Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
NVDA è da 🟢 comprare o 🔴 da vendere? Trova ora

USA: mercato del lavoro troppo forte per un'inflazione al 2%

Da Antonio TognoliMercati azionari23.11.2023 05:30
it.investing.com/analysis/usa-mercato-del-lavoro-troppo-forte-per-uninflazione-al-2-200465111
USA: mercato del lavoro troppo forte per un'inflazione al 2%
Da Antonio Tognoli   |  23.11.2023 05:30
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
DE10I...
+1,20%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Portatemi via la mia gente e lasciatemi le aziende vuote e presto l'erba crescerà sul pavimento dei reparti. Portatemi via le aziende e lasciatemi le persone con cui lavoro e presto avrò aziende migliori di prima (A. Carnegie).


PMI composito di novembre dell’Europa atteso oggi alle 10:00 (stima 46,9 punti contro 46,5 di ottobre). Ieri le richieste di beni durevoli USA MoM di ottobre sono risultate peggiori delle attese (-5,4% contro -3,1% atteso e +4% di settembre). Crescono meno del previsto i sussidi settimanali alla disoccupazione (209k contro 225k atteso e 223k della scorsa settimana). Leggermente più alta delle attese la fiducia dei consumatori di novembre dell’Università del Michigan (61,3 punti contro 60,4 atteso), ma in flessione rispetto a ottobre (63,8 punti).
 
Negli USA il progresso di convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo del 2% continuerà ma, come dicevamo, l’ultimo miglio sarà quello più difficile. La performance economica degli USA ha continuato a impressionare, trainata da una domanda dei consumatori sorprendentemente forte di fronte all'alta inflazione, all'aumento dei tassi di interesse, alla scarsa accessibilità abitativa a livelli minimi degli ultimi 20 anni.
 
Principalmente sostenuto da un brusco calo del risparmio personale, la spesa dei consumatori ha contribuito con 2,7 punti percentuali alla crescita del PIL reale annualizzato del 4,9% nel terzo trimestre, mentre la spesa del governo ha contribuito con altri 0,8 pp in più del solito. Infatti, data la temporalità tra i cambiamenti nella politica e i cambiamenti nelle condizioni economiche, la spesa governativa è stata una forza trainante per la crescita quest'anno. Ciò è dovuto non solo agli effetti ancora in corso relativi allo stimolo della pandemia, ma anche alla continua spesa in deficit ampia e in aumento, nonché agli elevati investimenti degli enti pubblici locali. Ad esempio, a causa degli incentivi governativi per l'espansione della produzione di semiconduttori e veicoli elettrici, gli investimenti aziendali in nuovi impianti di produzione sono stati particolarmente solidi, con un aumento del 65% anno su anno (dati del Bureau of Economic Analysis).
 
Nel complesso, gli investimenti fissi non residenziali sono rimasti invariati rispetto al trimestre precedente nel 3Q23 e quindi neutri per la crescita, poiché i guadagni negli investimenti nelle strutture e nella proprietà intellettuale sono stati compensati da una diminuzione degli investimenti reali nelle attrezzature aziendali.
 
D'altra parte, gli investimenti residenziali hanno apportato il loro primo contributo positivo alla crescita dal 2021, poiché una fornitura abitativa depressa rispetto alla crescita della popolazione ha stimolato la domanda di nuove abitazioni. Mentre il commercio internazionale ha rappresentato un piccolo freno alla crescita, le scorte hanno aggiunto significativamente di più. Nel complesso, la crescita nel terzo trimestre è stata forte e abbastanza generalizzata, contribuendo ad aumentare le stime di crescita sia per il 2023 che per il 2024.
 
L'occupazione è rimasta robusta in questo contesto, sebbene ci siano segnali crescenti che il mercato del lavoro si stia raffreddando. La componente occupazionale dell'indice di produzione dell'Institute for Supply Management (ISM) si è contratta ad ottobre per il quarto dei cinque mesi precedenti. Il suo omologo globale nell'occupazione manifatturiera si è contratto nel mese di agosto.
 
Inoltre, secondo l'indagine della National Federation of Independent Business (NFIB), la percentuale netta di aziende che pianificano di aumentare le assunzioni è rimasta in un trend al ribasso in ottobre. L'occupazione nel settore manifatturiero è rimasta stabile quest'anno ma si è contratta nettamente a ottobre. La quota di settori manifatturieri che riducono le assunzioni è aumentata per il secondo mese consecutivo ad ottobre al 58%, il livello più alto dal 2020, secondo l’indice di diffusione dell'occupazione del Bureau of Labor Statistics - BLS. Segnaliamo che questo indice tende a raggiungere l'80% o il 90% durante le recessioni. Quindi, mentre tutti questi dati indicano una ulteriore moderazione nella domanda di lavoro e nella crescita del reddito da lavoro, in realtà finché l'occupazione non inizia davvero a cedere, l'appetito per il rischio rimarrà alto e gli spread creditizi si restringeranno (almeno secondo l’esperienza passata).
 
