Ultime Notizie
0

Di Maio conferma deficit/Pil al 2,4% in 2019, non crede a multe per Italia

Economia09.11.2018 12:24
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Il vicepremier Luigi Di Maio

ROMA (Reuters) - Il vicepremier Luigi Di Maio ha detto oggi che il governo intende mantenere l'impegno del 2,4% del rapporto deficit/Pil nel 2019 anche se ieri la Commissione Europea ha bocciato la manovra italiana.

Di Maio, nel corso di una conferenza stampa alla Stampa estera, ha detto anche che l'Italia è pronta a pagare eventuali multe imposte dalla Ue in una procedura di infrazione per deficit eccessivo e violazione della regola del debito, ma ha aggiunto che "in questo momento non c'è in previsione alcuna multa".

Il governo non vuole aumentare il debito, ma anzi vuole attuare misure espansive proprio per ridurlo, ha aggiunto.

In caso di modifiche necessarie alla legge di bilancio, che secondo Bruxelles porterebbe al 2,9% il deficit/Pil nel 2019, il vicepremier ha detto che comunque non sono in discussione il reddito di cittadinanza o la cosiddetta "quota 100" per le pensioni, ma che si troverebbero "ulteriori risorse che possiamo recuperare dalla spesa improduttiva e dalle tax expenditure inique".

Di Maio, che è anche ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico oltre che leader del M5s, ha spiegato che quando sarà approvata la legge di bilancio, "immagino a metà dicembre", il consiglio varerà un decreto con i dettagli sull'applicazione del reddito di cittadinanza e della quota 100.

Il numero uno dei 5 stelle ha anche ribadito che il Movimento non è più anti-euro, spiegando che "nell'ultimo anno abbiamo acquisito molta più fiducia sul fatto che si possa restare nell'Eurozona cambiando alcuni fattori di azione politica e di sensibilità politica", in particolare con le prossime elezioni europee che, ha detto, cambieranno gli equilibri anche nella Commissione di Bruxelles.

(Gavin Jones, Crispian Balmer)

Di Maio conferma deficit/Pil al 2,4% in 2019, non crede a multe per Italia
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti
Orazio Castorina
Orazio Castorina 09.11.2018 18:25
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
A dir la verità, l'evaporazione dei risparmi degli italiani ha radici più in là nel tempo; a cominciare dall'entrata "sballata" e sconveniente del cambio lira/euro per continuare con la crisi recessiva a partire dal 2008 in avanti che ha generato la chiusura ed il fallimento di numerose aziende (ed i fallimenti non sono mai finiti, basta dare un'occhiata ai "portali dei fallimenti" di Roma, Milano, Torino etc.) con conseguente riduzione in miseria di migliaia di dipendenti e lavoratori (Caritas docet). Fermo restando, che la "manovra" del governo attuale lascia perplessi e dubbiosi sulla prospettiva di un reale giovamento in relazione ad un buon sviluppo economico. Vedremo!
Rispondi
1 0
Giampiero Bono
Giampiero Bono 09.11.2018 13:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
da quando c'è questo schifo di governo i risparmi degli italiani se ne sono andati a quel paese, magari ci andassero di Maio e salvini!!!
Rispondi
4 2
Giovanni Strino
Giovanni Strino 09.11.2018 13:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
povera Italia! questi due "signori" ( Gigino e Matteo) ci porteranno allo sfascio.Ancora non si rendono conto degli enormi danni che stanno causando.
Rispondi
4 2
Gianfranco Maiolo
Gianfranco Maiolo 09.11.2018 13:24
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Povero di maio....... la conoscete la favola” la rana e il bue” ebbene di maio scoppiera’ come la rana lasciando per strada solo *** o suoi derivati
Rispondi
4 2
Roberto Balleggi
Roberto Balleggi 09.11.2018 13:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
con lo a sua grande esperienza economica e i risultati finora ottenuti non resta che sperare che il governo cada oggi
Rispondi
3 1
Giuseppe Santoro
Giuseppe Santoro 09.11.2018 12:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
detto da un grande Statista, plurilaureato e assolutamente da credeci....povera italia
Rispondi
5 1
Fabio Veltri
Fabio Veltri 09.11.2018 12:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
MAIALE
Rispondi
4 1
Francesco Mancio
Francesco Mancio 09.11.2018 12:23
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
...tanto non sono soldi suoi... Tutti finocchi col ********degli altri...
Rispondi
4 1
Enzo Renzi
Enzo Renzi 09.11.2018 12:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
dilettante allo sbaraglio!!!
Rispondi
5 1
mario rossi
volpe 09.11.2018 11:59
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
......completamente irresponsabile!!!!  Grazie
Rispondi
5 1
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email