Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Perché la Ue potrebbe trovare difficile eliminare petrolio russo

Mercato azionario 04.05.2022 18:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Una miniatura di barili di greggio davanti a un grafico. REUTERS/Dado Ruvic/

LONDRA (Reuters) - L'Unione Europea ha proposto un embargo graduale del petrolio russo, ma potrebbe essere difficile da implementare, data la complessa rete di distribuzione europea e le difficoltà nel tracciare il greggio una volta che viene miscelato o raffinato.

Il piano, se trova l'accordo degli Stati membri, entrerebbe in vigore tra sei mesi per il greggio e tra otto mesi per il diesel e altri prodotti petroliferi.

QUANTO SARANNO IMPERMEABILI LE SANZIONI DELLA UE?

Secondo la proposta, all'Ungheria e alla Slovacchia verrebbe concesso un periodo più lungo - fino alla fine del 2023 - per adattarsi all'embargo. Questo significa che I paesi della Ue sarebbero ancora in grado di acquistare il petrolio russo attraverso l'Ungheria e la Slovacchia, a meno che il piano non venga ratificato per evitare che entrambi i Paesi acquistino più petrolio del necessario.

IL PETROLIO RUSSO POTRÀ ANCORA ARRIVARE IN EUROPA DOPO UN EMBARGO?

I Paesi europei potrebbero continuare a comprare carichi russi da Paesi terzi senza essere a conoscenza della loro provenienza.

Il petrolio di solito può essere ricondotto alla sua origine in base alla composizione chimica, come il contenuto di zolfo e la densità. Tuttavia, alcuni acquirenti sono stati ingannati in passato da documenti falsi, che occultano l'origine dei carichi provenienti da Paesi sotto sanzioni, compresi Iran e Venezuela, secondo fonti del settore.

Ciò diventa più difficile se il greggio viene miscelato con altri greggi per le raffinerie, e quasi impossibile dopo che viene trasformato in prodotti standard, come benzina, diesel o carburante per aerei.

CHI STA CERCANDO DI ELIMINARE O SOSPENDERE GLI ACQUISTI DI PETROLIO RUSSO?

Almeno 26 grandi raffinatori e società di trading europee hanno sospeso gli acquisti spot o intendono eliminare gradualmente un totale di 2,1 milioni di barili al giorno (bpd) di importazioni russe, secondo JP Morgan (NYSE:JPM).

Le compagnie europee tra cui Shell, TotalEnergies, Repsol (BME:REP) e BP (LON:BP) non comprano più prodotti raffinati che abbiano componenti russi. E i contratti della BP stabiliscono che qualsiasi accordo con un venditore che viola la sua politica non sarà valido, secondo le informazioni commerciali dettagliate nella Platts trading window.

Diverse compagnie di shipping chiedono anche garanzie che i carichi non abbiano origine o interessi russi, e che non siano stati trasferiti da una nave con legami russi, secondo i documenti visionati da Reuters.

PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE TRACCIARE I CARICHI DI PETROLIO RUSSO?

Anche con tutti questi documenti a disposizione, non c'è garanzia di eliminare qualsiasi traccia di idrocarburi russi una volta che entrano nel principale hub di importazione di petrolio della Ue, il complesso Amsterdam-Rotterdam-Anversa (Ara) - composto da otto porti sparsi in due Paesi, 96 terminali e 6.300 serbatoi di stoccaggio di proprietà di centinaia di compagnie petrolifere internazionali.

"Alcuni prodotti processati nelle raffinerie europee continueranno a contenere petrolio russo", dice Shell. "Allo stesso tempo, molti prodotti come il diesel sono generalmente miscelati - il che significa che una parte dei liquidi mescolati nei tubi e nei serbatoi che alimentano l'intera industria avranno origine in Russia".

Nell'Ara, il petrolio russo miscelato potrebbe comparire nei dati doganali semplicemente come carburante proveniente dai Paesi Bassi, ha detto Cuneyt Kazokoglu, responsabile dell'analisi della domanda di petrolio alla Fge.

"Penso che molti Paesi europei indicheranno che le importazioni provengono dai Paesi Bassi per nascondere l'origine dei prodotti russi", ha detto Kazokoglu.

DOVE VA IL PETROLIO DELL'ARA?

