Ricevi uno sconto del 40%

Anteprima Fed: le due parole che sosterranno o affosseranno il dollaro

Pubblicato 28.07.2021, 07:55
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 27 luglio 2021

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

Il dollaro USA è sceso contro euro e yen giapponese in vista dell’annuncio di politica monetaria della Federal Reserve. Questo selloff è stato causato dalla combinazione tra rendimenti più bassi e dati economici più deboli. Le vendite di case nuove, che avrebbero dovuto rimbalzare a giugno, sono scese per il secondo mese consecutivo. Tra il calo delle vendite di case esistenti e nuove, il mercato immobiliare surriscaldato potrebbe finalmente raffreddarsi.

Il rendimento dei Titoli del Tesoro USA a 10 anni è calato del 4,4% mentre l’S&P 500 ha chiuso la giornata in ribasso per la prima volta in sei giorni di scambi.

Ci si aspetta che la dichiarazione del FOMC di luglio resti virtualmente invariata. Tra la minaccia della rapida diffusione della variante Delta, la scadenza della moratoria per gli sfratti e dei sussidi extra alla disoccupazione, ci sono troppe incertezze perché la Fed spinga il piede sul pedale del tapering. I dati USA sono stati misti. Considerando che la maggior parte dei policy-maker ritiene che l’inflazione sia transitoria, bisognerà attendere fino al simposio di Jackson Hole ad agosto o ancora fino a settembre per vedere se queste incertezze abbiano un impatto significativo per l’economia. Questo pomeriggio la Casa Bianca ha dichiarato che non ci sono “segnali importanti” sull’impatto economico della variante Delta, ma se le restrizioni negli USA dovessero tornare, allora il quadro si incupirebbe velocemente. Proprio oggi, il Center for Disease Control and Prevention ha rivisto le regole, raccomandando anche ai vaccinati di indossare nuovamente la mascherina al chiuso negli stati in cui il virus è in forte circolazione. Ha raccomandato inoltre di indossare la mascherina a scuola per insegnanti, studenti e visitatori a prescindere dalla loro situazione vaccinale.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Ma se ci stessimo sbagliando e una di quelle due parole (Delta o Taper) dovesse comparire nella dichiarazione del FOMC, allora vedremmo una grande reazione dal dollaro USA. Se la Fed dovesse mostrarsi preoccupata della variante Delta, il dollaro USA potrebbe estendere il calo rapidamente. Se dovesse riconoscere che è in arrivo un tapering, allora il dollaro USA potrebbe schizzare. Non crediamo che nessuna delle due possa comparire sulla dichiarazione del FOMC, ma il Presidente della Fed Jerome Powell sarà spinto a discutere di entrambe. Aveva già dichiarato che le varianti del virus potrebbero complicare la ripresa USA ed è fuor di dubbio che esprimerà gli stessi timori anche domani. Tuttavia, durante l’ultimo vertice della Fed, ha ammesso che i membri avevano discusso di riduzione degli acquisti. Ed anche se questo mercoledì non ci saranno annunci formali, si continuerà a discutere su questo tema nelle prossime settimane.

Il sell-off del dollaro USA di martedì indica che gli investitori si aspettano più cautela che ottimismo dalla Fed. E se gli investitori hanno ragione, il cambio USD/JPY potrebbe far scendere il calo verso 109,00 ed il cambio EUR/USD potrebbe salire sopra 1,1850. A meno che non ci siano delle variazioni significative alla dichiarazione del FOMC o alle previsioni di Powell, non ci aspettiamo grandi cambiamenti nelle valute.

A differenza dell’euro e della sterlina, il selloff dell’azionario e l’avversione al rischio ha fatto riscendere il dollaro australiano, neozelandese e canadese contro il biglietto verde. Per domani sono attesi i dati sull’inflazione in Australia e in Canada, e sebbene ci si aspettino dati forti, l’impatto su AUD e CAD dovrebbero essere limitati. Le conseguenze economiche dei lockdown in Australia contano più dell’inflazione della banca centrale al momento. Per la banca del Canada, prezzi più elevati validano la recente decisione di ridurre gli acquisti di asset.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Ultimi commenti

Ma Prima o poi tutto questo covid terminerà ed allora sarà tapering e rimbalzo forte del dollaro anche a 1,05
Brava ottima osservazione , la variante Delta faraà scendere ulteriormente la moneta verde, tuttavia cercheranno di contenere la caduta
Esatto.
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.