Ultime Notizie
0

Mercato difficile da leggere, per ora meglio lasciarlo ai trader

Mercato azionario11.02.2019 12:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Quello che è successo la settimana scorsa in Borsa a Milano e sui BTP fornisce un buon esempio delle contraddizioni di questa fase. Segnali di cautela dalle trimestrali USA, scenari a facce opposte in Europa.


La lettura dei mercati sta diventando un esercizio decisamente impervio. Prendiamo la giornata di giovedì 7 febbraio alla Borsa di Milano. Il mercato parte bene con i bancari in spolvero, Intesa reduce da risultati brillanti il giorno prima e Unicredit (MI:CRDI) che li ha appena presentati e viaggia in rialzo del 5% verso le 11. Poi a metà seduta qualcosa si guasta. Alle 13 italiane e un paio d’ore prima dell’apertura a Wall Street FCA presenta buoni risultati per il 2018 ma ridimensiona la guidance su utili e cash flow per il 2019 e il 2020. Il titolo fa un tonfo del 12% con effetti sul resto del listino. Un paio d’ore dopo apre Wall Street e apre male, interrompendo una serie positiva che va avanti da inizio anno. Il giorno dopo leggeremo che gli investitori sono innervositi dall’andamento incerto dei negoziati con la Cina sui dazi. In realtà il Libor a 3 mesi sul dollaro cade repentinamente di 4 punti base, un’enormità per un tasso a breve che viaggia attorno al 2,7%, un paio di punti sopra i Fed Funds, non succedeva da maggio 2009. Qualcuno sul mercato ci vede un segnale che la prossima mossa della Fed potrebbe essere al ribasso, causa brusca frenata dell’economia. Powell che nel giro di un paio di mesi dall’intenzione di alzare per almeno 2 volte quest’anno per poi andare in pausa e ora addirittura si prepara ad abbassare? Ce n’è per spaventarsi. E su Milano arriva la seconda botta più pesante. Se l’economia USA frena e la Fed abbassa, cosa caspita potrebbe succedere a quella italiana già in recessione tecnica? La nostra Unicredit incolpevole finisce la seduta in calo del 2%.

QUALCOSA NON TORNA TRA SPREAD E FAME DI BTP
Il giorno dopo i giornali ci spiegano che Milano è affondata con le banche perché la UE e il FMI hanno abbassato le stime di crescita italiana facendo salire lo spread. Ma erano informazioni disponibili in prima pagina degli stessi giornali già giovedì mattina, e non impedivano a Unicredit di salire del 5%. E poi c’è lo spread che si riavvicina a 300. Anche qui c’è qualcosa che non torna. Se è vero che lo spread alto segnala la percezione del rischio che l’Italia potrebbe non onorare il debito, allora come mai solo mercoledì 6 febbraio ben 400 investitori di tutto il mondo si sono messi in fila per comprare il BTP a 30 anni mettendo sul piatto offerte per oltre 40 miliardi, vale a dire in media 100 milioni a testa, pari a ben cinque volte l’importo offerto? Il trentennale è stato assegnato con una cedola del 3,85%, certo non disprezzabile di questi tempi, ma non troppo più alta del 3% che offre il titolo equivalente del Tesoro USA. Forse la storia del rischio emittente alla fine è un’ottima scusa per spuntare rendimenti interessanti, ma evidentemente nessuno ci crede fino in fondo, se c’è la fila per rischiare sul debito italiano sulla lunghezza dei 30 anni. E magari, ogni volta che dalla politica italiana escono dichiarazioni utili ad alimentare la scusa del rischio, c’è qualcuno che si frega le mani...

Continua la lettura

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge

Mercato difficile da leggere, per ora meglio lasciarlo ai trader
 

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email