Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Morgan Stanley ha senza volerlo gettato benzina sul fuoco del greggio?

Da Investing.com (Barani Krishnan/Investing.com)Materie prime06.05.2020 16:56
it.investing.com/analysis/did-morgan-stanley-add-unintended-fuel-to-oils-fire-200437397
Morgan Stanley ha senza volerlo gettato benzina sul fuoco del greggio?
Da Investing.com (Barani Krishnan/Investing.com)   |  06.05.2020 16:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

“Gettare benzina sul fuoco”. Abbiamo tutti sentito questo modo di dire e l’abbiamo usato in qualche occasione. Morgan Stanley (NYSE:MS), una delle voci di Wall Street più influenti sul trading dell’energia, probabilmente ha dato a questo modo di dire una sfumatura più forte di quanto volesse questa settimana.

Sulla scia del rally di quattro giorni che ha già aggiunto il 65% al prezzo del greggio USA, Morgan Stanley ha pubblicato una nota ieri con le seguenti parole:

 “Questo suggerisce che il maggiore squilibrio tra offerta e domanda probabilmente è ormai passato”.

Ed era tutto quello che serviva ai tori che puntano ad una ripresa a V, dopo l’epica caduta del West Texas Intermediate a prezzi sotto zero di due settimane fa.

All’attestazione di ieri, il WTI scambiato a New York ha aggiunto un altro 20%, raggiungendo il massimo di quasi un mese di 25,73 dollari negli scambi post-attestazione.

Crude Oil WTI Futures Daily Chart
Crude Oil WTI Futures Daily Chart

Grafico giornaliero future del greggio WTI

Il Brent, il rivale britannico del WTI nonché riferimento globale del greggio, è schizzato del 14% ieri e di un totale del 55% dal 27 aprile, con un rally di sei giorni ininterrotto. Il Brent ha segnato 32,18 dollari post-attestazione, il picco dal 14 aprile.

Brent Futures Daily Chart
Brent Futures Daily Chart

Grafico giornaliero future Brent

E soprattutto, il contango, la differenza negativa, sul mese successivo sia per il WTI che per il Brent è stato nettamente inferiore rispetto ai contratti immediatamente successivi, rendendo il rischio di possederli non tanto alto quanto qualche settimana fa, quando gli investitori praticamente fuggivano dal mercato o compravano solo contratti con scadenza più lontana per conservare greggio con una consegna non imminente. Il contango del mese successivo del WTI era di soli 2 dollari ieri; due settimane fa, era 10 volte tanto.

Tutta questione di tempi

Cosa c’era di così scottante nella nota di Morgan Stanley sul greggio? Beh, secondo un altro detto, è “tutta questione di tempi”.

Il messaggio dell’agenzia di Wall Street sul cambiamento positivo delle dinamiche offerta-domanda del greggio è arrivato un giorno dopo i dati da cui è emerso che le scorte di greggio USA non stanno aumentando tanto rapidamente quanto nelle due settimane precedenti e che lo spazio per l’immagazzinamento della materia prima potrebbe non esaurirsi per il momento. 

La teoria riguardante il miglioramento dei fondamentali del WTI si è evoluta dopo le nuove stime pubblicate lunedì sulle scorte di greggio a Cushing, Oklahoma. Il centro è il punto di consegna per i contratti in scadenza il mese successivo dei future del greggio USA legati a barili fisici. 

Genscape, un servizio di intelligence energetica noto per le sue analisi delle stime su Cushing, lunedì ha affermato che le scorte presso il centro sono cresciute di 1,8 milioni di barili nella settimana terminata il 1° maggio. Si tratta di una stima piuttosto importante in quanto le scorte di Cushing fino ad allora erano aumentate ad una media di circa 5 milioni di barili alla settimana nelle precedenti quattro settimane. 

I timori che finisse lo spazio a Cushing sono stati il fattore che ha portato il contratto del WTI in scadenza a maggio due settimane fa al primo prezzo negativo della storia per il greggio USA in 37 anni. Secondo la U.S. Energy Information Administration, Cushing ha una capacità di 76 milioni di barili e, fino alla settimana terminata il 24 aprile, c’erano già 63,4 milioni di barili immagazzinati. 

Data la distruzione della domanda di greggio dovuta al COVID-19 negli ultimi due mesi, ed il quadro altrettanto spaventoso a livello globale per le scorte del Brent, i trader hanno pensato al peggio: che Cushing si sarebbe riempito prima della fine di questo mese e che il greggio USA estratto dal terreno non avrebbe avuto un posto dove andare.

Una svolta per il greggio? O un effetto valanga?

Il ricordo di quelli che hanno dovuto pagare affinché altri prendessero i loro barili fisici di WTI alla scadenza del contratto del mese scorso è vivido nella mente di molti, che si aspettavano uno scenario simile di prezzi sotto zero anche alla scadenza di questo mese. La stima di Genscape su Cushing, quindi, ha segnalato una possibile svolta per il WTI.

Oltre alle stime su Cushing, è cambiato anche qualcos’altro questa settimana: la maggior parte dei 50 stati in America hanno riaperto in qualche modo le attività, dopo le serrate per il COVID-19 imposte da metà marzo. 

