🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Italia, Ue alza stima crescita 2024, lima 2025, debito e deficit in aumento

Pubblicato 15.05.2024, 12:20
© Reuters. Bandiere dell'Unione Europea sventolano fuori dalla sede della Commissione Europea a Bruxelles, Belgio, 1 marzo 2023.REUTERS/Johanna Geron

MILANO (Reuters) - La Commissione europea ha alzato la propria stima sulla crescita italiana per quest'anno limandola invece nel 2025 e prevede un ulteriore raffreddamento dell'inflazione quest'anno e il prossimo.

E' quanto emerge dalle stime di primavera diffuse in mattinata in cui Bruxelles mette nero su bianco che però deficit e debito in rapporto al Pil sono visti in aumento.

L'esecutivo Ue ipotizza una crescita per quest'anno a 0,9% rispetto a 0,7% preventivato in febbraio, e a 1,1% per il 2025 da 1,2%.

In calo, grazie alla diminuzione del costo dell'energia, le stime sulla dinamica dei prezzi al consumo che sia quest'anno che il prossimo dovrebbero restare al di sotto del target Bce del 2%, rispettivamente a 1,6% e a 1,9%. L'Italia si conferma uno dei Paesi del blocco in cui i prezzi al consumo restano più contenuti.

Il confronto è con le previsioni di febbraio quando la Commissione ipotizzava prezzi al consumo rispettivamente a 2,0% e a 2,3%.

Il tasto dolente però è rappresentato dai conti pubblici: Bruxelles prevede che quest'anno il deficit si attesti al 4,4% per poi salire il prossimo a 4,7%, ben oltre la soglia del 3% prevista delle nuove regole di bilancio Ue.

Il governo italiano dà per scontata l'apertura di una procedura Ue per deficit eccessivo.

"Tassi di interesse più elevati sui titoli di Stato di nuova emissione dovrebbero far salire le spese per interessi al 4,0% del Pil", scrive la Commissione.

Peggio dell'Italia solo la Francia con un deficit stimato a 5,3% quest'anno, in calo a 5,0% il prossimo.

A peggiorare il quadro, il debito è visto a 138,6% del Pil quest'anno e a 141,7% il prossimo, confermandosi quindi il secondo maggiore in rapporto al Pil nella zona euro dopo la Grecia.

Si tratta di numeri peggiori rispetto a quelli del governo che nel Def presentato il mese scorso ha indicato per il 2026 un debito/Pil al di sotto del 140% e un deficit/Pil in linea con la soglia Ue del 3%. Tuttavia va detto che le stime della Commissione, a differenza di quelle dell'esecutivo, sono a politiche invariate, assumono cioè che il governo proroghi a deficit tutta una serie di interventi finanziati fino alla fine di quest'anno.

La Commissione parla di un incremento di incertezza e rischi al ribasso per la crescita derivati soprattutto dai conflitti in Ucraina e in Medioriente.

© Reuters. Bandiere dell'Unione Europea sventolano fuori dalla sede della Commissione Europea a Bruxelles, Belgio, 1 marzo 2023.REUTERS/Johanna Geron

"Il calo dell'inflazione potrebbe rivelarsi più lento del previsto con la possibilità che le banche centrali possano rinviare i tagli dei tassi", scrive la Commissione.

"Alcuni Paesi potrebbero adottare ulteriori misure di consolidamento nei bilanci per il 2025, non contabilizzati in queste previsioni che potrebbero avere un impatto sull crescita economica il prossimo anno", avverte ancora Bruxelles.

 

(Sara Rossi, editing Andrea Mandalà)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.