Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Petrolio, il crollo prosegue e crescono i timori di una crisi energetica

Da Ivan GaddariPanoramica mercato20.04.2020 12:13
it.investing.com/analysis/petrolio-il-crollo-prosegue-e-crescono-i-timori-di-una-crisi-energetica-200436946
Petrolio, il crollo prosegue e crescono i timori di una crisi energetica
Da Ivan Gaddari   |  20.04.2020 12:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

La riapertura dei mercati, in questo momento, sta evidenziando una certa prudenza tra gli operatori. I futures americani viaggiano in territorio leggermente negativo, mentre il petrolio continua il tracollo giungendo a testare un altro importantissimo supporto collocato in area 14 dollari.

Stiamo parlando di un livello, per chi non lo sapesse, che risale al 1998! Sfondato quel supporto, avrebbe strada libera addirittura verso quota 10 dollari al barile. C'è chi ritiene che una crisi energetica sia ormai iniziata e che le ripercussioni a livello d'inflazione saranno tremende. Le quotazioni potrebbero migliorare domani dopo il rollover del contratto, ma con l'enorme eccesso di offerta sul mercato le pressioni di vendita molto probabilmente non si arresteranno.

Per quanto riguarda la questione COVID-19, eccezion fatta per gli USA un po' tutti iniziano a registrare dei miglioramenti nelle curve epidemiche. Questo è un aspetto positivo che sta permettendo ai governi nazionali di discutere o implementare il processo strategico di uscita dalle restrizioni. A prescindere dal termine del lockdown, la vita di miliardi di persone dovrà necessariamente cambiare anche perché – lo sostiene l'OMS – potrebbe arrivare una seconda ondata di infezioni.

Si ha la sensazione che i trader non vogliano esporsi troppo e vogliano evitare facili entusiasmi, altrimenti si rischierebbe nuovamente di farsi male. Oltre all'azionario, di cui s'è detto precedentemente, calano anche i rendimenti obbligazionari USA e il Dollaro potrebbe nuovamente approfittarne.

Nel corso della notte i dati commerciali giapponesi di marzo hanno mostrato esportazioni inferiori al previsto ovvero -11,7% mentre le importazioni sono risultate meno negative attestandosi al -5,0% (-10,1% era il dato atteso per le esportazioni, -9,8% per le importazioni). Ciò ha ridotto significativamente il surplus commerciale giapponese e ha pesato leggermente sullo yen.

Petrolio, il crollo prosegue e crescono i timori di una crisi energetica
 

Articoli Correlati

Francesco Cerulo
Euforia sui listini, durerà?   Da Francesco Cerulo - 08.12.2021

Le azioni sono balzate per il secondo giorno consecutivo, continuando il loro rimbalzo da un recente periodo difficile, poiché gli investitori sono diventati meno timorosi del...

Petrolio, il crollo prosegue e crescono i timori di una crisi energetica

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Emanuele Paris
Bigmème 20.04.2020 12:32
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
il problema a mio avviso è proprio la possibile seconda ondata... con gli USA smaniosi di riaprire nonostante siano al picco massimo di morti... si rischia una lunghissima lenta inesorabile recessione; i bilanci degli intermediari bancari a malapena riusciranno a reggere questa prima ondata, figurarsi una seconda ondata.. con relativi fallimenti... io sono certo che vedremo un altra pesante gamba ribassista.. cosi com'è sempre stato nelle crisi economiche/finanziarie
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email