Ultime Notizie
0

Perché la crisi di Lehman Brothers potrebbe ripetersi di nuovo

Economia12.09.2018 11:48
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Perché la crisi di Lehman Brothers potrebbe ripetersi di nuovo

Investing.com - Il prossimo 15 settembre ricorre il decimo anniversario della caduta di Lehman Brothers, quarta banca d'investimento negli Stati Uniti, che ha scatenato una delle più grandi crisi finanziarie della storia.

In Investing.com abbiamo chiesto agli esperti cosa abbiamo imparato da questo fallimento e se possiamo ricadere negli stessi errori. E, stranamente, la risposta ad entrambe le domande è abbastanza consensuale.

Le banche centrali e il pericolo del debito

"Abbiamo imparato poco, perché allora si trattava di salvare le banche e ora si tratta di salvare i paesi. I salvatori sono sempre gli stessi: le Banche centrali. La domanda che ci si deve porre ora è chi sarà in grado di salvarli", spiega Eduardo Bolinches, direttore e fondatore della “Escuela de Trading y Forex”. "I bilanci delle banche centrali sono enormemente più grandi di allora, sono pieni di debiti tossici tolti dalle ‘fogne’ delle istituzioni finanziarie, mentre il livello del debito a livello globale continua ad aumentare", aggiunge Bolinches.

Bolinches spiega che, "in questo momento abbiamo la BCE con un’attività pari al 41,4% del PIL dell'Eurozona, mentre la FED ha l'equivalente del 20,7%. Tutto questo mentre il debito mondiale aumenta e continua ad aumentare”.

Della stessa opinione è Alfredo Alvarez-Pickman, Chief Economist & Fund Manager di Key Capital Partners. "Non credo che abbiamo imparato appieno la lezione ma solo una parte di essa. L'intervento sui tassi di interesse da parte delle banche centrali, mantenendoli artificialmente bassi, ha fatto salire il debito (pubblico, aziendale e dei consumatori) nell'ultimo decennio. Questa è stata la causa principale di queste crisi e, purtroppo, si ritiene ancora oggi che le banche centrali possano controllare il ciclo con le loro decisioni, mentre in realtà ciò che fanno è distorcere la struttura produttiva invece di lasciare che il mercato e i suoi attori agiscano liberamente.

Come ha affermato Daniel Lacalle, capo economista di Tressis, in una recente intervista a Investing.com, "la politica che le banche centrali hanno adottato dopo il fallimento di Lehman è stata l'opposto: gonfiare la bolla degli attivi finanziari e portare le economie e le aziende ad assumersi molti più rischi con rendimenti molto più bassi". Dopo quella repressione finanziaria, abbiamo assistito a fallimenti bancari in Spagna, Italia, Francia, ecc. I governi e le banche centrali incoraggiano una politica orientata alla spesa e al debito, piuttosto che a investimenti e risparmi prudenti. Questo gonfia costantemente le bolle nelle attività finanziarie, e quando scattano, si presentano come la soluzione.

Secondo Alvarez-Pickman, "queste politiche monetarie distorcono i tassi di interesse collocandoli al di sotto del tasso che riflette le preferenze temporanee della società nel suo complesso (in circostanze uguali, i beni presenti sono sempre preferiti ai beni futuri). Questo, a sua volta, distorce i prezzi relativi nell'economia e innesca un'espansione caratterizzata da una diffusa errata allocazione degli scarsi capitali e da un consumo eccessivo. In definitiva, la struttura distorta del capitale diventa insostenibile, i tassi di interesse iniziano a salire e l'espansione si trasforma in depressione. Molti dei progetti di investimento che non sono stati ancora completati devono essere abbandonati, in quanto si rivelano non redditizi ad un ritmo più elevato o non dispongono delle risorse necessarie per realizzarli. Fino a quando questo continuerà, saremo esposti a episodi simili”.

