📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Inflazione USA in calo, EUR/USD e GBP/USD long?

Pubblicato 16.05.2024, 08:58
EUR/USD
-
GBP/USD
-
AUD/USD
-
Buongiorno cari lettori di Investing, qui è Luca Luongo di Forex Trading Pratico che vi scrive.

Dopo il dato sull'inflazione americana (in leggerissimo calo), il mercato forex si è fatto sentire creando dei bei movimenti al rialzo o al ribasso. Ecco perchè ora andiamo come sempre ad analizzare tre coppie valutarie: EUR/USD, GBP/USD e AUD/USD

Partiamo con AUD/USD

Le previsioni per AUD/USD mostrano un’impennata del sentimento rialzista mentre il dollaro crolla dopo un rapporto sull’inflazione al consumo non così roseo come i mercati si aspettavano. Di conseguenza, c’è una maggiore probabilità che la Fed tagli i tassi a settembre. Nel frattempo, i tagli dei tassi in Australia potrebbero iniziare nel 2025, rafforzando la posizione del dollaro australiano rispetto al dollaro. I prezzi al consumo statunitensi sono aumentati dello 0,3% ad aprile, in calo rispetto all’aumento dello 0,4% del mese precedente. Nel frattempo, su base annua, l'inflazione è rimasta in linea con le aspettative, scendendo dal 3,5% al 3,4%. Ciò probabilmente darà ai politici più fiducia che la tendenza al ribasso sia intatta. Pertanto, dopo una breve pausa, i prezzi al consumo potrebbero continuare a scendere. In particolare, Powell ha mantenuto questa prospettiva martedì quando ha affermato che l’inflazione sarebbe ancora in calo. Nel frattempo, c'è stato maggiore sollievo per la Fed poiché le vendite al dettaglio sono scese allo 0,0% dallo 0,7% del mese precedente. Gli economisti si aspettavano un calo più contenuto, pari allo 0,4%.

Altrove, i dati provenienti dall’Australia di mercoledì hanno mostrato che la crescita salariale ha sorprendentemente rallentato rispetto ai massimi di 15 anni nel primo trimestre, indicando condizioni più flessibili del mercato del lavoro. La crescita annuale dei salari è scesa dal 4,3% al 3,8%. Di conseguenza, c’è meno pressione sulla RBA affinché aumenti i tassi.
Tuttavia, i tagli dei tassi potrebbero non iniziare in Australia fino al prossimo anno. 

Dal punto di vista tecnico, il prezzo AUD/USD ha superato la barriera di resistenza di 0,6650 in un contesto di impennata dello slancio rialzista. Allo stesso tempo, l'RSI è entrato nella regione di ipercomprato, mostrando un solido slancio rialzista e supportando un orientamento rialzista. Questo aumento arriva dopo che il prezzo ha trovato supporto sulla sua linea di tendenza rialzista e sulla media mobile a 30 periodi. Se il prezzo chiude sopra 0,6650, confermerà la continuazione del trend rialzista più ampio. Tuttavia, se tornasse al di sotto, potrebbe invertire la tendenza.

Invece cosa aspettarsi su EUR/USD e GBP/USD? Cosa è successo di così interessante su queste due coppie valutarie? Scopriamolo nel video qui sotto.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.