Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Cina, tante ricette per uscire dai guai ma sono le banche di Stato la palla al piede

Pubblicato 04.03.2024, 09:22
Aggiornato 04.03.2024, 08:40
Cina, tante ricette per uscire dai guai ma sono le banche di Stato la palla al piede

Un sistema bancario fermo ai tempi dei piani quinquennali di Mao ha consentito l’accumulo insensato del debito immobiliare, su cui il governo puntava per drogare la crescita. Alla ricerca difficile di una via d’uscita

Nel giro di poco più di un paio d’anni la Cina è passata dall’essere il motore della crescita globale al grande malato economico del pianeta. Ancora nel 2021, superato (sembrava) lo shock del Covid, il PIL del colosso asiatico viaggiava all’8,5%, per poi frenare bruscamente al 3% l’anno dopo e recuperare nel 2023 quota 5%, sotto la quale è destinato a viaggiare secondo le proiezioni del FMI fino al 2028, in una traiettoria discendente. Questa settimana si tiene il Congresso Nazionale del Popolo, il Parlamento cinese, da cui si attendono misure e politiche per sostenere la crescita sulla nuova linea di uno sviluppo sostenuto meno dalle esportazioni e più da consumi e investimenti interni. Diagnosi e previsioni degli economisti si concentrano sulle malattie cinesi. Qualche giorno fa il WSJ ne ha elencate otto: immobiliare impantanato, fiducia dei consumatori in profonda depressione, deflazione alla giapponese, un debito pubblico e privato che combinato supera il 300% del PIL, forza lavoro in contrazione, investimenti diretti esteri in fuga, barriere commerciali e doganali penalizzanti, e il tutto che si somma nella crescita che non c’è più.

IN ATTESA DEI NUOVI OBIETTIVI DEL CONGRESSO DEL POPOLO

Il Congresso dovrebbe fissare i nuovi obiettivi di crescita e soprattutto indicare come raggiungerli. Qualche giorno fa sul FT l’esperto di Cina di UBS Tao Wang ha suggerito una ricetta in due tempi: nell’immediato misure per la stabilizzazione del debito immobiliare andato fuori controllo e ripristinare un po’ di fiducia nell’economia di famiglie e imprese, per farle tornare a spendere e investire, e più a lungo termine riforme strutturali per guidare la transizione del vecchio modello, basato sull’export, a uno nuovo più autosufficiente, con investimenti importanti nella sanità e nella mobilità demografica e del lavoro, accelerando la transizione dalle aree rurali a quelle urbane. La fiducia è sicuramente il meccanismo più importante da riattivare, quella dei consumatori nel 2022 è sprofondata e continua a viaggiare ai minimi, come mostra il grafico qui sotto...

Continua la lettura


** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge


Ultimi commenti

Gli americani stanno sempre un passo avanti agli altri, che ci piaccia o no, l'avanguardia che nacque nella silicon valley è stata scopiazzata dai cinesi ed ora lo stesso succede con nvidia. Poi restando in tema tecnologia abbiamo anche la corea del sud con samsung e altre, e giappone. Ovviamente parliamo di tutte democrazie, in cui le libertà di pensiero e di espressione non sono optional, anche se migliorabili. Sul breve periodo l'autocrazia viene retta da un uomo forte al comando, che soggiace un popolo, dicendo di essere l'unico capace a fare gli interessi del popolo. Solito nazionalismo. Ma sul medio- lungo le democrazie polverizzano i sistemi dittatoriali, ( dall'antica grecia la democrazia è arrivata fino a noi chissà perché) vuoi per errori compiuti dall'autocrate che si ripercuotono attivamente sulla nazione stessa e vuoi per il popolo che dopo essere stato sotto lo schiaffi del tiranno di turno, rivuole la sua libertà e per essa è pronto a lottare. Punto
La Cina  sta andando avanti senza più soldi degli USA, Giappone, Australia e Europa, che se li sono rimessi nelle loro economie decotte, vecchie e soprattutto ferme. Per cosa pensate che le borse occidentali stiano così bene? Il problema è che tutta questa droga del mercato non dà benessere interno, sono solo giochetti finanziari, tanto è vero che l'indice manufatturiero USA è in contrazione da 11 mesi
 ahahahahahah....eccoilo qui il troll del sito.Vai a pascolare asinello
Oby, che la Cina si trovi in una situazione economica da “economia avanzata” è una fatto evidente ed inconfutabile; che poi molti di quelli che postano qui non conoscano la Cina è altrettanto chiaro come il sole! 🤣🤣🤣 Detto questo l’Occidente decadente deve per forza trovare qualcosa che non va nella SECONDA ECONOMIA DEL MONDO senza rendersi conto che, senza il pompaggio economico perpetrato dagli USA con l’industria bellica, l’Occidente si ritroverà a breve in grave difficoltà con Cina e India che, grazie ai loro 3 BILLION di cittadini e grazie alle risorse naturali cui possono attingere (vedi Russia), ben presto surclasseranno l’economia a Stelle e Strisce e quella di una UE vecchia e senza materie prime….. Prima o poi qualcuno lo capirà?
Bah .... Mi sembra una visione troppo scontata... A ben vedere la russia ha guai per sé e la cina ce ne ha di peggio.... Leggevo recentemente che in cina la giovane generazione è praticamente inerte , unita ai bassi consumi interni.... Quindi parlare di occidente decadente fa semplicemente ridere
La fiducia non tornerà penso per molto molo tempo , gli interventi governativi - per il bene comune- entrando a gamba tesa coinvolgendo titoli/aziende cinesi quotate in borsa è stato un errore di arroganza madornale che ha danneggiato una marea di investitori stranieri anche retail , è bene che la Cina /classe dirigente etc capisca che deve farsi  il suo bene comune con i suoi soldi ed in casa sua e non sulla pelle degli investitori stranieri che incautamente avevano investito in aziende cinesi, Xi ancora non ha capito che certi suoi sistemi con il resto del mondo non funzionano ..... d'altra parte vale il vecchio detto che - ti si compra solo chi non ti conosce!- La vera palla al piede è il solito problema di tutti queste non democrazie, cioè il pensare di potersi permettere d'imporre le loro regole a tutto il mondo che invece essendo un mondo libero ovviamente non ci sta !
Occidental petroleum, ah si ho capito, però veramente non l'ho mai trattato. Per il momento mi sono specializzato sul gas, poi ultimamente sto trattando il palladio e da pochissimo vabbè il cacao che sta facendo tendenza. Sulle obbligazioni mi sai dire come funzionano e come si acquistano? Sn poco esperto su questo ramo . Infine si hai ragione, qualche grande big della finanza l'ha shortato forte. In molti sono entrati quando stava a -12% e dopo un quarto d'ora è sceso di un altro -12. Li hanno fregati proprio. Però in momenti agitati su un titolo bisogna starsi buoni, invece di lasciarsi prendere dalla fretta di perdere chissà quale treno.
 vai alla tua banca e chiedilo al tuo referente vedrai che ti spiega tutto e ti aiuterà a scegliere il meglio per te...
Ok grazie buona domenica
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.