Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Zona euro, guerra in Ucraina ridurrà crescita 2022 e spingerà inflazione - Ue

Indicatori economici 16.05.2022 12:09
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Le bandiere dell'Unione europea davanti la sede della Commissione europea a Bruxelles. REUTERS/Yves Herman

BRUXELLES (Reuters) - L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, e la conseguente impennata dei prezzi dell'energia e delle materie prime, abbatterà la crescita della zona euro quest'anno e il prossimo e porterà l'inflazione a livelli record, secondo le previsioni della Commissione europea.

La Commissione ha tagliato le stime di crescita per i 19 paesi che utilizzano l'euro al 2,7% per quest'anno dal 4,0% previsto a febbraio poco prima dell'inizio della guerra in Ucraina. La crescita rallenterà a 2,3% il prossimo anno rispetto alle previsioni precedenti di +2,7%.

Si tratta della prima stima comprensiva dei costi economici della guerra in Ucraina per i 19 paesi che condividono l'euro e per l'Ue in generale.

"Le prospettive per l'economia europea prima dello scoppio della guerra erano di una prolungata e robusta espansione. Ma l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ha generato nuove sfide, proprio mentre l'Ue iniziava a riprendersi dall'impatto economico della pandemia", si legge in un comunicato della Commissione.

"Con l'ulteriore pressione sui prezzi delle materie prime, che hanno portato a nuove interruzioni delle forniture e a una maggiore incertezza, la guerra sta esacerbando gli ostacoli alla crescita che già esistevano e che ci si attendeva andassero a scemare".

L'inflazione, che la Bce vuole tenere a 2%, toccherà quota 6,1% quest'anno, secondo quanto prevede la Commissione, e scenderà al 2,7% il prossimo anno. Prima della guerra, la Commissione si aspettava una crescita dei prezzi del 3,5% per il 2022 e dell'1,7% nel 2023.

Per contro, malgrado le spese governative per assorbire i crescenti prezzi dell'energia ed assorbire i milioni di rifugiati in arrivo dall'Ucraina, il deficit governativo aggregato dell'Ue dovrebbe scendere al 3,6% del Pil nel 2022 dal 4,7% nel 2021, con la graduale rimozione delle misure di supporto per il COvid-19. Il deficit dovrebbe calare a 2,5% nel 2023, secondo la Commissione.

Nella zona euro, il deficit aggregato dovrebbe essere dimezzato a 3,7% quest'anno rispetto al 2021 e calare ulteriormente a 2,5% il prossimo anno. Il debito pubblico aggregato della zona euro dovrebbe calare al 94,7% del Pil quest'anno dal 97,4% del 2021, scendendo ulteriormente a 92,7% nel 2023.

Inoltre, malgrado la crescita più lenta, la disoccupazione dovrebbe calare al 7,3% quest'anno e al 7,0% nel 2023, dal 7,7% del 2021.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Claudia Cristoferi)

Zona euro, guerra in Ucraina ridurrà crescita 2022 e spingerà inflazione - Ue
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
roby Roby
roby Roby 16.05.2022 13:24
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Se la Bce alza i tassi (ormai per certo) con un aumento dell'inflazione per colpa dell'offerta, e non della domanda, quindi senza che l'inflazione sia dovuta ad una espansione economica, bensì per cause esterne, sarà una catastrofe.
jk jk
jk jk 16.05.2022 12:44
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Che problema c è si alzano i tassi ahahahaha senza pudore.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email