Ultime Notizie
Investing Pro 0

Nicola Argeo Mastropietro

Iscritto dal: 29/01/14


Commenti di Nicola Argeo Mastropietro
Questa volta è diverso... 17.03.2020 16:36
Grazie a tutti per i vostri commenti. L'articolo voleva essere uno spunto di riflessione e così, leggendo le vostre considerazioni, è stato. L'unica cosa che aggiungerei è che, a mio parere, non possiamo mettere sullo stesso piano, a livello tecnico, una crisi da domanda con una crisi da offerta. Una crisi da offerta può avere implicazioni macroeconomiche e microeconomiche ben differenti rispetto ad una crisi di domanda. E molti analisti ed econmisti, non televisivi, lo sottolineano.
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:25
Uno dei problemi è che in questi giorni, zitta zitta, la fed sul mercato repo ha già aumentato notevolmente la liquidità immessa; ma non ha fermato i mercati. E il problema è come si sia volatilizzata l'immensa quantità che era stata riversata nel mercato. E qui dovrebbe iniziare un altro racconto che richiederebbe troppo tempo e troppo spazio. E troppo tecnicismo.
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:18
Melo, io faccio delle analisi, condivisibili o meno, ma non posso stravolgerle per comodità. O per tenere alta la fiducia. Il mio lavoro è un altro.
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:16
Me l'hanno chiesto in molti. Si dovrà vedere se i dividendi si manterranno o se ci troveremo con quotazioni in perdita e senza dividendo. I profit warning che stanno lanciando quotidianamente non sono un buon viatico. Ci si aspetta un calo del 30-40% degli utili. É da valutare.
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:14
I toni sono forti, ma nel concetto....... si poteva fare meglio.
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:13
Sarà da verificare la quantità necessaria. Ma dipenderà anche dall'espansione del virus e dalla recessione europea che avremo. Inoltre, quando si prendono certe botte c'è anche una crisi di fiducia dei risparmiatori che allunga i tempi di recupero. Intanto il calo dei tassi sta passando inosservato.
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:09
Grazie signor Angelo
Nessuna illusione, i minimi sono più in basso 11.03.2020 16:09
Signor Mario, è vero: la regola è semplicissima e sempre la stessa comprare basso e vendere alto. Attuarla più complicato. In una fase di alta volatilità muoversi oltre il trading è diffcile. Attenderei maggior chiarezza. Adida che lancia un profit warning nel primo trimestre di 1 miliardo in Cina con effetti sul risultato operativo di 500 milioni e dichiara di non avere idea dell'impatto che avrà nel 2020, la dice lunga sul momento attuale. Certo, per chi ragiona nel lungo periodo si può accumulare, ma non su tutto. Un saluto
Coronavirus, la manna che si aspettava 06.03.2020 11:27
  Io rispondo per me, non per chi ipotizzava ancora crescita esponenziale (ma è sempre così, la storia lo dimostra). In ogni caso negli Usa in gennaio ci sono stati deflussi dai fondi azionari pari al 2008. Io ho fatto uscire ancora a fine novembre e molti, i più coraggiosi, sono short. E quindi, guadagnano. Il minimo e massimo non li conosce mai nessuno. Sono d'accordo che scenderà ancora. Il risultato di ognuno dipende da quando si è entrati. Il problema è l'azione. Tanti fanno valutazioni a 360° o meno, ma poi non ne consegue un'azione per mancanza di coraggio. La differenza è tutta lì. Credo nelle mie analisi e agisco di conseguenza oppure no ? Bisogna considerare, oltre gli aspetti tecnici e fondamentali, che la finanza comportamentale, oggi, nonostante gli algoritmi, ha una valenza importante. E lo stiamo vedendo.  Io rispondo per me, non per chi ipotizzava ancora crescita esponenziale (ma è sempre così, la storia lo dimostra). In ogni caso negli Usa in gennaio ci sono stati deflussi dai fondi azionari pari al 2008. Io ho fatto uscire ancora a fine novembre e molti, i più coraggiosi, sono short. E quindi, guadagnano. Il minimo e massimo non li conosce mai nessuno. Sono d'accordo che scenderà ancora. Il risultato di ognuno dipende da quando si è entrati. Il problema è l'azione. Tanti fanno valutazioni a 360° o meno, ma poi non ne consegue un'azione per mancanza di coraggio. La differenza è tutta lì. Credo nelle mie analisi e agisco di conseguenza oppure no ? Bisogna considerare, oltre gli aspetti tecnici e fondamentali, che la finanza comportamentale, oggi, nonostante gli algoritmi, ha una valenza importante. E lo stiamo vedendo.