Leva in eccesso

Mark Nash, gestore del vecchio Mutual Strategic Absolute Return Bond Fund of Old Mutual Global Investors, spiega che, "nell'ultimo decennio, abbiamo visto un'esplosione di un altro tipo di debito: il debito societario dei mercati emergenti denominato in dollari USA, attraente per QE e la ricerca di rendimenti degli investitori. Tuttavia, poiché le banche hanno ridotto i loro bilanci, sono i fondi di investimento che hanno acquisito gran parte del debito”.

"Mentre debitori e creditori possono essere diversi”, continua Nash, “i prelievi di liquidità vengono nuovamente disattivati in un settore sovradimensionato”. Potrebbe essere l'inizio del prossimo mercato dell'orso?”.

Effetto contagio

Diego Fernández Elices, Chief Investment Officer di A&G Banca Privada, spiega che "ci sono due lezioni principali: una è il rischio di indebitamento e l'altra è la complessità delle interconnessioni nel mondo finanziario e la capacità di contagio di alcuni eventi sistemici. E aggiunge: "inoltre, abbiamo imparato qualche lezione politica in più sul perché Lehman è caduto in quel momento e non altri, il famoso 'too big to fail' e qualcos'altro.

Dalla caduta di Lehman, secondo Fernandez Elices, "il settore privato è stato molto ridotto e le banche sono state capitalizzate con una regolamentazione molto severa. Il sistema finanziario globale è molto più solvibile che in passato e, di conseguenza, è anche molto meno redditizio. L'altro lato della medaglia è che questo è stato raggiunto attraverso l'indebitamento del settore pubblico e attraverso politiche monetarie non convenzionali che, attraverso la repressione finanziaria, hanno spostato gran parte del rischio in bilancio dalle banche agli investitori.

L'errore di pensare nello stesso errore

Diego Fernández Elices, di A&G Banca Privada, avverte che "adottando così tante misure per evitare gli stessi errori, crediamo che possano essere evitati, ma il rischio meno probabile è sempre quello che tutti hanno in mente, che di solito è pensare che la prossima crisi sarà innescata dalle stesse ragioni della precedente".

"Gli investitori e le autorità hanno imparato la lezione, ma potremmo guardare nella direzione sbagliata per la prossima turbolenza", spiega Paras Anand, direttore dell'Asset Management di Fildeity per l'Asia-Pacifico, aggiungendo che “non tutti i mercati orsi sono uguali. Quando la bolla delle dotcom è scoppiata nel 2000, solo una percentuale relativamente piccola di investitori è stata colpita. Nel 2008, tuttavia, l'esposizione al calo dei prezzi delle attività è stata molto diffusa, con conseguente distruzione su larga scala della domanda”.

"I rischi che stiamo vivendo, quando saltano, saranno abbastanza ovvi: gli Stati che finanziano a tassi del tutto ingiustificati le obbligazioni sovrane commerciano a premi di rischio sorprendenti..... tutto questo è anche una bolla. L'unica cosa che abbiamo imparato da Lehman è che il problema una tantum di alcune banche non accadrà di nuovo, accadrà qualcos’altro, ma sarà sempre necessario gonfiare artificialmente le attività rischiose", dice Daniel Lacalle di Tressis.

"Lo stesso errore fondamentale (manipolare i tassi di interesse) è stato commesso e, come dice la frase attribuita ad Albert Einstein: la follia sta facendo sempre la stessa cosa, sperando di ottenere risultati diversi", conclude Alfredo Alvarez-Pickman, di Key Capital Partners.

Perché la crisi di Lehman Brothers potrebbe ripetersi di nuovo
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti
Peter Good
Peter Good 12.09.2018 13:16
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Semplicemtne perchè siamo in mano alla criminalità finanziaria, a massonerie finanziarie, a poteri forti  che hanno sede in gran parte negli USA
Rispondi
5 0
Alberto Altor
Alberto Altor 12.09.2018 13:16
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
esatto.la crisi scopierau0027 in America. loro non pagheranno nulla, satanno tutti gli altri.avremmo un cambio 2 euro x 1 dollaro
Rispondi
0 0
Giacomo Mariani
Giacomo Mariani 12.09.2018 12:45
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Che fine ha fatto il. .. colpirne uno per educarne cento?
Rispondi
1 0
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email