Ultime Notizie
Investing Pro 0

Allentamento condizioni finanziarie minaccia lotta Fed contro inflazione

Mercato azionario 16.08.2022 15:18
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Le banconote del dollaro statunitense in questa illustrazione del 17 luglio 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione
 
US500
+3,09%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
GS
+1,30%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
MS
+2,18%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CL
+0,10%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

di Yoruk Bahceli

(Reuters) - La Federal Reserve sta procedendo con un aumento dei tassi al ritmo più aggressivo da decenni ma le condizioni di finanziamento che deve stringere per tenere a bada l'inflazione stanno andando nella direzione sbagliata.

Il rally nell'azionario e il calo dei rendimenti delle obbligazioni avvenuto dal rialzo della Fed varato a giugno indicano che le condizioni finanziarie si stanno allentando, sebbene l'economia Usa sia stata colpita da un complessivo aumento dei tassi da 150 punti base, contando quel meeting e il successivo.

Le condizioni finanziarie riflettono la disponibilità di finanziamenti in un'economia. Orientano piani di spesa, risparmi e investimenti di aziende e famiglie, pertanto le banche centrali vogliono stringerle per tenere sotto controllo l'inflazione, che viaggia ben oltre l'obiettivo.

Un indice che monitora le condizioni finanziarie negli Usa (Fci) di Goldman Sachs (NYSE:GS), che tiene conto di costi di finanziamento, livelli azionari e tassi di cambio, ha perso circa 80 punti base dal meeting Fed di giugno.

Un analogo indicatore della Fed di Chicago, che monitora le condizioni finanziarie indipendentemente da quelle economiche prevalenti, è passato in negativo, il che indica che le condizioni si sono allentate rispetto a quello che l'attuale quadro economico suggerirebbe di solito.

Nella zona euro, hanno registrato un calo di circa 40 punti base, secondo Goldman Sachs, e i mercati monetari hanno gettato alle ortiche la maggior parte dei rialzi dei tassi del 2023 che si aspettavano in precedenza.

"A giugno ritenevamo che le condizioni di finanziamento negli Usa fossero per lo più dove avrebbero dovuto essere per dare vita al rallentamento necessario per riportare attività, crescita dei salari e inflazione verso il target", osserva Daan Struyven, senior global economist di Goldman Sachs.

"Il nostro scenario migliore dice che si siano allentate un po' troppo".

Il cambiamento delle condizioni è stato guidato dai timori di recessione, che hanno spinto i mercati non solo a ridurre le loro aspettative sui rialzi dei tassi Fed ma anche a prezzare tagli dei tassi il prossimo anno. Questo lascia intendere che gli investitori credano che la Fed il prossimo anno sarà più preoccupata per un rallentamento dell'economia che per l'inflazione.

Anche le dichiarazioni del governatore Fed Jerome Powell al meeting di luglio sono state interpretate da alcuni investitori come se implicassero un approccio "dovish".

Attualmente i mercati monetari si aspettano che i rialzi targati Fed si fermino a circa 3,6% a marzo prossimo, rispetto a oltre 4% previsto prima del meeting di giugno, seguito da alcuni tagli da 50 punti entro la fine del 2023.

Dal rialzo operato a giugno, l'indice S&P 500 ha guadagnato il 13%, i prezzi del greggio perso il 22% e i tassi dei Treasuries a 10 anni sono scesi di 70 punti base.

Per avere un'idea, le condizioni finanziarie sono ancora 200 punti base più strette del minimo di fine 2021 e l'azionario vede ancora una flessione del 10% per il 2022.

Goldman stima che un allentamento di 100 punti del suo indice Fci metta a rischio la crescita economica di un punto percentuale il prossimo anno.

Ma il recente allentamento sta procedendo verso quello che la banca definisce un "Fci loop", secondo Struyven.

"Se assistessimo a un ulteriore significativo allentamento delle condizioni finanziarie, non sarebbe sostenibile dato che le prospettive per l'attività, la crescita dei salari e l'inflazione sarebbero troppo surriscaldate".

C'E' ANCORA DEL LAVORO DA FARE

Questo rischio si riflette già negli indicatori di mercato sulle aspettative di inflazione a lungo termine.

Il tasso Usa breakeven a 10 anni è salito di circa 15 punti base a 2,44% da inizio luglio. E sono salite anche le attese per la zona euro.