Il carburante può essere imbarcato su un cargo e riesportato in altre regioni e Paesi. Può andare su una chiatta verso altri terminali all'interno dello stesso porto, o proseguire lungo il fiume Reno verso la Svizzera, la Francia e la Germania. In questo modo si può nascondere l'origine del combustibile, hanno detto i trader.

Dall'hub Ara, i prodotti petroliferi possono essere distribuiti attraverso il Central European Pipeline System (Ceps) della Nato, che collega sei porti marittimi e 11 raffinerie in tutto il continente, tre stazioni ferroviarie e 16 stazioni di carico per camion e sei aeroporti internazionali.

"Se non si tratta di un proprietario russo, a parte il certificato di origine - ma anche questo può essere modificato - è difficile per il terminale (di stoccaggio) identificare l'origine dei prodotti", ha detto Krien van Beek, un broker di Odin-Rvb Tank Storage Solutions a Rotterdam.

COSA STANNO FACENDO LE AZIENDE PER MANTENERE LE PROMESSE?

Gli acquirenti stanno richiedendo sempre più spesso ai siti di stoccaggio informazioni sull'origine del petrolio miscelato, hanno detto fonti del settore, per decidere da soli se possono accettarlo. Ma la documentazione di origine completamente tracciabile non è sempre facilmente reperibile in un lasso di tempo ragionevole prima che un acquisto abbia luogo.

Alcune compagnie di shipping consegnano un certificato che specifica dove il carburante è stato prodotto o lavorato. Se da un lato l'autorità doganale di un Paese avrebbe accesso a questi dati per i carichi importati, dall'altro tali documenti sono considerati riservati.

Shell in precedenza definiva russe le merci che avevano il 50% o più del loro contenuto costituito da carburante prodotto in Russia. Ma l'azienda ha recentemente inasprito le restrizioni sull'acquisto di petrolio russo, dicendo che non accetterà più prodotti raffinati con contenuto russo, compresi i carburanti miscelati, secondo le clausole dei suoi contratti commerciali.

Tale restrizione, tuttavia, si applica solo alle piattaforme in cui le aziende sono autorizzate a introdurre le proprie clausole, ed escluderebbe il contratto del gasolio sulla principale borsa Ice, ha detto una fonte a conoscenza della questione.

Altri trader stanno valutando se una miscela di diesel, per esempio, contenente fino al 49% di diesel russo, possa contare come un prodotto non russo, hanno detto a Reuters tre fonti specializzate.

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Gianluca Semeraro)

Perché la Ue potrebbe trovare difficile eliminare petrolio russo
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
Giovanni Lovati
Giovanni Lovati 05.05.2022 8:33
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Il problema non è che non lo sanno ne sono puramente coscenti. Quando nel 2018 Trump lo aveva detto alla delegazione tedesca per il gas gli sono scoppiati a ridere in faccia. Siamo solo seguendo lo USA, non che la guerra sia giusta, ma le sanzioni che stiamo impo faranno piu male a noi UE che alla Russia. Basta vedere con le importazioni di gas le abbaimo diminuite del 26% eppure la gazprom ha diminuito gli export del 2.6% perche ha aumentato gli export in China. Non è troppo tardi per la diplomazia e far finire la guerra senza entrare noi in una recessione ma bisogna essere meno testardi, come abbiamo visto con i pagamento in RUB che non volevamo fare alla fine abiamo accontentato la Russia. A essere testardi ci rimettiamo soltanto noi UE e la USA vende molto di piu a noi con ottimi contratti quidni si fanno una barcata di soldi. La russia si rivolgerà all’oriente e noi resteremo in mezzo con i costi di produzione alle stelle e l’inflazione che seguira e la disccupazione con lei
Leto Atreides
Leto Atreides 05.05.2022 8:23
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
siamo per decenni stati in mano ai russi per l'approvvigionamento di gas e petrolio senza pensare ad alcuna soluzione alternativa. a parte la Francia. adesso che abbiamo deciso che la Russia è il male, come gli adolescenti dobbiamo fare loro dispetto e non comprargli più nulla,ma non possiamo farlo. siamo in mano a dei buffoni oltre che incompetenti
Angelo zr
Angelo zr 05.05.2022 8:19
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Perché non lo sanno neanche loro
Alex Fà
Alex Fà 05.05.2022 8:01
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Perché usare il condizionale?
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email