STMicroelectronics NV (STM)

39,690
+0,600(+1,53%)
  • Volume:
    1.553.990
  • Denaro/Lettera:
    39,680/39,690
  • Min-Max gg:
    39,260 - 39,830
  • Tipologia:Azione
  • Mercato:Italia
  • ISIN:NL0000226223

STM Panoramica

Chiusura prec.
39,09
Min-Max gg
39,26-39,83
Ricavi
-
Apertura
39,515
52 settimane
24,5-40,395
EPS
0,39
Volume
1.553.990
Cap. mercato
36,9B
Dividendo
0,20
(0,52%)
Volume Medio (3m)
2.709.485
Ratio Prezzo/Utile
38,10
Beta
0,97
Variazione su 1 anno
54,38%
Azioni in circolazione
944.807.734
Prossima Data Utili
27 ott 2021
Stmicroelectronics: qual è il tuo sentimento?
o
Vota per vedere i risultati su cosa ne pensano gli utenti!

Stmicroelectronics Notizie

Stmicroelectronics Analisi

Sommario Tecnico

Tipo
5 min
15 min
Ogni ora
Giornaliero
Mensile
Media mobileCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra Adesso
Indicatori tecniciCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra Adesso
RiassuntoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra AdessoCompra Adesso

Stmicroelectronics Profilo Aziendale

Stmicroelectronics Profilo Aziendale

Settore
Tecnologia
Dipendenti
46016
Mercato
Francia

STMicroelectronics N.V. è una società globale di semiconduttori che progetta, sviluppa, produce e commercia una gamma di prodotti, tra cui componenti di materie prime standard e divise, e circuiti integrati per applicazioni specifiche per applicazioni analogiche, digitali e a segnale misto. I segmenti della compagnia includono Automobilistico e Gruppo Discreto (ADG), Analogico e MEMS gruppo (AMG), Microcontrolori e Gruppo Digitale ICs (MDG), ed Altri. Il Segmento ADG comprende tutti i circuiti integrati dedicati all'automobilistico, e prodotti transistor di potenza e divisi. Il segmento AMG include ICs analogici a passa potenza per tutti i mercati, prodotti per l'energia intelligente, dispositivi di controllo Touch Screen, soluzioni connettive a bassa potenza per l'Internet delle cose, prodotti per la conversione dell'energia. Il segmento MDG include microcontrollori a scopo generico e di sicurezza e memorie elettriche cancellabili programmabili di sola lettura. Il segmento Altri include tutti i valori finanziari correlati alla divisione di prodotti imaging, sottosistemi ed altri prodotti.

