Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Politiche monetarie divergenti e conseguenze su eurodollaro, Equity e Bitcoin

Pubblicato 15.04.2024, 10:35
© Reuters

Di Ipek Ozkardeskaya, analista senior Swissquote

 

La propensione al rischio è migliore questo lunedì mattina rispetto a venerdì scorso, quando il mondo si stava preparando alla ritorsione iraniana contro Israele. Sabato notte l’Iran ha lanciato più di 300 droni e missili su Israele, ma solo un piccolo numero ha raggiunto Israele, limitando i danni. Non ci sono state vittime, solo una base militare è stata leggermente danneggiata. La buona notizia è che Teheran ha definito l’operazione un successo e ha dichiarato che non intraprenderà ulteriori azioni a meno che Israele non risponda. Il petrolio è stato scambiato leggermente al ribasso come prima reazione alle notizie del fine settimana, mentre l’oro è salito in apertura poiché le crescenti tensioni della scorsa settimana hanno lasciato l’amaro in bocca agli investitori. Altrove, i metalli di base, tra cui rame, ferro e alluminio, sono aumentati dopo che gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno deciso di imporre sanzioni sulle forniture russe. L'alluminio spot è balzato di oltre il 5%, mentre i futures sul rame sono saliti ai livelli più alti dalla scorsa estate. Lunedì il Dollar Index si è consolidato dopo il balzo del 2% della scorsa settimana.

Il dollaro statunitense si rafforza - e le prospettive rimangono decisamente rialziste - sulla scia del grave deterioramento delle aspettative di taglio dei tassi della Federal Reserve (Fed) a seguito dei forti dati sull’occupazione e sull’inflazione.

Il rendimento dei titoli a 2 anni statunitensi ha toccato il 5% dopo i dati CPI statunitensi, e dopo che la probabilità di un taglio del tasso della Fed a giugno è scesa a circa il 22%. Le aspettative di taglio di luglio sono intorno al 50-50, e un taglio dei tassi di settembre ha una probabilità di circa il 73%.

E voi conoscete la narrativa elettorale secondo cui la Fed potrebbe non optare per un taglio dei tassi in prossimità delle elezioni presidenziali di novembre, il che ritarderebbe il primo taglio a dopo le elezioni. Addirittura alcuni credono che la prossima mossa della Fed non sarà un taglio, ma un rialzo dei tassi per domare le crescenti pressioni inflazionistiche. Si tratta di un riaggiustamento significativo rispetto all’aspettativa di sei tagli dei tassi a gennaio!

Fortune divergenti

Mentre i dati statunitensi continuano a consolidare la forza dell’economia americana e il fatto che gli Stati Uniti non hanno bisogno di tagliare i tassi – e non dovrebbero farlo con l’aumento dell’inflazione – le aspettative di taglio dei tassi altrove rimangono piuttosto solide. La riunione della Banca Centrale Europea (BCE) della scorsa settimana ha dato un altro indizio che la banca molto probabilmente taglierà i propri tassi a giugno. Il capo della BCE Christine Lagarde ha affermato che la BCE dipende dai dati e non dalla Fed e altri membri hanno sottolineato che è tempo di “divergersi” dalla Fed, poiché i consumatori statunitensi sono implacabili – e il governo degli Stati Uniti è molto favorevole – con Biden che cerca di cancellare 7,4 miliardi di dollari di debito studentesco per compiacere i giovani elettori prima delle elezioni. Di conseguenza, quest’anno il divario tra le aspettative di taglio dei tassi della Fed e della BCE si è ampliato raggiungendo il livello più alto, a seguito dell’atteggiamento accomodante della BCE e di un’altra serie di forti dati sull’occupazione e sull’inflazione negli Stati Uniti. E si torna a parlare di un ulteriore deprezzamento dell’euro verso la parità rispetto al dollaro USA. Ai livelli attuali, l'indicatore RSI è molto vicino al territorio ipervenduto, il che significa che l'euro è stato venduto troppo rapidamente in un periodo di tempo troppo breve e potrebbe essere necessaria una correzione. Ma la maggior parte dei trader cercherà di vendere i massimi dell’EURUSD sulla scia della crescente divergenza tra la BCE debole e la Fed – che semplicemente non può giustificare un taglio dei tassi quest’estate.

Guadagni

L’S&P 500 ha registrato la peggiore performance settimanale dalla fine di ottobre 2023. Gli utili bancari contrastanti non hanno aiutato a migliorare l’umore venerdì. JPM è crollato del 6,5% poiché il reddito da interessi netti ha deluso le aspettative ed è scivolato rispetto al trimestre precedente mentre gli investitori inseguivano rendimenti più elevati. Quest’ultimo è un vero e proprio killer della gioia tra gli investitori che si aspettavano di sapere quanto più reddito netto da interessi la banca avrebbe potuto guadagnare con un taglio ritardato del tasso da parte della Fed. Allo stesso modo, i depositi che non pagano interessi presso Wells Fargo (NYSE:WFC) sono crollati del 18% nel primo trimestre

Questa settimana, la stagione degli utili prende slancio con il resto delle grandi banche statunitensi, Netflix (NASDAQ:NFLX) e TSM che annunciano i risultati del primo trimestre. L’aspettativa è una crescita annua del 3,8% degli utili per azione delle società S&P500 nel primo trimestre, mentre si prevede che gli utili per i Magnifici Sette siano aumentati di circa il 38%. Un altro trimestre forte in termini di utili potrebbe rallentare una potenziale svendita dell’indice S&P500, che vede aumentare la pressione di vendita sulla scia delle crescenti voci aggressive. Ma una stagione degli utili più debole del previsto probabilmente innescherà prese di profitto.

Dimezzare

Il Bitcoin è crollato durante il fine settimana poiché le crescenti tensioni geopolitiche hanno pesato sulla propensione al rischio. Si prevede che il dimezzamento del Bitcoin avverrà nei prossimi giorni. Un’offerta inferiore è fondamentalmente favorevole alla valutazione di un asset, ma potremmo non vedere una chiara reazione istintiva all’halving di Bitcoin poiché la maggior parte di esso è già scontata.

 
 
 

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.