti finanziarie fanno comunque sapere che Dg Comp si starebbe muovendo per evitare che il prolungamento del regime di nazionalizzazione risulti distorsivo della concorrenza nel mercato bancario.Sotto questo punto di vista Dg Comp (che da ormai quattro anni monitora lo stato di salute di Siena con controlli trimestrali affidati a un monitoring trustee indipendente) potrebbe spingere su tre leve nell'ambito del negoziato: riduzione del perimetro con dismissione di asset, abbassamento del cost/income dall'attuale 68,6% in un intorno del 55% e aumento del return on equity in zona 8% (alla fine del primo semestre era al 6,8%). Per quanto riguarda il capitale, dovrà poi essere mantenuto il rispetto dei requisiti minimi fissati dall'autorità di Vigilanza. E a quel punto, forse, potrebbe affacciarsi un altro «cavaliere bianco» (si parla del Crédit Agricole) o addirittura Orcel potrebbe tornare sui suoi passi. Ma per ora il Monte resta nel limbo in cui l’ha portato la mano pubblica, perdendoci un sacco di soldi.
                3
                • Orcel no
                  0
              • Cmq Unicredit dopo buyback potrebbe acquisire in blocco Mps+bper+2 banchette
                2
                • No, UC ha fatto ieri jv con Allianz, quindi niente Axa-MPS.
                  3
                • non è detto Allianz e Axa possono dividersi il mercato e ci aggiungerei anche Unipol con bper. Il piano di Orcel è quello di ampliare i servizi e la tecnologia. La metà del palazzone sarà fittata a queste agenzie e ospiterà un centro supertecnologico per cripto, cybersecurity, bancassurance e trading . Se lo realizza fa bingo
                  0
                • ciao
                  0
              • Unicredit utile 1 mld nel 2021...ahahah...vergognoso!!!!
                1
                • si è mangiata almeno 4/5 mld ...ora è costretta a fittare mezzo palazzone di piazza gae aulenti
                  1
                • infatti UC +2% a 14 €, MPS rossa.
                  3
              • Domanda
                0
                • Va forte in after
                  1
                  • 0,9076/0,9010 39500 k scambiati..il nulla
                    0
                  • 18.39.04 0,916 +1,37 1.777 AT 18.39.04 0,9156 +1,33 223 AT 18.39.04 0,915 +1,26 4.000 AT 18.39.04 0,9146 +1,22 3.000 AT 18.39.04 0,9136 +1,11 7.000 AT 18.39.04 0,9134 +1,09 4.000 AT 18.21.18 0,916 +1,37 850 AT 18.21.18 0,915 +1,26 500 AT 18.21.18 0,915 +1,26 750 AT 18.21.18 0,913 +1,04 900 AT 18.17.25 0,9138 +1,13 1.000 AT 18.01.13 0,9166 +1,44 500 AT 18.00.37 0,9166 +1,44 500 AT 18.00.37 0,908 +0,49 3.000 AT
                    0
                • Ma tu guarda l’anziana che piccolo regalo ci fa sul finale….sono commosso!
                  1
                  • balzo anche di Bper...
                    0
                  • :-) vedere il verde nel book degli scambi anche a me
                    0
                • 0.90 muro con 180.000 pezzi LETTERA
                  0
                  • si e ne sono rimasti 199.000 perché non gli ha preso tutta la quantità... se li avessero messsi al MKT si saliva ancora... maledetti
                    0
                  • fabio loretohai book 20 livelli? Dove si può trovare il book 20 livelli?
                    0
                  • ciao,io ho come piattaforma directa,inoltre grazie per l'apporto che dai al forum!!
