Ultime Notizie
0

Italia, produzione crolla a novembre, aumenta rischio recessione

Indicatori economici11.01.2019 11:55
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Cassino, la catena di montaggio dell'Alfa Romeo nello stabilimento Fca

di Elvira Pollina e Valentina Consiglio

MILANO/ROMA (Reuters) - La produzione italiana ha registrato un brusco crollo a novembre, aumentando la probabilità che l'Italia sia entrata in una recessione tecnica nel quarto trimestre del 2018 e i rischi verso il basso sulle già deboli prospettive economiche per l'anno appenna iniziato.

A determinare la gelata, il rallentamento del commercio internazionale, per effetto dello scontro tra Stati Uniti e Cina, che si sta effetti negativi anche sulla manifattura europea.

Ai fattori esogeni si aggiunge l'incertezza legata alle politiche economiche del governo Lega-M5S, che ha provocato non poche tensioni sui mercati finanziari e potrebbe ulteriormente pesare sugli investimenti.

Stando ai dati diffusi stamane da Istat, a novembre la produzione industriale italiana si è contratta di 1,6% su base mensile dopo -0,1% segnato ad ottobre (rivisto da +0,1%), mentre la mediana della attese degli economisti interpellati da Reuters in un sondaggio prospettava una contrazione di 0,3%.

I dati giunti nei giunti scorsi da Francia e Germania avevano però fatto presagire come l'aspettativa di una correzione di qualche decimale rischiasse di rivelarsi ottimistica, dal momento che la produzione tedesca e francese a novembre hanno registrato rispettivamente una flessione di 1,9% e di 1,3% su base mensile.

Tornando all'Italia, a perimetro annuo, la produzione ha subìto un calo di 2,6% su base annua, a fronte di attese per un incremento di 0,2% dopo l'aumento di 1% segnato ad ottobre.

Nel terzo trimestre il Pil italiano si è contratto di 0,2% e una nuova flessione nel quarto trimestre sancirebbe l'ingresso in una recessione tecnica.

"A questo punto è molto probabile", commenta Nicola Nobile, economista di Oxford Economics.

Loredana Federico, economista di UniCredit (MI:CRDI), ritiene ancora possibile una crescita del Pil nulla nel quarto trimestre, con rischi al ribasso che si fanno però più concreti, "visto che l'industria darà difficilmente un contributo positivo".

La debole riscontrata nell'ultima parte del 2018 -- che dovrebbe essersi chiuso con una crescita del Pil intorno a 1% -- rischia di pesare ulteriormente sulle prospettive per quest'anno, già poco incoraggianti.

Il target di crescita del Pil incorporato dal governo nella manovra 2019, su cui si è faticosamente raggiunto un accordo con Bruxelles che ha scongiurato la procedura d'infrazione sui conti pubblici, appare ancora più ottimistico agli occhi di diversi addetti ai lavori.

Secondo Nobile, l'economia italiana crescerà di 0,3% quest'anno, mentre Loredana Federico per il momento conferma una previsione di espansione del Pil a 0,8%.

Italia, produzione crolla a novembre, aumenta rischio recessione
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email