Leggi altro
  • buongiorno a tutti...secondo voi quale potrebbe essere un buon punto di ingresso oggi.? può arrivare a 39.2?
    0
    • Serafino invece di copiare gli articoli scrivi che in pre market America è negativoBasta notizie scopiazzate
      2
      • In pre market è positivo alla grande
        0
    • Sono stati realizzati un totale di 143 chip di test EPAC, avvalendosi del processo produttivo 22FDX a basso consumo di GLOBALFOUNDRIES. Il chip occupa un'area di 26,97 mm2 su un package FCBGA e punta, per ora, a una frequenza operativa di 1 GHz. L'accensione è avvenuta con successo e il processore ha eseguito il suo primo programma bare metal riproducendo il tradizionale saluto "Hello World!" in diverse lingue. EPI continuerà a sviluppare, ottimizzare e convalidare diversi blocchi IP, dimostrandone funzionalità e prestazioni al fine di creare un ecosistema HPC europeo il più possibile indipendente. Per l'Italia fanno parte del consorzio l'Università di Bologna, quella di Pisa, CINECA, STMicroelectronics ed E4 Computer Engineering.
      1
      • Il processore europeo prende forma: il chip RISC-V funziona e dice "Ciao Mondo!"  La European Processor Initiative (EPI), il consorzio che mira a dare indipendenza all'Unione Europea nel settore HPC, ha ricevuto i primi sample dello European Processor Accelerator (EPAC), una soluzione RISC-V che punta a offrire alte prestazioni ed efficienza: il chip funziona ed è in fase di test nei laboratori EPI. di Manolo De Agostini pubblicata il 23 Settembre 2021, alle 09:01 nel canale PROCESSORI
        1
        • La European Processor Initiative (EPI), un progetto che vede coinvolti 28 partner di 10 paesi europei con l'obiettivo di rendere il Vecchio Continente indipendente nel campo delle tecnologie e delle infrastrutture HPC (High Performance Computing), ha annunciato che i primi sample di un chip di test RISC-V sono stati non solo consegnati, ma sono anche stati accesi e funzionano.L'EPAC1.0 RISC-V Test Chip, così è stata chiamata questa soluzione al momento, mira a dimostrare la capacità europea di realizzare core RISC-V ad alta efficienza e throughput chiamati European Processor Accelerators (EPAC) per slegarsi (o meglio, avere un piano B) dalle soluzioni statunitensi x86 come quelle di AMD e Intel, a oggi i migliori processori in circolazione in qualsiasi settore, oltre agli acceleratori basati su GPU come quelli di NVIDIA.PUBBLICITÀEPAC combina diverse tecnologie di accelerazione specializzate per diverse aree applicative. Il chip di test contiene quattro micro-tile vettoriali f
          1
        • EPAC combina diverse tecnologie di accelerazione specializzate per diverse aree applicative. Il chip di test contiene quattro micro-tile vettoriali formate dal core RISC-V Avispado progettato da SemiDynamics e un'unità di calcolo vettoriale messa a punto dal Barcelona Supercomputing Center e dell'Università di Zagabria. Il consorzio spiega che ogni tile contiene un "Home Node" e della cache L2, rispettivamente progettate da Chalmers e FORTH, fornendo una "visione coerente del sottosistema di memoria". Vi sono poi due acceleratori aggiuntivi: lo Stencil and Tensor accelerator (STX) sviluppato da Fraunhofer IIS, ITWM ed ETH Zürich e un variable precision processor (VRP) creato da CEA LIST. Tutti gli acceleratori nel chip sono collegati da una rete ad altissima velocità sviluppata da EXTOLL.
          1
      • il dvd vi è arrivato?
        0
        • 48
          0
          • Bloccati a 39,55
            0
            • 40
              1
              • il DVD e' a fine ottobre
                1
                • il dvd vi è arrivato?
                  0
                  • accreditato ieri ben 4,35 cent ad azione 😂😂
                    0
                  • ma se è 0,24 $ in 4 tranches quindi 0.06 come hai fatto a ricevere 4,35 ad azione😳😳
                    0
                • È vero che i semiconduttori costano di più ma e anche vero che le materie prime costano molto di più!Quindi facendo un'analisi risulta sopravvalutata!!!Occio a lasciarci dentro le manine e le braccia!!!
                  0
                  • 40 in vista
                    0
                    • Buongiorno a tutti. L'ultima tempesta che ha permesso alla speculazione di riportare per breve tempo Stm, sotto i 38 euro, è ormai passata. Dopo l'ostacolo Fed lasciato alle spalle, si può tornare a investire sul titolo, con primo obiettivo, l'aggancio dei 40 e poi successivamente, il raggiungimento di un nuovo top. Ovviamente ricordo la regola: si compra sugli storni e mai sui massimi, così da ottimizzare l'entrata. Preferisco ricomprare a 39, consapevole che andrà su, piuttosto che a 38, con il rischio concreto di trovarmi una perdita immediata...
                      1
                      • secondo te torna a 39?
                        0
                    • il dvd vi è arrivato?
                      0
                      • Powell assicura la Fed aiuterà l'economia fino alla ripresa completa
                        0
                        • Indice SOX verde
                          0
                          • Si sale
                            0
                            • Motivo?
                              0
                            • rocco muropanico, sorry
                              2
                            • Non mi sembra
