Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Traffico metalli e riciclaggio, Gdf Pordenone scopre "via della seta" da Italia a Cina

Materie prime16.06.2021 18:00
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.

MILANO (Reuters) - Fra i vari significati di "via della seta" può anche esserci quello di punto di incontro fra italiani con la necessità di far tornare a casa con una parvenza di legalità il denaro frutto di traffici illeciti, e cinesi con l'esigenza di inviare in madrepatria con identica apparente liceità denaro frutto di altre attività sommerse.

E' quello che ritiene di aver appurato la Guardia di Finanza di Pordenone che ha comunicato oggi di aver scoperto una "maxi frode internazionale" dietro a un traffico illecito di rifiuti metallici per 300 milioni di euro, con 150 milioni di euro trasferiti in Cina.

L'inchiesta coordinata dalla procura antimafia di Trieste, si legge nella nota, ha condotto finora a cinque arresti, 53 indagati, a un sequestro di 66 milioni di euro e a 50 perquisizioni in Friuli-Venezia Giulia, Veneto e Lombardia. Ma le indagini sono ancora in corso, in particolare sul versante cinese.

Lo schema, si legge nel comunicato, si componeva di due diversi contesti.

Nel primo, un gruppo di italiani del Nordest dal 2013 a quest'anno ha dato vita a un traffico di rifiuti metallici (rame, ottone, alluminio) "per circa 150.000 tonnellate, pari a circa 7.000 autoarticolati, aggirando gli obblighi ambientali e di tracciatura vigenti, utilizzando fatture per operazioni inesistenti".

L'acquisto di questi rifiuti ovviamente avveniva in nero, ma per venderlo alle acciaierie c'era bisogno di emettere fatture. "A questi soggetti serviva quindi una copertura fiscale", spiega il colonnello Stefano Commentucci, comandante provinciale della Gdf di Pordenone. "E quindi entravano in gioco società compiacenti, del tipo 'missing trading', con sede in Repubblica Ceca e Slovenia che emettevano fatture per operazioni inesistenti di vendita di materiale ferroso alle società filtro di questi soggetti".

Per rendere credibili queste operazioni, spiegano i finanzieri nel comunicato, a questo punto occorreva fare dei veri bonifici bancari a favore delle società ceche e slovene.

"Le indagini ci hanno fatto scoprire quindi bonifici a queste società per inesistenti importazioni di ferro per 150 milioni di euro, tutti in istituti di credito nella Repubblica Popolare Cinese", continua il colonnello.

E si arriva così al secondo contesto.

I cinesi residenti in Italia e in affari con questo gruppo di italiani, si legge nella nota, disponevano "di ingenti risorse finanziarie in denaro contante, frutto di economia sommersa e altre attività di tipo criminoso".

Il loro problema era di far arrivare questo denaro in Cina "con evidenti difficoltà logistiche e legali correlate alla detenzione di così ingenti disponibilità detenute con liquidità contante".

La soluzione erano quindi i bonifici in Cina da parte degli italiani per le operazioni inesistenti. Una volta che i cinesi in Italia ricevevano dalla Cina la conferma dell'avvenuto accreditamento delle somme di denaro, consegnavano agli italiani le stesse cifre in contanti, in buste di plastica all'interno di centri commerciali a Milano e a Padova.

"Abbiamo anche filmato la consegna di una busta della spesa di plastica con dentro 200.000 euro in contanti", racconta il comandante provinciale della Gdf. "Senza le intercettazioni, l'attività di pedinamento e soprattutto le microcamere, non saremmo mai riusciti a ricostruire questo meccanismo".

"Fino a qualche tempo fa si assisteva a questo genere di trasferimento di denaro dall'Europa alla Cina attraverso i cosiddetti money-transfer", dice il colonnello Commentucci. "Poi però le indagini hanno reso molto difficile quella modalità, e ora chi vuol far arrivare il contante in Cina deve inventarsi altre strade, come quella che abbiamo scoperto".

(Emilio Parodi, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Traffico metalli e riciclaggio, Gdf Pordenone scopre "via della seta" da Italia a Cina
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email