Ultime Notizie
Investing Pro 0

L'inflazione Usa ha davvero raggiunto il picco?

Economia 11.08.2022 09:24
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.
 
EUR/USD
-0,89%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CL
-1,84%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Di Alessandro Albano

Investing.com - Le pressioni inflazionistiche statunitensi relative al mese di luglio sono rallentate al +8,5% a/a dal +9,1% di giugno, un possibile segnale di un raffreddamento dei prezzi sebbene il tasso d'inflazione rimanga ai massimi da 40 anni e ben lontano dal target del 2% della Federal Reserve.

Anche l’indice core (che esclude beni alimentari ed energetici) ha mostrato aumento inferiore alle previsioni del +5,9%, anche se il calo del paniere generale è da imputarsi principalmente al calo dei prezzi del petrolio e dei beni energetici.

L’oro nero, commenta Federico Vetrella, Market Strategist di IG Italia, ha infatti toccato i minimi dal febbraio scorso "sulla scia delle aspettative pessimistiche riguardo alla domanda futura e alla chiusura delle attività in Cina (grande importatore di materie prime) a causa di una ripresa dei casi di Covid-19".

Inoltre, alla luce dei dati sul mercato del lavoro di venerdì scorso, secondo l'esperto "vi è un’altra dimostrazione che una grossa componente della crescita dei prezzi è dovuta alle sole materie prime, nonostante l’economia statunitense rimanga comunque surriscaldata e vicina alla piena occupazione".

Gli effetti sui mercati

Le Borse hanno esultato dopo la pubblicazione del dato con Wall Street che ha mostrato un deciso rialzo di seduta di mercoledì, mentre i mercati europei stanno scambiando in territorio positivo nel trading odierno in linea con i mercati asiatici.

Anche l'EUR/USD è rimbalzato toccando un massimo da oltre un mese di 1,0346, una variazione del +1% in meno di 15 minuti. Segui l'andamento degli indici azionari in tempo reale: https://it.investing.com/indices/major-indices

Il rallentamento dell'IPC ha portato i mercati a scontare una "ri-normalizzazione" della politica monetaria della Fed, che - secondo le aspettative dei trader - potrebbe alzare i tassi d'interesse meno del previsto nelle prossime riunioni del 2022.

Tuttavia, spiega Vetrella, la questione è ben più complicata: il governatore Jerome Powell ha dichiarato nelle scorse settimane che la banca centrale dovrà vedere “un significativo calo dell’inflazione” prima di poter agire sui tassi abbassandoli.

Le previsioni

Secondo lo strategist di IG, il picco delle pressioni inflazionistiche "potrebbe davvero essere già stato raggiunto grazie al forte calo dei prezzi delle materie prime", ed in particolare quelle energetiche.

"Il dato positivo sull’inflazione statunitense è sicuramente incoraggiante per i mercati che si aspetteranno ulteriori cali nei prossimi mesi", continua Vetrella, avvertendo che "è ancora troppo presto per affermare che le pressioni inflazionistiche hanno iniziato una vera tendenza discendente".

Se un ribasso dell’inflazione statunitense dovesse essere rilevato anche nei prossimi mesi, per l'esperto il mercato si aspetterebbe "sicuramente una revisione della politica monetaria della Fed "perlomeno con un rialzo dei tassi molto più “soft” (50 pb) rispetto ai 75 punti base previsti dal consensus".

Il mercato si attende ora anche una riduzione del livello dei tassi di interesse a fine anno con le aspettative del consensus che sono scese al 3,4% rispetto al precedente 3,6%.

Più cauto Oliver Blackbourn, Multi-Asset Portfolio Manager di Janus Henderson, secondo il quale i mercati dovranno attendere "le dichiarazioni pubbliche dei funzionari della Fed per vedere come interpreteranno il calo dell'inflazione superiore alle attese".

C'è stata una certa rassicurazione per i mercati, ma la Fed - avverte il manager di JH, si concentrerà "senza dubbio sui segnali relativi all'inflazione sottostante, in particolare a fronte di un mercato del lavoro molto rigido".

"Il continuo aumento dei costi dei servizi sarà forse meno confortante per l’istituto di quanto non lo sia stato per gli investitori l'aumento dell'inflazione relativa ai prezzi dei beni", afferma Blackbourn.

L'inflazione Usa ha davvero raggiunto il picco?
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
andrea bersotti
andrea bersotti 11.08.2022 10:47
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Il più grande calo della produttività, su base annua, della storia dell’economia americana!
Davide Derni
Davide Derni 11.08.2022 10:46
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Per non sapere ne leggere né scrivere si va a bomba su growth
Fabio Borsato
Fabio Borsato 11.08.2022 10:20
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
per favorire la crescita del PIL potrebbe alzare in modo minore i tassi d'interesse da 0.75 a 0.50.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email