Coronavirus, la manna che si aspettava 06.03.2020 9:49
Certamente. La realtà, soprattutto, se scomoda è sempre strafottente. Poi, chiaramente, come diceva Pirandello, esistono tante realtà quanti sono coloro che credono di conoscerne una. Questa è la mia, ma visti i 30 anni in finanza ho molti elementi per provarla.
Coronavirus, la manna che si aspettava 06.03.2020 9:46
Titolo molto forte. Grazie Guido
Coronavirus, la manna che si aspettava 06.03.2020 9:45
Ad oggi è difficile quantificare essendo tutto ancora in itinere.
Coronavirus, la manna che si aspettava 06.03.2020 9:44
Veramente, non ho clienti che abbiano sofferto perchè fatti uscire tutti prima. Certo....chi guarda solo l'analisi tecnica....poi con i movimenti veloci e ripidi di oggi è troppo tardi.
Coronavirus, la manna che si aspettava 05.03.2020 15:46
Grazie Alfredo
Coronavirus, la manna che si aspettava 05.03.2020 9:44
É chiaro che ci troviamo in una situazione negativa. Il rallentamento economico provocato si cala in un contesto già fragile e in bilico; della serie piove sul bagnato. Oggi, è difficile capirne l'entità finale, ma la discesa fino a 17.900 mi pare abbastanza plausibile.  Anche considerando che le analisi ci dicono che la recessione tecnica italiana resterà in essere fino a giugno. Poi dipenderà dalla task force che le autorità metteranno in campo a sostegno dell’economia. E da quanto incideranno. È chiaro che senza sostegno, o con un sostegno inadeguato, nel medio periodo, i 16.000 a cui accennava e un peggioramento fino ai minimi di 8 anni fa non sono da escludere.  Possono incidere sull'Italia e sull'Europa anche i nuovi scenari geopolitici che vedono il nostro continente sempre più ai margini dell’establishment mondiale. Il mondo ha un pò meno bisogno di noi.
Coronavirus, la manna che si aspettava 05.03.2020 9:10
É un punto di vista rispettabile Fabrizio. É certamente, ma volutamente, politicamente scorretto. Da punto di vista dell'intelligenza emozionale, quindi del marketing comunicativo è un headline ben catalogata nello studio della psicologia. E che ovviamente, provoca risposte forti sia in positivo che in negativo. Ma fa emergere anche la natura umana di tante persone. Nel caos generale, molti mi contattano certi che questa tragedia abbia creato opportunità. Sapevo benissimo, comunque, di disturbare l'emotività di alcune persone come lei; ma io ho descritto una realtà. Il titolo schock serve per rimarcare che mercati e politica sono cinici. E che piaccia o no, lo sono e lo saranno sempre. E non solo loro.
Coronavirus, la manna che si aspettava 05.03.2020 8:55
Grazie Federico
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 15:39
Grazie Tiziano. Non è la peste, ma certamente per alcune categorie di persone può essere mortale. E il danno socio-economico sarà notevole.
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 15:27
Vero. In effetti, dopo la crisi del 2001 il cambiamento fu palese con la grande apertra alla Cina (senza se e senza ma, soprattutto senza regole) e con l'incentivazione coordinata in tutto il mondo del mercato immobiliare attraverso il credito facile. L'anticamera della bolla del 2008 dove si pagarono gli eccessi, si limitarono i rubunetti del credito e si diede il via all'interventismo più sfrenato e alla limitazione delle libertà pensando che ciò potesse portare ad un equilibrio o, per lo meno, ad interventi tesi ad impedire altre crisi. Ma ciò che avevano pronosticato non si è realizzato. Oggi, a mio parere, questa è una spallata che cambierà gli equilibri dei poteri mondiali (già in atto) con una forte penalizzazione per l'Europa che è l'anello debole allo stato attuale e con un centro del mondo che si è spostato nell'asia centrale. Le mosse di Erdogan non sono un caso e non sono frutto di un pazzo. C'è molto di più.
