Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Perché l’oro resta importante mentre l’economia argentina viene trasformata da Javier Milei

Pubblicato 14.05.2024, 16:35
XAU/USD
-
GC
-
ARS/USD
-
MERV
-
TSLA
-

In qualità di sostenitore di una sana politica fiscale e di forte sostenitore del potere del libero mercato, trovo che la recente revisione economica dell’Argentina sotto la guida del Presidente Javier Milei sia non solo rinfrescante, ma anche essenziale nell’attuale mondo di spese governative gonfiate.

Da quando è entrato in carica nel dicembre 2023, il leader libertario ha dovuto fare alcune scelte difficili per stabilizzare l’economia argentina, da tempo assediata da un’inflazione elevata e da una spesa eccessiva. Il suo approccio di “terapia d’urto”, profondamente radicato nei principi del libero mercato e del contenimento fiscale, potrebbe servire da modello per altre nazioni alle prese con problemi economici simili, compresi gli Stati Uniti.

La strategia di Milei si basa su due pilastri fondamentali: la riforma fiscale e la stabilizzazione monetaria. Affrontando il cronico eccesso di spesa del Paese, la sua amministrazione ha raggiunto una pietra miliare degna di nota: un avanzo di bilancio nel primo trimestre, il primo dal 2008.

Affrontare l’inflazione

Sul fronte monetario, il governo di Milei sta lavorando instancabilmente per risanare il bilancio della banca centrale argentina. Ciò comprende la riduzione delle ingenti passività denominate in peso e l’aumento degli asset esteri.

Con una mossa coraggiosa, Milei ha dimezzato il numero dei ministeri ed eliminato 70.000 posti di lavoro nel settore pubblico. Ha inoltre sospeso i nuovi contratti per le opere pubbliche e ha eliminato diversi sussidi, sottolineando ulteriormente il suo impegno a ridurre l’intervento dello Stato nell’economia.

I primi risultati di questi sforzi sono promettenti. L’Argentina ha registrato un calo significativo del tasso d’inflazione mensile, passato da un incredibile 25% a dicembre all’11% a marzo. Questi risultati non solo rafforzano la fiducia dei cittadini e degli investitori, ma dimostrano anche l’efficacia di politiche economiche disciplinate.

Argentina's Inflation

L’Argentina stringe mentre gli Stati Uniti continuano a spendere liberamente

Mentre l’Argentina mostra segni di stretta fiscale, gli Stati Uniti dipingono un quadro contrastante con la loro spesa fuori controllo. Il debito nazionale continua a crescere, con passività che rappresentano ormai oltre il 120% del prodotto interno lordo (PIL) del Paese. Il governo paga oltre 1.000 miliardi di dollari all’anno solo per pagare gli interessi sul debito. Questa macchina burocratica gonfia non solo soffoca la libertà economica, ma rappresenta anche un rischio significativo per la sicurezza finanziaria delle generazioni future.

Le conseguenze di questa irresponsabilità fiscale stanno diventando sempre più evidenti. Il dollaro americano, pur essendo attualmente forte, corre rischi a lungo termine se la traiettoria del debito della nazione continua senza controllo. Secondo un recente sondaggio di Acorns, la famiglia americana media è sempre più pessimista sul raggiungimento della sicurezza finanziaria: solo il 35% degli americani ritiene che le proprie finanze miglioreranno nel prossimo anno.

Scommesse rialziste e analisi caute

Nei cinque mesi trascorsi dall’insediamento di Milei, si sono susseguiti endorsement di alto profilo. Dopo un incontro con il presidente argentino a Los Angeles, l’amministratore delegato di Tesla (NASDAQ:TSLA) Elon Musk ha twittato ai suoi 182 milioni di follower che raccomanda di investire in Argentina. Allo stesso modo, l’investitore miliardario Stanley Druckenmiller, dopo aver ascoltato il discorso di Milei a Davos, ha descritto il presidente come l’unico leader del libero mercato al mondo e ha rivelato di aver investito in cinque società argentine.

Allo stesso tempo, i ricercatori di Alpine Macro hanno consigliato cautela, sostenendo che la recente impennata delle azioni argentine e delle obbligazioni denominate in dollari potrebbe essere eccessiva. L’indice S&P Merval, che misura i titoli quotati a Buenos Aires, ha registrato un’impennata del 40% da un anno all’altro, un “superamento di un sigma rispetto al trend di lungo periodo, un livello difficilmente sostenibile”, scrive Yan Wang, strategist dei mercati emergenti di Alpine Macro, in un documento di investimento di questa settimana.

Il fascino senza tempo dell’oro

In questo contesto, l’oro conserva il suo antico fascino di bene rifugio. Storicamente, l’oro è servito come riserva di valore affidabile e come copertura contro la svalutazione delle valute e l’inflazione. Quando il dollaro americano si apprezza a causa degli elevati tassi di interesse, l’oro diventa più costoso per gli investitori che utilizzano altre valute, il che può ridurre la domanda e influenzare i prezzi. Tuttavia, il valore intrinseco dell’oro rimane indiscusso, soprattutto come diversificatore.

Storicamente, l’oro e il dollaro statunitense condividono una relazione inversa, che però si è indebolita nelle ultime settimane, come si può vedere nel grafico sottostante. L’indice di forza relativa (RSI) a 14 giorni mostra che entrambi gli asset sono tornati alla media in un raro allineamento dell’azione dei prezzi.

Gold vs. U.S. Dollar

Come vi avevo anticipato a gennaio, l’oro sembra avere un nuovo driver oltre al dollaro e ai tassi. In particolare, la spinta delle economie emergenti a diversificarsi dal dollaro americano aumentando le proprie disponibilità auree è ora il driver più importante per il metallo in futuro.

Come ha detto recentemente Mike McGlone di Bloomberg, “la ragione principale per cui [l’oro] è rimasto resistente è che le tasche più profonde del pianeta - le banche centrali - stanno accumulando a rotta di collo”.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.