"Questa lettura 'dovish' è la ragione per cui le aspettative sull'inflazione sono di nuovo in rialzo. Semplicemente mostra che il lavoro per la Fed non è ancora finito", commenta Patrick Saner, responsabile strategia macro di Swiss Re.

I dati della scorsa settimana che hanno mostrato come l'inflazione Usa fosse invariata su mese a luglio, al di sotto delle attese, hanno determinato un ulteriore allentamento delle condizioni di finanziamento.

Ma i recenti dati sugli occupati negli Usa e sulla crescita dei salari mettono in evidenza un mercato del lavoro sempre più sano.

Secondo gli economisti il tasso di disoccupazione negli Usa, al 3,5%, è decisamente più basso che il minimo -- 4,4% secondo l'Ufficio di bilancio del Congresso -- che potrebbe raggiungere senza alimentare l'inflazione.

La crescita dei salari annua di 5,2% è oltre quel 3,5% che secondo Goldman è necessario per far scendere l'inflazione al target Fed del 2%.

IL MONITO DEGLI ESPONENTI FED

Diversi esponenti della Fed hanno messo in guardia dal cambiamento di vedute espresso dai mercati, sottolineando la determinazione a mantenere una politica restrittiva fino a quando la pressione dei prezzi non sarà scesa.

Hanno anche detto che è improbabile che la Fed tagli i tassi nel 2023. Escludere tali tagli inasprirebbe le condizioni finanziarie.

Le condizioni finanziarie devono essere allentate di più e perché ciò accada, "occorre assistere a un calo degli asset rischiosi, dei prezzi delle azioni o a un aumento nei rendimenti a lungo. Di solito è un mix di fattori", osserva Saner.

Goldman Sachs si aspetta che i rendimenti dei governativi Usa a 10 anni raggiungano il 3,30% entro fine anno, in rialzo rispetto all'attuale 2,80%.

Altri sono invece scettici sulle attuali valutazioni azionarie. Morgan Stanley (NYSE:MS) prevede che l'S&P 500 perda circa il 9% entro giugno del prossimo anno.

Gli analisti di Ubs osservano che l'azionario è ora in linea con i livelli di un'inflazione 'core' verso l'1,5%-2%. Secondo le loro stime se l'inflazione 'core' dovesse aumentare di un punto percentuale, l'aggiustamento implicherebbe un calo del 25% per l'S&P 500.

"I desideri dei mercati non fanno altro che complicare il lavoro, allentando le condizioni finanziarie e richiedendo un ulteriore irrigidimento monetario per compensare", ragiona Bill Dudley, ex responsabile della Fed di New York, in un editoriale pubblicato su Bloomberg News a inizio agosto.

(Versione italiana Sara Rossi, editing Stefano Bernabei)

Allentamento condizioni finanziarie minaccia lotta Fed contro inflazione
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
Henry Roger
Henry Roger 26.08.2022 0:45
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
على الرغم من انهيار العملة المشفرة ، ما زلت أشكر الله على نصيحته المالية السليمة. لقد بدأت الاستثمار في الأسهم والعملات المشفرة بمبلغ 2500 دولار فقط ومنذ اتباع إرشادات باركر لأسابيع ، ربحت ما يصل إلى 10000 دولار في محفظتي. شكرا جزيلا لك سيدي Insta💢gram👉 official_georgefx_parker1
Matteo Montù
Fonal99 16.08.2022 18:37
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
L'articolo può anche avere una logica ma io potrei mostare decine di proiezioni delle big banks degli anni passati e, ex post, si sono rilevate tutte sbagliate. per non parlare della fed che diceva ''inflazione temporanea''...a mio modesto modo di vedere, se mister bond ha ragione, arriva una bella recessione (altro che crescita dei prezzi)... il mercato sta scommettendo su questo. Discesa inflazione e fed che rivede la sua politica (non solo fed). Per questo sale il mercato azionario. Il prezzo delle materie prime è in flessione. Che spesso è causa incipit di crescita prezzi
Johnny Patrignani
Johnny Patrignani 16.08.2022 18:37
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
se si va in recessione con inflazione comunque alta la Fed non ha altra scelta che continuare a stringere, recessione con inflazione in salita sarebbe ancora peggio
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email