L’inflazione core è scesa ulteriormente in ottobre al 4.0% (dal 4.1% di settembre) in linea con gli effetti disinflazionistici in ritardo derivanti dall'aggressivo stringimento della politica monetaria della FED fino a oggi. L'indice CPI generale è invece sceso al 3.2% dal 3.7% di settembre. Nel complesso, i dati in arrivo mostrano chiari progressi negli sforzi della FED per riportare l'inflazione al suo obiettivo del 2% e una probabile continuazione del rallentamento della crescita salariale e dell'inflazione.
 
I mercati del lavoro continuano a vedere un’offerta che supera la domanda che ha portato ad un aumento del tasso di disoccupazione al 3,9% a ottobre (dal 3,4% ad aprile). Di conseguenza, la crescita salariale si è raffreddata e sembra destinata a rimanere in un trend al ribasso. Ad esempio, la crescita annua degli stipendi orari medi (AHE) per i dipendenti del settore privato è scesa negli ultimi 18 mesi dal 7% al 4,4%, avvicinandosi al suo ciclo massimo del 4% degli ultimi 30 anni. Su base mensile annualizzata, AHE è avanzato solo del 2,5% ad ottobre, secondo il Bureau of Labor Statistics. La crescita di AHE rimane in un trend al ribasso, con la possibilità di scendere al di sotto del 4% su base annua entro l'anno prossimo. In linea con le aspettative delle FED.
 
L'indice dei costi del lavoro (ECI) per salari e stipendi ha invece accelerato nuovamente nel terzo trimestre. Sebbene sia diminuito dal 5% nel primo trimestre al 4,6% nel terzo trimestre, si tratta comunque del più alto tasso di crescita annuale degli ultimi 30 anni. Tuttavia, piani più moderati della NFIB di aumentare gli stipendi, il rallentamento della crescita di AHE e il rallentamento della crescita dei ricavi aziendali suggeriscono che l'ECI potrebbe ridursi a circa il 4%, o meno, nei prossimi trimestri.
 
I massimi ciclici di circa il 4% per AHE e ECI degli ultimi decenni non sono una coincidenza. Con una crescita della produttività del 2% o meno, una crescita degli stipendi superiore al 4% porterebbe a un'inflazione superiore all'obiettivo del 2% della FED. D'altra parte, una crescita degli stipendi molto al di sotto del 4% può generare pressioni disinflazionistiche troppo elevate, quindi un raffreddamento eccessivo della crescita degli stipendi non sarebbe del tutto gradito.
 
In altre parole, la contrazione dell'offerta di moneta sta rallentando le assunzioni, raffreddando la crescita degli stipendi, attenuando l'inflazione e alzando i tassi di interesse reali, suggerendo un ritorno ad un'inflazione al "due". Il problema è capire i tempi che non è detto siano in linea con quanto atteso dalla FED.
 
Tuttavia I costi elevati del debito e le crescenti difficoltà di servizio del debito stanno frenando la domanda di credito, mentre gli standard più rigorosi per il credito al consumo stanno limitando l'offerta di credito, sopprimendo ulteriormente le pressioni inflazionistiche. Ciò suggerisce che è in corso un forte trend disinflazionistico, tenendo a bada ulteriori rialzi della FED.

USA: mercato del lavoro troppo forte per un'inflazione al 2%
 

Articoli Correlati

USA: mercato del lavoro troppo forte per un'inflazione al 2%

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
23.11.2023 20:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Continuiamo a parlare di inflazione Usa ma non dimentichiamo che in Europa siamo in recessione per aumento tassi.Gli Usa d l’Europa sono molto diversi quindi attenzione!
Luigi Pasturenzi
Luigi Pasturenzi 23.11.2023 20:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ma nessuno si chiede come mai?Si fa' peccato a dire che la folle guerra USA-RUSSIA svolta in Ucraina sta travasando la ricchezza dall'Europa all'America??
Mauro Bissa
Mauro Bissa 23.11.2023 20:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Quello lo si sapeva fin dall'inizio. Solo i cechi o gli stolti non se ne sono ancora accorti
nadia battilana
nadia battilana 23.11.2023 20:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Grazie!
Lisa Rambaudi
Lisa Rambaudi 23.11.2023 9:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Grazie, ottimo articolo
Giovanni Nava
Giovanni Nava 23.11.2023 8:27
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ottimo servizio
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email