Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Forex - Indice del dollaro stabile, attesi i dati di domani

Pubblicato 10.08.2017, 16:50
Forex - Indice del dollaro stabile, attesi i dati di domani
EUR/USD
-
GBP/USD
-
USD/JPY
-
AUD/USD
-
USD/CAD
-
NZD/USD
-
DX
-

Investing.com - Il dollaro è stabile contro le altre principali valute questo giovedì, dopo il rilascio di dati deludenti sull’inflazione dei prezzi al consumo e sulle richieste di sussidio USA che pesano sul recente ottimismo sulla forza dell’economia.

Il Diparimento per il commercio ha dichiarato un calo inaspettato dell’indice dei prezzi alla produzione e dell’indice dei prezzi alla produzione core.

Il Dipartimento per il Lavoro, il numero delle nuove richieste di sussidio di disoccupazione nella settimana terminata il 5 agosto è salito inaspettatamente.

Il biglietto verde era stato supportato nelle ultime sedute dai dati sull’occupazione USA, che avevano alimentato le aspettative che la Federal Reserve possa rispettare il piano di un terzo aumento dei tassi quest’anno.

Il cambio USD/JPY scende dello 0,60% a 109,41, poco al di sopra del minimo di due mesi di 109,56 toccato ieri, mentre il cambio {4|USD/CHF}} sale a 0,9634.

Sia lo yen che lo swissie sono scesi dai massimi di ieri, ma restano supportati dalle tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord, che hanno alimentato una corsa agli investimenti rifugio.

La stampa di stato della Corea del Nord ha dichiarato ieri che Pyongyang ha in programma di lanciare dei missili a raggio intermedio verso il territorio statunitense nel Pacifico di Guam.

Le dichiarazioni sono giunte dopo che il Presidente Donald Trump ha avvertito la Corea del Nord che “andrà incontro a fuoco e furia” se continuerà con le sue minacce.

L’euro è stabile contro il franco svizzero, dopo essere crollato ieri dell’1,2%, segnando il movimento giornaliero più brusco da quando la Banca Nazionale Svizzera ha sconvolto i mercati con l’annuncio della rimozione del gancio monetario con l’euro nel gennaio del 2015.

Il cambio EUR/USD è stabile a 1,1750, mentre la coppia GBP/USD è in calo dello 0,12% a 1,2990.

La sterlina non ha tenuto conto dei dati che hanno mostrato che la produzione manifatturiera britannica è rimasta invariata a giugno, mentre la produzione industriale ha registrato un aumento maggiore del previsto.

Il dollaro australiano è stabile, con la coppia AUD/USD a 0,7887, mentre il cambio NZD/USD crolla dell’1,19% a 0,7279.

La Reserve Bank of New Zealand ha deciso di lasciare invariati i tassi al minimo storico dell’1,75% aggiungendo di auspicarsi un deprezzamento della valuta locale.

Intanto, il cambio USD/CAD è stabile a 1,2703, dopo aver toccato il massimo di tre settimane di 1,2735.

In Canada, i dati di oggi hanno mostrato che i prezzi delle case nuove sono saliti dello 0,2% a giugno, deludendo le attese di un aumento dello 0,4%.

L’indice del dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, è stabile a 93,38, restando vicino al massimo di una settimana di venerdì di 93,77.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.