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 15:00
Comprendo. E potrei essere d'accordo, ma quel termine l'ho sentito usare da certe persone (non in pubblico ovviamente)......e quindi, ho riportato la nuda e cruda realtà sapendo che avrebbe potuto infastidire ed essere criticato. Buona giornata anche a lei e buon lavoro.
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 14:54
Buongiorno Giovanni, ho dato tempo fa l'indicazione di realizzare le posizioni long o di inserire degli stop per non far diventare negative le posizioni positive. In questo momento starei fuori. Finito il rimbalzo abdrei short. Ci sono ottimi etf e andrei su ciò che fino all'euforia generata non ha guadagnato. Anzi, alcune materie sono sotto costo (nel senso che non conviene produrle al prezzo al quale sono arrivati) e in questi giorni di disastro hanno guadagnato (vedi caffè e altre materie prime). Ovviamete da selezionare, ma anche in questo caso con gli etc si può operare. Poi ci sono delle ottime occasioni ancora sulle obbligazioni in valuta (meglio emissioni di banca europea e banca mondiale) anche con il 10% di cedola. Alcune nel 2019 hanno offerto performance fino al 60%. Ma nessuno le considera perchè si vendono titoli distato o fondi a cedola (obrobrio).
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 11:26
Posso essere d'accordo con te sulla situazione, sul contagio e sulle persone che possono soffrire. Ma quando mi riferisco alla "manna", sicuramente termine forte, non credo di aver esagerato nel concetto che volevo esprimere. Ci sono vari analisti (anche nelle televisioni finanziarie) che hanno sostenuto, proprio in questi giorni, che il coronavirus è stata una scusa e che ci sono ben altri interessi che hanno mosso i mercati. La politica e i mercati sono cinici. Non per mia decisioni, ma anche per natura. Sono sempre lal ricerca del consenso e delle opportunità. Non è certo una manna per chi non conosce i meccanismi e non ha le competenze tecniche per comprendere i paradigmi e le situazioni macroeconomiche e geopolitiche che guidano certi accadimenti e che utilizzano eventi come il coronavirus affinchè si verifichino determinati scenari.
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 11:15
Perfetto Antonio, chi ha qualche anno ricorda questi episodi. Parmalat aveva dei bilanci con chiare anomalie. Feci vendere azioni e obbligazioni tra marzo e aprile. Con una borsa totalmente piatta in quell'anno, parmalat da aprile a settembre guadagnò quasi il 100%. Parmalat, a quei tempi, era uno dei maggiori titoli del listino presente in tutte le tesorerie bancarie. Tesorerie che si liberarono di parmalat rifilandole a tutti i clienti. Da qui la crescita e poi a ottobre il fallimento. Serve sempre chi resti con il cerino in mano.
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 11:14
Buongiorno Stefano, grazie per la critica. Contenuti e toni sono stati volutamente forti per descrivere una realtà, comunque la si pensi, tecnicamente sostenibile. La realtà e tutto ciò che può avere un’accezione  negativa deve essere lasciata in retrovia; meglio non parlarne. Ti invito a leggere un libro che la mia associazione ha presentato il mese scorso “LA GABBIA DELLE IDEE-IL GRANDE INGANNO DEL POLITICAMENTE CORRETTO nel quale si spiega la nascita di tale strategia, chi l’ha voluta e perché. Mi è successo anche quando scrivevo (e nessuno ne parlava) delle banche che sarebbero saltate di essere coperto di insulti. Magari, potremmo anche parlare delle prossime banche…… Per quanto riguarda l’Italiano, invece, hai perfettamente ragione. Purtroppo, l’ho scritto a rate, con la frenesia di essere sul pezzo e la voglia di esprimere concetti dirompenti. La costruzioni delle frasi non è fluida e corretta. Un errore imperdonabile.
Coronavirus, la manna che si aspettava 04.03.2020 10:16
Grazie Ivo