Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Recupero delle valute dopo la spettacolare ripresa del Dow

Da Kathy LienValute25.01.2022 09:59
it.investing.com/analysis/recupero-delle-valute-dopo-la-spettacolare-ripresa-del-dow-200450897
Recupero delle valute dopo la spettacolare ripresa del Dow
Da Kathy Lien   |  25.01.2022 09:59
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 24 gennaio 2022

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management

Non vedevamo questo tipo di volatilità sui mercati finanziari dall’inizio della pandemia. Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 1.115 punti nella prima metà della seduta newyorkese, ma ci ha offerto una spettacolare ripresa che l’ha portato a chiudere in territorio positivo, su di quasi 100 punti.

Con la propensione al rischio che ha determinato l’andamento delle valute, non ci ha sorpresi vedere dei cambi come EUR/USD e AUD/JPY recuperare insieme alle azioni. Il dollarpo USA ha mantenuto la sua posizione, superando gran parte delle principali valute in vista dell’annuncio di politica monetaria della Federal Reserve di questo mercoledì. La banca centrale deve preparare il mercato per l’inasprimento di marzo e la prospettiva del rischio di un aumento dei tassi a sorpresa potrebbe continuare a sostenere il dollaro in vista del FOMC.

Il recente sell-off dell’azionario mostra i timori per l’inasprimento della Fed, durante il rallentamento dello slancio della ripresa. Tuttavia, dopo otto giorni consecutivi di vendite ed un calo del 10% dall’inizio dell’anno, le valutazioni più attraenti, soprattutto dei titoli tech, hanno attirato gli speculatori. La speranza che l’avversione al rischio stia scendendo ha aiutato le valute a staccarsi dai minimi.

Guardando avanti, le inversioni a U come quella a cui abbiamo assistito ieri tendono ad avere almeno due giorni di proseguimento, e con il vertice FOMC che si concluderà mercoledì, sarà il tono della banca centrale a decider se i tori torneranno oppure no.

Sebbene gli ultimi dati su spesa dei consumatori e settore manifatturiero siano stati deludenti, l’inflazione è cresciuta al ritmo più veloce a dicembre dal 1982. Il mercato ha totalmente considerato un aumento dei tassi per marzo, con una piccola possibilità di un aumento di 50 punti base. L’unica questione sarà l’aggressività delle previsioni della banca centrale per il futuro. Se la banca suggerirà che sarà necessario un inasprimento aggressivo o che quattro aumenti dei tassi nel 2022 non siano fattibili, l’azionario potrebbe ricominciare a scendere, facendo scendere anche le valute legate al rischio e permettendo al dollaro USA di salire ancora.

Una delle valute più deboli della giornata è stato il dollaro australiano, sceso dopo il calo degli indici PMI al minimo di 8 mesi. L’attività del settore manifatturiero si è contratta in Australia e l’indice PMI del settore dei servizi è crollato due volte più velocemente dell’indice manifatturiero. La variante omicron, le difficoltà di approvvigionamento ed il picco della ripresa globale sono tra i problemi che l’Australia deve affrontare, ma l’avversione al rischio ha giocato un ruolo importante nel calo di oggi. Sebbene l’IPC del Q4 sia atteso per questa notte, la posizione cauta della Reserve Bank dovrebbe limitare la reazione della valuta ad un report positivo.

Anche il dollaro neozelandese è sceso, nonostante la forza dell’economia. Questo pomeriggio abbiamo appreso che l’attività del settore dei servizi si è ripresa, seguendo il trend del manifatturiero. Fonterra ha alzato il payout del prezzo del latte, decisione positiva per i produttori.

I prezzi del petrolio stabili ed il vertice della Banca del Canada (di cui parleremo domani in dettaglio) hanno contribuito a limitare le perdite del dollaro canadese.

Anche la sterlina ha sofferto per i dati PMI deboli, mentre l’euro è andato abbastanza bene grazie al miglioramento dell’attività in Germania. Nonostante l’indice PMI flash della zona euro sia sceso più del previsto, da 53,3 a 52,4, il calo è stato dovuto interamente ai servizi mentre l’indice manifatturiero è salito a 59 a gennaio da 58 a dicembre. L’attività in Germany non sembra sia stata intaccata dalla variante Omicron, visti i miglioramenti riportati nei settori manifatturiero e servizi. Questo rafforza l’aumento dell’indice tedesco e fa pensare positivo riguardo al report IFO di domani.

Recupero delle valute dopo la spettacolare ripresa del Dow
 

Articoli Correlati

Recupero delle valute dopo la spettacolare ripresa del Dow

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email