Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Intesa, Unicredit: un certificato dal 10% annuo e barriera al 40%

Pubblicato 08.07.2022, 12:22
US500
-
IT40
-
BARC
-
ISP
-
CRDI
-
META
-

Il 2022 è un anno che ha scosso molte certezze per l'investitore italiano, le blue chip tricolori sono state protagoniste di forti ribassi che hanno impattato negativamente sulle performance dei nostri portafogli di investimento. Il FTSE MIB, indice bancocentrico, che ha aperto l’anno a oltre 27.700 punti, ora si ritrova a circa 21.500, un ribasso di oltre il 20%.

Sapere individuare il “bottom” in un contesto come quello attuale diventa praticamente impossibile, vi sono troppe incertezze: l’inflazione, trainata dai prezzi in rialzo delle materie prime, che non viene scalfita dalle politiche monetarie restrittive delle banche centrali; la guerra che attanaglia i mercati impedendo una ripartenza; lo spettro di una recessione che potrebbe influire negativamente sui business floridi delle grandi aziende internazionali; la Cina, ancora bloccata da un aumento del numero di casi covid.


Diventa difficile prevedere il futuro quando ci sono troppe variabili in gioco, per questo l’investitore deve muoversi in due direzioni: da un lato proseguire con la prudenza sul suo portafoglio “core”, proteggendosi nel caso in cui la discesa non fosse finita, dall’altro puntare ad ottenere un maggiore rendimento: in un contesto rischioso, l’investitore deve richiedere un rendimento adeguato per il rischio.
In questo contesto si colloca un certificato di recente emissione di Barclays (LON:BARC) costruito su Intesa (BIT:ISP) e Unicredit (BIT:CRDI), che presenta un connubio rischio-rendimento interessante per il "core" del nostro portafoglio. 

Intesa ha perso circa il 26% da inizio anno e al momento quota circa 1.7 euro. Il target price medio degli analisti è pari a 2.68 euro, con un target minimo a 1.61 euro.

Unicredit, colpita più duramente quest’anno a causa dell’esposizione sul business russo, ha ceduto il 32% da inizio anno e ora quota circa a 9.3 euro. Il target price medio degli analisti è pari a 14.63 euro, con target minimo a 6.8 euro. Entrambe le azioni hanno confermato dei piani di buy-back ossia di acquisto di azioni proprie, Intesa per 3,4 miliardi di euro e Unicredit per 1,6 miliardi di euro.

Il Certificato su Unicredit e Intesa che ha catturato la nostra attenzione è un certificato con una serie di caratteristiche ultra difensive:

- Si tratta di un Fixed Cash Collect ossia un certificato che paga un premio fisso, incondizionato, indipendentemente dall’andamento dei sottostanti di 0.84 euro al mese. Quindi se anche i sottostanti dovessero azzerarsi in ogni caso l’investitore riceverà 0.84 euro ogni mese, fino alla data di scadenza. Questa caratteristica aiuta il mantenimento del prezzo vicino al valore nominale anche in caso di ribasso delle azioni.

- E’ un Certificato Low Barrier ossia ha la barriera di protezione del capitale a scadenza posta al 40% dagli strike, in particolare a 3.5312 euro per Unicredit e 0.66856 per Intesa. Pertanto a scadenza (il 5 luglio 2024) se Intesa è superiore a 0.66856 euro e Unicredit a 3.5312 euro, il certificato protegge il capitale investito e restituisce il valore nominale di 100 euro. Questa caratteristica è fortemente difensiva perchè consente di avere una protezione del capitale anche in caso di forti ribassi del sottostante (fino ad un -60%).

- Presenta l’Autocall Step-Down molto profonda, discendente del 2% al mese: dal 100% fino al 56% - quindi anche in caso di ribasso il certificato potrebbe rimborsare anticipatamente, pagando il premio e restituendo il valore nominale, fino ad un -44% del peggiore dei sottostanti.

- Ha un premio davvero interessante per la struttura fortemente protettiva: 0.84 euro al mese (10.08%), premio incondizionato e fisso.

- Il certificato scade il 5 luglio 2024 ed è negoziabile sul segmento TLX di Borsa Italiana. Il prezzo di acquisto del certificato è a circa 100 euro.

- L’emittente è tra i migliori (in quanto a rischio emittente) del mercato: Barclays (Rating: S&P A, Moody’s A1, Fitch A).

Se ritieni interessanti e utili le mie analisi e vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle mie pubblicazioni, clicca sul pulsante SEGUI dal mio profilo. Parliamo del certificato anche all’interno del gruppo Facebook (NASDAQ:META) di FreeFinance.

"Quest'articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; non costituisce sollecitazione, offerta, consigli, consulenza o raccomandazione all'investimento in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l'acquisto di assets. Ricordo che qualsiasi tipo di assets, viene valutato da più punti di vista ed è altamente rischioso e pertanto, ogni decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore."

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.