🔥 Premium Stock Picks potenziati dall’ IA dI InvestingPro Ora con uno sconto del 50%APPROFITTA DELLO SCONTO

USD: i dati ADP fanno crescere l’attesa per il report NFP

Pubblicato 02.09.2021, 10:15
Aggiornato 09.07.2023, 12:31
EUR/USD
-
GBP/USD
-
AUD/USD
-
EUR/GBP
-
NZD/USD
-
CAD/USD
-
CL
-
US10YT=X
-
DXY
-

Rassegna giornaliera sul mercato forex 1 settembre 2021

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

Il dollaro USA è andato in selloff contro le principali valute dopo il report ADP sull’occupazione più debole del previsto. I rendimenti dei titoli USA sono scesi dopo il rilascio del report ed il dollaro ha seguito a ruota. I dati di venerdì sull’occupazione sono i dati più importanti della settimana e, mentre gli economisti e gli investitori si aspettano un rallentamento della crescita, i dati ADP più deboli del previsto fanno temere sul report NFP.

Ad agosto l’ADP ha riportato un aumento di 326.000 nuovi posti di lavoro, molto meno dell’aumento di 943.000 unità riportato dai dati NFP. Sebbene i dati ADP siano stati volatili e divergenti rispetto ai dati NFP quest’anno, restano un a fonte di informazioni sullo stato di salute del mercato del lavoro. Visto il gap tra NFP e ADP a luglio, gli economisti si aspettavano un balzo di 613.000 ad agosto, ma non è stato così.

Siamo in un momento fragile per i mercati finanziari. La variante Delta del COVID-19 pone una seria minaccia alla ripresa futura, e il rilascio di dati deboli sul mercato del lavoro potrebbe essere il colpo di grazia per la propensione al rischio. Se i dati NFP seguiranno quelli ADP, il dollaro americano potrebbe scendere in maniera rapida e aggressiva mentre gli investitori iniziano a considerare un ulteriore rinvio del tapering. Alla luce del rapporto ADP, sarà difficile che il dollaro americano si riprenda prima del report NFP di venerdì.

La valuta migliore della giornata è stata il dollaro australiano. Non solo il dollaro australiano è stato spinto dalla debolezza del dollaro statunitense, ma gli investitori sono stati sorpresi dalla rialzo inatteso del PIL del Q2. L’economia è cresciuta ad un ritmo più veloce del previsto, ma anche i dati del Q1 sono stati rivisti al rialzo. I tassi di vaccinazione in Australia stanno aumentando, il che è una buona notizia, ma finché le restrizioni non si allenteranno, l’attività resterà sottotono. L’indice PMI manifatturiero, che è un indicatore più immediato dell’economia, è sceso a 51,6 da 60,8. Anche il NZD/USD è salito per l’ottavo degli ultimi nove giorni di scambi. I dati commerciali sono attesi da entrambi i paesi questa sera.

Il dollaro canadese non ha partecipato al rally, probabilmente a causa dei dati sul PIL e del calo dei prezzi del petrolio. Canada e USA rilsceranno i dati giovedì.

Euro e sterlina sono stati spinti dalla debolezza del dollaro USA. La moneta unica ha ignorato i dati sulle vendite al dettaglio tedesche e gli indici PMI rivisti al ribasso. La sterlina ha seguito l’EUR, ma i prezzi delle case sono saliti più del previsto e gli indici PMI sono stati rivisti al rialzo. In attesa del report sull’occupazione, non ci aspettiamo grandi spostamenti nelle valute.

 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.