Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Lo stop del gas russo alimenta l’inflazione e spinge ad alzare i tassi di interesse

Pubblicato 06.09.2022, 16:29
Aggiornato 09.07.2023, 12:31
GAZP
-
  • La BCE dovrebbe optare per un aumento da 75 punti base questa settimana
  • L’impennata dell’occupazione USA mantiene le pressioni sulla Fed
  • Nuovo governo britannico alle prese con inflazione, recessione ed energia
  • Gli investitori ora si aspettano che la Banca Centrale Europea alzi i tassi di 75 punti base quando il consiglio direttivo si incontrerà questa settimana, dopo che l’inflazione nella zona euro ha toccato il record del 9,1% e la Russia ha espresso l’intenzione di avvalersi delle consegne di gas naturale come strumento contro le sanzioni UE.

    Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ieri ha infatti dichiarato che Gazprom (MCX:GAZP) non riprenderà i flussi di gas nel Nord Stream 1 verso la Germania fino a quando l’Occidente non cancellerà le sanzioni imposte dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina. La Russia sta ancora inviando gas in Europa tramite altri gasdotti, ma la riduzione sta comportando bruschi aumenti dei prezzi degli energetici. A questo punto, i funzionari europei non si fanno illusioni sulle intenzioni di Mosca.

    Sebbene vari governi USA avessero messo in guardia l’Europa dai pericoli di fare affidamento sul gas russo, i leader europei avevano scelto l’accondiscendenza e, sotto la guida della storica Cancelliera tedesca Angela Merkel, avevano persino portato avanti il piano della costruzione di un secondo gasdotto russo sotto il Baltico, poi fermato.

    Ora la BCE sarà costretta ad un aumento dei tassi persino maggiore del sorprendente rialzo di 50 punti base di luglio, con i prezzi degli energetici sempre più alti che alimentano un’inflazione da record e spingono i policymaker ad essere più interventisti. La crisi del costo della vita sta spingendo i governi europei ad adottare costose misure di aiuto per consumatori ed imprese.

    Joachim Nagel, capo della banca centrale tedesca e importante voce nel consiglio della BCE, dopo il report sull’inflazione della scorsa settimana chiede un aumento dei tassi maggiore a settembre ed ulteriori rialzi nei prossimi mesi.

    È stata Isabel Schnabel, membro tedesco del consiglio esecutivo della BCE, (e non la Presidente Christine Lagarde o il capo economista Philip Lane) ad esprimere le intenzioni della BCE al simposio di Jackson Hole ad agosto, suggerendo che i falchi tedeschi sono in ascesa nel determinare la politica monetaria della banca. Ha affermato che la banca centrale della zona euro intende rischiare una recessione se necessario per domare l’inflazione.

    I policymaker della BCE stanno imparando che i modelli predittivi sviluppati in tempi più tranquilli non sono affatto predittivi in un mondo devastato dalla pandemia e dal conflitto armato più importante in Europa dai tempi della Seconda Guerra Mondiale.

    I loro colleghi della Federal Reserve stanno giungendo a conclusioni simili. Gli investitori stanno ancora assimilando il discorso del Presidente della Fed Jerome Powell a Jackson Hole, che ha abbandonato le idee iniziali di un’inflazione transitoria e di un atterraggio morbido per l’economia per parlare di un incessante inasprimento monetario per combattere l’inflazione.

    Il report sull’occupazione USA di agosto ha mostrato che l’economia ha aggiunto 315.000 posti di lavoro non agricoli, in significativo calo dai 526.000 di luglio, ma ancora un fattore di inflazione in quanto la carenza di lavoratori fa salire gli stipendi. La politica della Fed cercherà di frenare la crescita dell’occupazione a meno che non ci sia una vera contrazione dell’economia, ma i policymaker opteranno per la cautela se l’inflazione dovesse restare alta.

    Nel Regno Unito, il Partito Conservatore ha scelto il Segretario degli Esteri Liz Truss per sostituire Boris Johnson come leader del partito e primo ministro. La notizia di ieri della sua vittoria contro l’ex Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak sarà seguita oggi dalla nomina ufficiale da parte della regina Elisabetta II e dalla presentazione del gabinetto.

    Il Regno Unito ha davanti molti degli stessi problemi legati all’inflazione dell’UE, esacerbati da una raffica di scelte politiche compiute dalla leadership di Johnson. Truss non è stata chiara circa la sua idea a proposito dell’indipendenza della Banca d’Inghilterra (e anche su molte altre questioni), quindi resta da vedere come gestirà le cose il suo governo.

    I tagli alle tasse sono l’aiuto più immediato nella sua agenda, mentre gli economisti prevedono una recessione già da quest’anno. Truss ha anche promesso di occuparsi dei bruschi aumenti dei prezzi degli energetici e di intervenire per garantire le forniture future.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.