Ciò significa che la domanda di benzina e gasolio - e alla fine anche di carburante per aerei - aumenterà da qui in avanti.

A dirla tutta, Morgan Stanley non è stato l’unico a far notare il miglioramento dei fondamentali del greggio.

Goldman Sachs, un altro nome di Wall Street noto in tutto il mondo per la sua lettura spesso lungimirante dei mercati energetici e delle materie prime, venerdì scorso ha affermato che il greggio si trova all’apice di “un rally del prezzo in tre fasi” cominciato con una ripresa di sollievo, seguito da un ciclo di inasprimento ed infine da una rivalutazione sostanziale.

Aggiungiamo il miglioramento delle scorte alle due previsioni rialziste di Wall Street: cosa otteniamo? Un effetto valanga, ecco cosa.

Ma non è tutta la storia

Tuttavia, come tutte le belle storie rialziste del mercato, anche questa del greggio ha un rovescio della medaglia. E comincia con le stesse previsioni di Wall Street che hanno alimentato il rally di questa settimana.

Il messaggio che i trader hanno colto dalla nota di Morgan Stanley sembra essere solo metà della storia. Sebbene l’agenzia abbia di fatto segnalato una svolta nelle sue prospettive sul greggio, ha espresso chiaramente che la strada che la aspetta non sarà facile.

Tra i suoi campanelli d’allarme sul greggio:

  • Il riequilibrio probabilmente sarà prolungato e procederà a scossoni.
  • Le materie prime non sono come i titoli azionari, che possono spesso “far finta di non vedere” un periodo di debolezza a breve termine. Al contrario, offerta e domanda di materie prime devono essere bilanciate ogni giorno: un eccesso di scorte è un eccesso di scorte.
  • Il mercato petrolifero sarà ancora considerevolmente in esubero e le scorte probabilmente continueranno ad aumentare.

 Goldman Sachs è stato altrettanto cauto nella sua nota di venerdì, scrivendo:

 “Oltre a questo rally di sollievo, avvertiamo che il mercato del greggio rialzista che ci aspettiamo richiederà tempo e pazienza”. 

 “Il greggio resta un asset fisico e di conseguenza ci sarà bisogno innanzitutto di eliminare il sostanziale esubero delle scorte nel secondo semestre del 2020, il che farà sì che la materia prima resti indietro rispetto al rally dei relativi asset finanziari come i titoli azionari”, aggiunge la principale voce sull’energia di Wall Street.

Il greggio sta correndo troppo velocemente allora?

Andandosi ad aggiungere a queste parole di cautela, una panoramica sulle scorte pubblicata dal gruppo di settore American Petroleum Institute dopo la chiusura dei mercati ieri ha suggerito che le scorte di Cushing sono aumentate di 2,7 milioni di barili la scorsa settimana, e non di 1,8 milioni come stimato da Genscape.

L’API ha riportato inoltre un numero minore per l’aumento delle scorte di greggio della scorsa settimana, pari a 8,4 milioni, contro i 9 milioni riportati ufficialmente per la settimana precedente dall’EIA.

Per quanto riguarda le scorte di benzina, l’API ha reso noto che si è registrato un calo di 2,2 milioni di barili, mentre per le scorte di prodotti raffinati, come gasolio e combustibile da riscaldamento, è stato segnato un aumento di 6,1 milioni di barili. La settimana prima, l’EIA aveva indicato un calo di 3,7 milioni di barili per la benzina ed un aumento di 5 milioni di barili per i prodotti distillati.

L’EIA pubblicherà il report sulle scorte della scorsa settimana alle 10:30 ET (14:30 GMT) di oggi, e potremo capire quanto sono accurate le stime dell’API.

Se i numeri ufficiali dovessero rivelarsi essere più ribassisti di quanto si aspetta il mercato, allora sarà il classico caso dei tori che anticipano le aspettative, dicono gli analisti.

 “Il mercato [del greggio] è ancora vulnerabile”, afferma Per Magnus Nysveen, a capo delle analisi per Rystad Energy.

 “I problemi esistenti non si risolvono magicamente, i problemi dell’immagazzinamento ci sono ancora … Restiamo molto cauti sul breve termine, ma la nostra idea è che vedremo una ripresa del prezzo sul lungo termine”.

 

Morgan Stanley ha senza volerlo gettato benzina sul fuoco del greggio?
 

Articoli Correlati

Morgan Stanley ha senza volerlo gettato benzina sul fuoco del greggio?

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Massy Rossy
Massy Rossy 07.05.2020 11:47
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Morgan come le altre non fanno niente senza volerlo, ma solo per proprio tornaconto.
Max Massimo
Max Massimo 07.05.2020 11:47
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sempre più una lotteria, con notizie e analisi che si contraddicono una con l'altra giorno dopo giorno. Sembrava che stessero scoppiando le aree di stoccaggio, un emergenza grave che portava a regalare il petrolio e invece oggi sembra che i depositi sono ancora capienti e che i problemi si risolleveranno, è solo una bua! passerà.... speculazione e basta, roba per pochi.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email