Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0

USA: crescita dei salari ancora non compatibile con un'inflazione al 2%

Da Antonio TognoliMercati azionari06.12.2023 06:26
it.investing.com/analysis/usa-crescita-dei-salari-ancora-non-compatibile-con-uninflazione-al-2-200465341
USA: crescita dei salari ancora non compatibile con un'inflazione al 2%
Da Antonio Tognoli   |  06.12.2023 06:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
US500
-0,05%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
Non è recessione. E’ boom economico che sta prendendo la rincorsa (anonimo).


Vendite al dettaglio MoM di ottobre dell’Europa in uscita oggi alle 11:00 (stima +0,2% contro -0,3% di settembre). Occupati USA ADP (settore privato) di novembre alle 14:30 (stima 128k contro 113k di ottobre).
 
Produzione industriale della Francia MoM di ottobre peggiore delle attese (stima – 0,3% contro +0,2% attese e -0,6% di settembre). PMI composito di novembre dell’Europa migliore delle stime (stima 47,6 punti contro 47,1 atteso e 46,5 di ottobre). Il PMI composito e il PMI servizi USA di novembre sono risultati entrambi in linea con le attese (50,7 punti e 50,8 punti rispettivamente). Meglio delle aspettative è risultati invece l’ISM non manifatturiero sempre di novembre (52,7 punti contro 52 atteso e 51,8 di ottobre) a conferma dello stato di buona salute dei servizi che sostengono però l’inflazione.
 
Novembre è stato un mese favorevole per gli investitori, in cui sia le buone che le cattive notizie sono state viste come motivo di ottimismo. Sul fronte delle buone notizie, i dati sull'inflazione durante il mese hanno mostrato ulteriori progressi nel processo disinflazionistico. Il rilascio dell'indice delle spese per consumi personali (PCE) della scorsa settimana da parte del Bureau of Economic Analysis ha infatti fatto eco al tono dell'ultimo rapporto sull'indice dei prezzi al consumo pubblicato all'inizio di novembre.
 
Gli investitori hanno accolto con favore sia i recenti progressi sull’inflazione, sia i dati che mostrano che l’economia sta rallentando. Questo perché le cattive notizie rafforzano la crescente convinzione che, visti i passi avanti compiuti nel ridurre l’inflazione, la FED considererà i segnali di rallentamento della crescita come un motivo per dichiarare che la missione è compiuta e quindi, oltre a porre fine al ciclo di rialzi dei tassi, possa aprire per ruotare verso un loro taglio all’inizio. 2024. Gli investitori si aspettano un taglio complessivo di 125 bp nel 2024.
 
Da qualche tempo osserviamo molti dei recenti segnali di rallentamento dell’economia, tra cui dati deboli sul settore manifatturiero, segnali di un allentamento del quadro occupazionale e indicatori economici anticipatori costantemente mediocri. Ma forse il modo più chiaro per illustrare come le cattive notizie abbiano portato il mercato al rialzo nell’ultimo mese è con il Citi Economic Surprise Index, che traccia la differenza tra i risultati economici ufficiali e le previsioni di consenso: maggiore è il livello dell’indice, più i dati economici sono aggiornati. L'indice era pari a 63,7 a fine ottobre, ma da allora è sceso a soli 25,6 la scorsa settimana. In altre parole, le notizie sono peggiori delle aspettative.
 
Nello stesso arco di tempo, l’indice S&P 500 ha guadagnato circa il 10%. Non crediamo sia una coincidenza che anche l’adozione delle cattive notizie come stimolo per i tagli dei tassi abbia spinto al ribasso i rendimenti obbligazionari. La crescente convinzione che la FED taglierà i tassi la prossima volta che interverrà può essere vista nel rapido calo dei rendimenti obbligazionari, come riflesso dal rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni. Questi ultimi sono scesi dal 4,93% di fine ottobre al 4,19% alla chiusura delle contrattazioni della scorsa settimana. Questo calo dei rendimenti ha ovviamente alimentato l’impennata delle azioni. 
 
La prospettiva delle cattive notizie come buone, si basa sulla convinzione che la FED sarà in grado di utilizzare lo strumento brusco della politica monetaria in modo tale da portare ad un atterraggio morbido nonostante i ritardi imprevedibili di tale politica. E’ possibile tuttavia che l’atterraggio non sia così morbido come se lo aspettano i mercati: la crescita economica potrebbe infatti non essere sufficientemente consistente tanto da mantenere sotto controllo la disoccupazione ma non altrettanto rapida da alimentare pressioni salariali.  
 
