Ultime Notizie
Investing Pro 0

Petrolio: possibile recessione globale ed effetti su domanda e prezzi

Da Ellen R Wald PhDMaterie prime08.07.2022 10:20
it.investing.com/analysis/petrolio-possibile-recessione-globale-ed-effetti-su-domanda-e-prezzi-200455319
Petrolio: possibile recessione globale ed effetti su domanda e prezzi
Da Ellen R Wald PhD   |  08.07.2022 10:20
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
LCO
+0,08%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CL
0,00%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
NG
-0,25%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Il WTI ed il Brent sono scesi sotto i 100 dollari negli scambi del 6 e del 7 luglio dopo i cali importanti del 5 luglio, in cui Brent e WTI sono crollati rispettivamente del 9% e dell’8%.

La domanda è se i prezzi continueranno a scendere.

1. Timori di una recessione

La causa principale del calo del prezzo del petrolio di questa settimana è il timore di una recessione globale. È possibile che ci troviamo già in una fase di recessione, e lo sapremo solo quando verranno resi noti alcuni dati. Tuttavia, gli indicatori economici di alcune delle maggiori economie mondiali non sono positivi.

Ad esempio, la Germania sta valutando di limitare la produzione manifatturiera a causa della mancanza di gas naturale. I prezzi elevati dell’energia in tutto il mondo, ma soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, stanno portando i consumatori a limitare i consumi. Anche se al momento si viaggia molto, a causa della domanda repressa dovuta alle restrizioni sul coronavirus, si teme che i consumatori saranno molto più cauti coi viaggi visti i prezzi elevati con la fine dell’estate.

Il calo significativo di martedì è stato favorito da un rapporto di Citibank che prevede 65 dollari al barile per il petrolio entro la fine dell’anno se la recessione globale dovesse prendere piede. Se alla fine dell’estate dovessimo entrare in territorio di recessione e la domanda di petrolio dovesse scendere di più rispetto ai cali stagionali, potremmo assistere alla fine del mercato toro. Una recessione e il conseguente calo della domanda sarebbero il principale fattore di riduzione dei prezzi del petrolio.

2. Domanda elevata di petrolio russo

Quando sono state annunciate le prime sanzioni sul petrolio russo, l’AIE ha previsto che dal mercato sarebbero usciti 3 milioni di barili al giorno di petrolio russo.

Ad aprile, i dati hanno mostrato un calo della produzione petrolifera russa, in quanto una parte della produzione è stata chiusa a causa della mancanza di clienti per le esportazioni di petrolio russo. Tuttavia, la situazione si è rapidamente invertita, poiché il petrolio russo ha trovato nuovi acquirenti in Cina e India che sostituiscono i clienti europei persi.

Era naturale che i prezzi diminuissero un po’ quando il mercato ha realizzato che il petrolio russo è uscito dal mercato meno di quanto previsto dall’AIE.

I trader devono tenere conto del fatto che alcune delle sanzioni sul petrolio russo non entreranno in vigore prima della fine dell’anno, quindi è possibile che le esportazioni di petrolio russo subiscano un altro colpo alla fine del 2022, causando un aumento dei prezzi. Tuttavia, è altrettanto probabile che a quel punto le compagnie petrolifere russe avranno rapporti ben consolidati con i loro nuovi clienti, quindi le sanzioni non colpiranno in modo così significativo da avere un impatto sul mercato.

3. Sconti sul petrolio sanzionato

Una volta che l’Europa e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni sul petrolio russo, molte raffinerie hanno smesso di acquistarlo, anche se le sanzioni non entreranno in vigore prima della fine di quest’anno o addirittura il prossimo anno.

Per attirare nuovi clienti in altre regioni, le compagnie petrolifere russe hanno iniziato a offrire forti sconti sul loro petrolio. Anche l’Iran e il Venezuela vendono il loro petrolio con sconti significativi, perché anche il loro petrolio è sottoposto a sanzioni statunitensi.

La disponibilità di petrolio russo è così elevata che è nata una competizione sui prezzi tra Russia, Iran e Venezuela, che ha fatto scendere ulteriormente i prezzi sul mercato del petrolio sanzionato. Questo può avere un impatto anche sui riferimenti petroliferi globali, anche se probabilmente non ne vedremo l’effetto completo fino a quando i produttori di petrolio del Golfo non inizieranno a diminuire i loro prezzi ufficiali di vendita all’Asia. Finora questo non è accaduto ma potrebbe accadere se la recessione globale dovesse causare una contrazione della domanda in Europa e negli Stati Uniti.

Secondo diversi analisti i fondamentali del mercato petrolifero (domanda e offerta) indicano che gli attuali cali dei prezzi non saranno sostenuti nei prossimi mesi e che assisteremo a un ritorno alle tre cifre.

Molto dipenderà dall’entrata o meno dell’economia globale in recessione e dal relativo calo della domanda. È poco probabile che le forniture globali di petrolio aumentino in modo così significativo da far scendere i prezzi agli attuali livelli di domanda, per cui gli operatori dovrebbero concentrarsi sul fatto che la domanda rimanga stabile, cresca o diminuisca.

Petrolio: possibile recessione globale ed effetti su domanda e prezzi
 

Articoli Correlati

Petrolio: possibile recessione globale ed effetti su domanda e prezzi

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
Luca Magelli
Luca Magelli 10.07.2022 14:57
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sono d accordo poi pr tante cose l allarmismo mi pare eccessivo
Stefano Calzolari
Stefano Calzolari 09.07.2022 18:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Il calo del prezzo del petrolio e’ dovuto soprattutto al rafforzamento del dollaro non alla paura della recessione
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email