Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
NVDA è da 🟢 comprare o 🔴 da vendere? Trova ora

Cina in disinflazione: l'inflazione CPI e PPI si riduce a ottobre

Pubblicato 09.11.2023 02:48
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.
 
USD/CNY
+0,02%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
SSEC
+0,55%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CSI300
+0,09%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Investing.com-- La Cina è rientrata in territorio disinflazionistico nel mese di ottobre, come dimostrano i dati di giovedì, quando l'inflazione al consumo e alla produzione si è contratta a causa della debolezza della spesa al dettaglio e del peggioramento del crollo del settore manifatturiero.

Indice dei prezzi al consumo L'inflazione (CPI) si è ridotta dello 0,2% su base annua in ottobre, secondo i dati dell'Ufficio nazionale di statistica. La lettura è stata in linea con le aspettative ed è peggiorata rispetto allo 0% registrato a settembre.

Su base mensile, Inflazione CPI si è ridotto dello 0,1%, invertendo l'aumento dello 0,2% registrato a settembre.

I dati di ottobre mostrano che le continue misure di stimolo da parte di Pechino e una certa domanda repressa hanno fatto poco per migliorare la spesa complessiva. L'inflazione CPI si è contratta nonostante la festività della Golden Week nella prima settimana di ottobre, che di solito vede un aumento della spesa discrezionale.

Anche la debolezza del sito yuan ha limitato la spesa complessiva, mentre i consumatori sono rimasti in apprensione per l'eventuale aumento dei venti contrari all'economia del Paese, soprattutto per la persistente debolezza dell'attività imprenditoriale.

Indice dei prezzi alla produzione L'inflazione (PPI) si è ridotta del 2,6% in ottobre, leggermente meglio delle aspettative di un calo del 2,8%, ma in contrazione rispetto alla lettura del mese precedente del 2,5%. L'IPP si è ridotto per il 13° mese consecutivo.

Secondo i dati recenti, il sito attività manifatturiera cinese ha subito una contrazione inaspettata nel mese di ottobre, in quanto i lievi miglioramenti della domanda locale sono stati ampiamente compensati dal peggioramento delle condizioni economiche nelle principali destinazioni di esportazione della Cina.

Questa tendenza è stata evidente anche nei dati commerciali pubblicati dal Paese questa settimana, che hanno mostrato che esportazioni è sceso più del previsto, mentre importazioni è cresciuto inaspettatamente.

Le deboli letture sull'inflazione di giovedì indicano che Pechino dovrà probabilmente fare di più per sostenere l'attività economica locale, soprattutto perché il settore manifatturiero chiave del Paese sta affrontando un'estesa recessione. Il mese di ottobre è stato anche il secondo in cui l'inflazione CPI e PPI si è ridotta quest'anno.

Il sentimento dei consumatori cinesi è peggiorato sostanzialmente quest'anno, mantenendo sotto pressione la spesa al dettaglio e l'inflazione IPC.

Quest'anno la Cina è stata l'unica grande economia a lavorare per sostenere l'inflazione, mentre la maggior parte dei suoi omologhi globali ha lottato per contenere il boom inflazionistico post-COVID.

Ma Pechino ha uno spazio limitato per allentare ulteriormente la politica monetaria, dato che i tassi di interesse sono già ai minimi storici. Qualsiasi ulteriore allentamento della politica monetaria danneggerà anche lo yuan, che è scambiato vicino ai minimi di un anno.

Tuttavia, il governo ha in programma di sostenere la crescita con una massiccia emissione di obbligazioni per 1.000 miliardi di yuan (136 miliardi di dollari) nel quarto trimestre.

Cina in disinflazione: l'inflazione CPI e PPI si riduce a ottobre
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
karl marx
karl marx 09.11.2023 10:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
strano ma nessuno dice che, deflazione o no, la Cina crescerà del 5% quest'anno... mentre noi faremo +0, 5 . Chissà perché...
Grande Puffo
Grande Puffo 09.11.2023 10:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Forse perché 3/4 dei paesi sviluppati fanno produrre lì la maggior parte dei loro prodotti. Da 30 anni a questa parte.
karl marx
karl marx 09.11.2023 10:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Grande Puffo sei rimasto a 20 anni fa. ora sono i cinesi che delocalizzano
Grande Puffo
Grande Puffo 09.11.2023 10:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
karl marx  Forse sei tu che sei un pò troppo "avanti",  i cinesi delocalizzeranno anche, ma la crescita interna senza i distretti industriali creati negli anni grazie al know how occidentale non ci sarebbe mai stata. Prendi un notebook qualsiasi, una maglietta, un paio di scarpe, una tv, uno zaino, un frullatore, una lampada o un accessorio da indossare o da arredo. Tutte cose ancora fatte in larghissima parte in Cina per marchi occidentali. Crescono per quello , non perchè esportano smartphone Huawei e Xiaomi.
Grande Puffo
Grande Puffo 09.11.2023 9:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Bene, ne dovrà esportare ancora parecchia per far arrivare l'Italia sotto al 2.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email