Sebbene le pressioni sui prezzi continuino ad allentarsi, riteniamo infatti che permangano aree di preoccupazione per la FED. Fra tutte, l’inflazione sul versante dei servizi dell’economia rimane elevata. Nel frattempo, recenti indagini sulla fiducia dei consumatori hanno mostrato che le aspettative di inflazione stanno aumentando, il che potrebbe portare a maggiori pressioni inflazionistiche e una ripresa del ritmo di crescita dei salari.
 
Sebbene in calo rispetto al picco post-COVID, la crescita dei salari rimane tuttora intorno ad un livello incompatibile con l’obiettivo inflazionistico della FED. Pertanto, riteniamo improbabile che Powell allenti la politica monetaria finché non ci saranno segnali chiari e persistenti che la crescita dei salari non rappresenti più una minaccia per la stabilità dei prezzi e che altri fattori persistenti, come l’inflazione dei servizi, non saranno completamente spenti.
 
Come notiamo, l’ultimo miglio nella battaglia contro l’inflazione (il più difficile) si sta svolgendo in un momento in cui l’economia sta rallentando. Questo significa che il quadro occupazionale potrebbe dirigersi verso un punto di flessione e quindi la FED potrebbe incontrare maggiori difficoltà nel gestire un atterraggio morbido.
 
Come abbiamo già avuto modo di dire, una volta che la disoccupazione inizia ad aumentare, le perdite di posti di lavoro probabilmente acquisiranno slancio e alla fine si tradurranno in una recessione o in qualcosa che gli assomiglia molto. Statisticamente in ogni ciclo economico a partire dalla seconda guerra mondiale, una volta che il tasso di disoccupazione era aumentato di circa lo 0,5%, ha continuato a salire e non si è fermato finché il tasso non è aumentato dell’1,9% o più. Non c'erano fermate intermedie. Non siamo ancora arrivati ​​a quel punto, ma ci stiamo avvicinando al superamento della soglia critica/storica dello 0,5%. 
 
Del resto, le recessioni sono una parte naturale del ciclo economico. La strutturazione di un portafoglio crediamo debba prendere in considerazione le recessioni economiche in modo da resistere agli alti e bassi derivanti da un ciclo economico in continua evoluzione. 
 
 
 
 
USA: crescita dei salari ancora non compatibile con un'inflazione al 2%
 

Articoli Correlati

Bruno Nappini
UNICREDIT - UN TITOLO SOTTO LA LENTE Da Bruno Nappini - 28.02.2024

29 febbraio 2024UNICREDITLettura grafica e analisi dei posizionamenti monetaria relativi alla scadenza Trimestrale Marzo e Giugno 2024La semplice lettura del grafico dei prezzi ci...

USA: crescita dei salari ancora non compatibile con un'inflazione al 2%

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (6)
Gianfranco Arcuri
Gianfranco Arcuri 06.12.2023 23:25
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
le obbligazioni, devono mantenere una motoria costante affinché mantenga Forte la valuta USD. altrimenti al contrario perde potere d'acquisto..
Gianfranco Arcuri
Gianfranco Arcuri 06.12.2023 23:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
la Fed manterrà i tassi invariati i tassi dovuto ad un problema disoccupazione e la crescita svariata dei prezzi salariali. può esserci un lieve calo dei tassi se farà un po' di ordine..
Claudio Ciccani
Claudio Ciccani 06.12.2023 22:20
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
grazie per l'analisi altamente scontata.. se a dicembre si verifica il rally natalizio, a genaio ci sono i saldi della befana.. in ogni caso, i bond non torneranno ai massimo di rendimento recenti (se non per i paesi veramente a rischio)
davide mancino
davide mancino 06.12.2023 17:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Qualcuno di buon senso e che guarda solo i dati quindi alla fine si trova..
Riccardo Barbari
Riccardo Barbari 06.12.2023 10:24
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Tagli ai tassi da inizio 2024 è solo scommessa o speranza infondate. Qualunque statistica rivela come dopo il pivot il livello del tasso di riferimento sia stato mantenuto elevato mediamente 8 mesi. Se, invece, si vuole fare propaganda per convincere il retails a investire nel gestito allora tutto il ragionamento scorre.
Andrea Rilli
Andrea Rilli 06.12.2023 10:24
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Riccardo stai considerando che i mercati anticipano?
Federico Malipiero
Federico Malipiero 06.12.2023 9:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
dott. Tognoli un pezzo sulla Cina ! ( e le sue previsioni su come possa evolvere la sua  situazione economica ) .
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email