                    0
                • Secondo me, esiste un prima e un dopo. Prima dell'euro e dopo l'euro. Prima dell'euro l'Italia era competitiva sui mercati esteri perchè svalutava la lira, e seppur a caro prezzo per le classi sociali più povere, riacquistava competitività all'estero. Dopo con l'euro questo giochetto non lo ha più potuto falre. Avrebbe dovuto fare tutta una serie di riforme che rendessero più competitive le indusrie italiane. Ma al governo c'era berlusconi che anzichè preoccuparsi dell'economia si occupava del bunga bunga. Cosi nel 2008, quando bush lasciò fallire una banca negli Stati Uniiti e partì una crisi mondiale, noi ci trovammo in particolare difficoltà. Le aziende in Italia iniziarono a fallire con tutto quello che ne conseguì. Ma, sopratutto le banche si trovarono a far fronte a 250 md di prestiti non restituiti. Ora chi aveva le spalle larghe, pur con difficoltà vi ha fatto fronte. Chi non le aveva, continua a segnare in bonus crediti che in bonus non sono e cerca di ****avanti. Bankitalia e consob chudono entrambi gli occhi, la bce ne chiude uno, ma si cerca di andare avanti per non dar luogo a una nuova crisi che costerebbe caro, oltre che al sistema bancario, all'intera nazione. La domanda che un investitore si fa è la seguente: ma ci sarà da fidarsi dei bilanci di mps o quando meno te lo aspetti salteranno fuori altre sofferenze?
                  2
                  • la soluzione è già davanti alla porta e avrà effetto simile a quello che hai ricordato di quando c'erano le lire: l'inflazione che tutto svaluta... il debito, buono o cattivo, divenerà relativo... a rimetterci saranno sempre i più deboli, specie i lavoratori dipendenti e i pensionati... comprate indebitandovi se non l'avete già fatto
                    3
                  • Posso essere d'accordo con te. Rimane il problema che condividiamo la moneta coi tedeschi che per motivi loro , vedono l'inflazione come il diavolo.
                    2
                • Le altre banche VOLANO, ed MPS pure oggi boccheggia in mano alla speculazione che la schiaccia e la tiene più basso possibile.
                  1
                  • vero problema assenza di vertici
                    2
                  • non li abbiamo a livello istituzionale figurati se li possiamo avere all'interno dei una banca in mano allo stato
                    0
                  • allora ancora non hai capito che alla politica non gli e ne fr...ega un kaiser di mps ma agli amici della politica si Renzi ci insegna. Se non inteviene l europa la situazione non si sblocchera mai.
                    2
                • (Teleborsa) - Banca Monte dei Paschi di Siena (MPS) prosegue nel suo percorso per un modello di sviluppo sostenibile e aderisce alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), l'iniziativa promossa dalle Nazioni Unite che ha l'obiettivo di accelerare la transizione sostenibile dell’economia reale globale all'obiettivo di emissioni zero (net-zero) entro il 2050. L’alleanza, con l’adesione di circa 101 banche da 40 Paesi e 67 trilioni di dollari di attivi totali, rappresenta il 43% delle attività complessive globali del settore e consolida il ruolo fondamentale delle banche nel sostenere la transizione sostenibile ed abbattere le emissioni di CO2. L’adesione si innesca nella tradizione BMPS di contributo al tema della sostenibilità attraverso il supporto a progetti delle Nazioni Unite. La Banca aveva infatti aderito nel 2019, come prima firmataria, ai Principles for Responsible Banking dell’UNEP FI (United Nations Environment Programme Finance Initiative), il programma sviluppato attraverso una partnership innovativa tra primarie banche internazionali e l’Organizzazione delle Nazioni Unite che ha come scopo quello di promuovere interventi per favorire lo sviluppo di un settore bancario sostenibile. Nell’ottica della crescente attenzione della Banca su tutte le tematiche ESG, Banca Mps ha recentemente rivisto la Governance della Sostenibilità del Gruppo attribuendone la responsabilità al Chief Financial Officer. Uno Staff Sostenibilità e ESG sarà focalizzato al coordinamento di tutte le tematiche ESG del Gruppo, dalla gestione di iniziative interne ed esterne allo sviluppo di un modello orientato a supportare la transizione della Banca e dei suoi clienti verso un modello di business sostenibile.
                  1
                  • capirai che notizia...
                    0
                  • le solite fuffe che hanno portato a zero il titolo. Insisti!
                    2
                Disclaimer: Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici e future), criptovalute e Forex non sono forniti dalle borse ma dai market mover, quindi i prezzi possono non essere del tutto accurati e possono differire dagli attuali prezzi di mercato. Pertanto, i prezzi sono da considerarsi solo indicativi e non adatti per fini di trading. Fusion Media, dunque, non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite di capitale causate dall’uso di questi dati.
                Fusion Media o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non accetta alcuna responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio.
                La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.