                              0
                          • cip 🐥 cip 🐥per salire aspettano gli usa
                            0
                            • Sul piano tecnologico, è un’occasione per l’Europa per tornare alla frontiera tecnologica in un settore in cui ha perso terreno: gli investimenti in nuove fabbriche nel continente nel 2020 sono appena il 3% del totale mondiale (secondo il centro studi Bruegel) e, dalla tedesca Infineon all’italo-francese STMicroelectronics, i gruppi europei presidiano nicchie importanti ma lontane dai modelli più avanzati. Sul terreno politico poi sarebbe un segnale preciso: un accordo in strategico con Intel, a sua volta sostenuta dalla Casa Bianca, rafforzerebbe un rapporto transatlantico ormai incrinato e sposterebbe con realismo su altri fronti la ricerca dell’“autonomia strategica” che l’Europa afferma di inseguire. Se davvero riuscirà a decollare dopo le elezioni tedesche, si tratta di un piano tripartito. I governi di Francia, Germania e Italia stanno tenendo da tempo riunioni settimanali riservate per definire una proposta comune su come il progetto di Gelsinger possa dispiegarsi, simultaneamen
                              0
                              • transistor più piccoli e più avanzati, quelli da due o tre nanometri (milionesimi di millimetri) che servono oggi per il cloud o l’intelligenza artificiale, ma in prospettiva saranno assorbiti dalle auto elettriche o autonome e da tutta l’industria 4.0 basata sull’Internet delle cose. Fra dieci anni le industrie di Germania, Italia e Francia avranno un consumo molto intenso di questi modelli di chip. Certo la partita è ancora aperta. Parte dell’industria tedesca resta riluttante a innovazioni troppo radicali e tentenna. È frenata anche dalle avance di Tsmc: l’azienda taiwanese, numero uno al mondo, ha offerto una joint-venture a StMicroelectronics (declinata) e a Infineon. Che esita ancora.
                                0
                              • Capisco pefettamente perche' hanno rifiutato:SE Taiwan finisse in bolla alla Cina, il Partito Comunista Cinese avrebbe accesso a tecnologie avanzate praticamente GRATIS...anzi, facendosi pure pagare. Le join venture cinesi sono solo uno degli innumerevoli modi che hanno costoro per trafugare le tecnologie occidentali.
                                0
                            • previsto a breve un nuovo incontro fra vari esponenti del governo e Pat Gelsinger, l’uomo che da febbraio guida il colosso californiano Intel con l’obiettivo di contendere a Taiwan la leadership tecnologica nei microchip. Le consultazioni hanno un solo punto all’ordine del giorno: il progetto di Intel di lanciare un investimento iniziale da 20 miliardi di dollari — ma circa cento miliardi all’orizzonte del 2030 — per costruire in Europa microchip della generazione tecnologicamente più avanzata. Sul piano industriale, sarebbe la più potente risposta dell’Occidente alla drammatica carenza di microchip emersa quest’anno — anche per le imprese italiane — malgrado un aumento di produzione mondiale di quasi il 10% a oltre 520 miliardi di dollari di fatturato.
                              0
                              • long long long 40
                                2
                                • quando verra' accreditato il dividendo ?
                                  1
                                  • penso che domani lo trovi sul conto, se non oggi
                                    0
                                  • grazie
                                    0
                                • Tutto incomprensibile
                                  1
                                  • titolo mangia soldi
                                    1
                                • Gli iPhone vanno a ruba Secondo BGR, dopo l'inizio del preordine alcuni dei modelli di iPhone hanno visto le date di consegna estendersi ai primi di ottobre; i modelli più costosi iPhone Pro e iPhone Pro Max sono stati fra i primi ad andare esauriti, afferma il report.Le stime di consegna per i modelli di iPhone 13 Pro da 1 TB sono attualmente tra il 19 e il 26 ottobre.L’analista di BofA ha un rating Neutral e un target price di 160 dollari per le azioni Apple.Apple prevede che la crescita unitaria in Cina compenserà la pressione sul prezzo medio di vendita e l'impatto sul cambio derivante dal rafforzamento dello yuan, ha affermato Mohan.
                                  0
                                  • VASSALLO ha un tp di 48 euro
                                    1
                                    Disclaimer: Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici e future), criptovalute e Forex non sono forniti dalle borse ma dai market mover, quindi i prezzi possono non essere del tutto accurati e possono differire dagli attuali prezzi di mercato. Pertanto, i prezzi sono da considerarsi solo indicativi e non adatti per fini di trading. Fusion Media, dunque, non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite di capitale causate dall’uso di questi dati.
                                    Fusion Media o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non accetta alcuna responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio.
                                    La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.