Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Il passaggio da obbligazioni americane a quelle cinesi, il nuovo portafoglio 60/40

Da Investire come i miglioriPanoramica mercato15.07.2021 10:10
it.investing.com/analysis/il-passaggio-da-obbligazioni-americane-a-quelle-cinesi-il-nuovo-portafoglio-6040-200446697
Il passaggio da obbligazioni americane a quelle cinesi, il nuovo portafoglio 60/40
Da Investire come i migliori   |  15.07.2021 10:10
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

I governi, in particolare gli Stati Uniti, stanno producendo enormi quantità di debito con obbligazioni e altre attività di debito. I titoli obbligazionari statunitensi sono oltre un terzo dei titoli obbligazionari globali detenuti da banche centrali, fondi sovrani e investitori internazionali. 

La detenzione delle obbligazioni statunitensi è in gran parte dovuta al "privilegio esorbitante" che gli Stati Uniti hanno avuto, ovvero, quella di essere la principale valuta di riserva del mondo che ha permesso agli Stati Uniti di indebitarsi eccessivamente per decenni. Nonostante cio’, nell’ultimo periodo abbiamo visto un passaggio dai titoli obbligazionari statunitensi a quelli cinesi. 

Come ci spiega Marzo Manzo, analista di ICM, questo cambiamento sta avvenendo perché:

  • le obbligazioni americani, da un punto di vista di ritorni reali non offrono veramente un ritorno, sono quasi zero
  • gli investimenti in obbligazioni cinesi e altri mercati dei capitali stanno crescendo rapidamente e sono sempre più aperti agli investimenti esteri con la valuta cinese sempre più internazionalizzata.
  • le obbligazioni cinesi offrono rendimenti relativamente interessanti a causa delle favorevoli condizioni della bilancia dei pagamenti cinese 

Qui di seguito il confronto tra i rendimenti delle obbligazioni a 10 anni americane e cinesi.



Tutto ciò vale anche per il mercato azionario?

Secondo un nuovo rapporto di Vincent Deluard, direttore della strategia macro globale presso StoneX, una rete di servizi finanziari statunitensi, gli investitori potrebbero voler prendere in considerazione un nuovo tipo di divisione del 60/40 tra azioni e obbligazioni. In un documento intitolato "La Cina è per le obbligazioni e gli Stati Uniti per le azioni: nel nuovo "60/40" Deluard spiega perché gli investitori potrebbero volere una divisione del portafoglio tra azioni statunitensi e obbligazioni cinesi.

Il primo fattore da tener d’occhio per Deluard è la decrescita demografica. Paesi come la Corea del Sud, Taiwan, Thailandia e Cina hanno tutti registrato un boom di nascite negli anni '70. Negli anni '90, i nati in questo baby boom sono entrati nel mondo del lavoro, contribuendo alla rapida crescita economica della
regione.

Da allora i tassi di natalità sono fortemente rallentati. Mentre in Cina questo è stato il risultato della politica del figlio unico, un simile crollo dei tassi di natalità è stato osservato in tutta l'Asia orientale, dove tali restrizioni non erano in vigore. La donna coreana in media ha meno di un figlio nella sua vita. Deluard afferma che il Giappone offre una sorta di modello per questo, con il paese che ha già attraversato il "collasso" demografico e un enorme rallentamento della crescita dagli anni '90. 

Nota che i titoli di stato giapponesi hanno sovraperformato le azioni giapponesi, misurate dall'indice Nikkei-225, del 100% nei tre decenni successivi. Se altri paesi dell'Asia orientale seguissero lo stesso percorso di lenta crescita economica e rapido invecchiamento, i rendimenti degli asset potrebbero sembrare simili. Sostiene: "Il prossimo crollo della crescita nominale della Cina aumenterà i rendimenti dei suoi titoli di stato, che stanno già offrendo tassi reali eccezionalmente positivi".

Mentre la performance del mercato azionario è di importanza sistemica per gli Stati Uniti. Una prova di ciò è la reazione alla Federal Reserve statunitense nel sell-off del mercato del 2018. Questa svendita è stata accelerata dall'aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve e il risultato è stato l'arresto di
ulteriori aumenti dei tassi. Ciò suggerisce che la banca centrale ora considera la performance del mercato azionario come una parte del suo mandato, anche se non è ufficialmente dichiarato.

Un altro motivo per cui i prezzi delle azioni sono sistematicamente importanti negli Stati Uniti è la composizione della proprietà delle azioni. Deluard sostiene: “Gli investitori istituzionali possiedono il 72% del mercato azionario statunitense. Un mercato ribassista diventa un problema politico quando devasta banche, assicurazioni e fondi pensione e impedisce agli elettori di raggiungere i propri obiettivi di pensionamento. […] Al contrario, il mercato azionario cinese è dominato da investitori al dettaglio inclini al gioco d'azzardo. Chiedere salvataggi al governo è considerato assurdo come chiedere un rimborso alla casa dopo una brutta notte a Macao”.

Questo, tra le altre ragioni, significa che la Federal Reserve probabilmente non aumenterà i tassi troppo velocemente di fronte all'inflazione, che potenzialmente continuerà a supportare le valutazioni azionarie statunitensi. Tuttavia, l'altro aspetto è che l'inflazione continuerà a significare rendimenti reali negativi per i detentori di obbligazioni statunitensi.




Il passaggio da obbligazioni americane a quelle cinesi, il nuovo portafoglio 60/40
 

Articoli Correlati

Marco Minelli
Ray Dalio: "E' peggio del 2008"   Da Marco Minelli - 15.10.2021 1

Già a partire dagli scorsi mesi le dichiarazioni di Ray Dalio, imprenditore di fama internazionale e proprietario del più grande hedge funds del mondo, Bridgewater Associates,...

Il passaggio da obbligazioni americane a quelle cinesi, il nuovo portafoglio 60/40

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email