Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Accordo G7 su tassazione multinazionali: adesso cosa succede?

Mercato azionario07.06.2021 17:45
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Il meeting di giugno dei ministri della Finanza del G7 a Londra. REUTERS/Henry Nicholls

PARIGI (Reuters) - L'intesa raggiunta dal G7 questo weekend sull'aliquota minima globale per le imprese e le disposizioni per tassare le multinazionali apre la strada a un accordo più ampio nelle prossime settimane che potrebbe dare nuova forma alla tassazione globale negli anni a venire.

Accolto come un momento storico dai suoi sostenitori, l'accordo contiene tuttavia molti dettagli che dovranno essere definiti in tempo perché i paesi del G20 possano dare il loro supporto al meeting previsto per il prossimo mese.

Ecco cosa si sa fino a questo momento, e cosa ancora non è chiaro.

L'ACCORDO SARÀ VALIDO IN TUTTO IL MONDO?

L'accordo del G7 per una tassazione minima sulle imprese di almeno il 15% pone le basi per il prossimo passo, il meeting online del 30 giugno-1 luglio dei 139 paesi che negozieranno le future regole della tassazione internazionale all'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo (Ocse) a Parigi.

Gli Stati mirano a raggiungere un consenso sui dettagli in occasione del meeting, dal momento che gran parte del lavoro tecnico è già stato fatto. Ogni intesa raggiunta nella riunione arriverà di fronte ai ministri delle Finanze del G20 per l'approvazione durante l'incontro che si terrà a Venezia tra il 9 e il 10 luglio.

L'Ocse e gli Stati Uniti hanno detto che la firma definitiva potrebbe non essere possibile fino al successivo incontro del G20 ad ottobre, poiché la posizione statunitense potrebbe non essere così solida a luglio a causa di un pacchetto fiscale nazionale che arriverà al Congresso in quel periodo.

L'approvazione del G20 comporterebbe l'implementazione da parte delle maggiori economie del mondo e l'accordo acquisterebbe di fatto una portata globale.

LA FINE DEI PARADISI FISCALI?

Se l'accordo non porterà all'estinzione dei paradisi fiscali, li renderà comunque meno attraenti per le numerose imprese che puntano a pagare meno tasse, ma anche ad abbellire le proprie credenziali con gli investitori.

L'idea di una tassazione minima globale è di dare agli Stati il diritto di aggiungere una maggiorazione alla tassazione sugli utili aziendali in paesi le cui aliquote sono inferiori al minimo globale.

Inoltre, il G7 vuole che l'aliquota minima sia applicata paese per paese piuttosto che sulla base di una media tra i vari paesi in cui una società opera, un approccio considerato molto più duro nei confronti dei paradisi fiscali.

Quindi se ad esempio un'impresa statunitense iscrive a bilancio i propri utili nelle Isole Vergini britanniche, dove non esiste una corporate tax, il fisco Usa potrebbe applicare una tassa del 15% su quegli utili, se quella sarà l'aliquota minima che verrà alla fine concordata.

COME SI APPLICHERÀ ALLE MULTINAZIONALI?

Una parte delle trattative sulla tassazione internazionale è quella relativa alla spartizione dei diritti dei governi di tassare gli utili in eccesso, o non di routine, delle maggiori multinazionali, tra cui giganti del tech come Apple (NASDAQ:AAPL) e Google (NASDAQ:GOOGL).

Il G7 ha concordato che i governi dovrebbero avere il diritto di tassare almeno il 20% degli utili realizzati sul loro territorio da una multinazionale oltre un margine del 10%. Tutte le indicazioni lasciano intendere che anche gli utili in eccesso siano soggetti all'aliquota minima globale.

Tuttavia, gran parte de parametri deve esser ancora definita e le imprese potranno esporre il proprio punto di vista nel corso del dibattito.

QUALI SONO LE POSSIBILI LACUNE?

Gli Stati che negoziano l'aliquota globale probabilmente lasceranno fuori alcuni settori. Ad esempio le industrie estrattive potrebbero essere esenti in quanto le imprese di solito pagano le royalties ai governi in cui si trovano le miniere o i giacimenti. Si è anche parlato di possibili esenzioni per alcuni servizi finanziari.

Secondo quanto riferito da funzionari, alcuni Stati vorrebbero mantenere un margine di manovra sulle esenzioni fiscali per ricerca e sviluppo. Altri, come ad esempio la Cina, vogliono proteggere le loro zone a bassa tassazione usate per attirare investimenti.

QUESTO SIGNIFICHERA' UNA MANNA DAL CIELO PER I GOVERNI?

L'Ocse ha calcolato ad ottobre che un'aliquota minima globale potrebbe generare un gettito di 100 miliardi di dollari l'anno, il 4% della tassazione globale sulle aziende. La cifra è probabilmente riduttiva dal momento che si basa su un'aliquota del 12,5%, al centro delle trattative al tempo.

Per quanto questi numeri sembrino notevoli, sono solamente una goccia nel mare rispetto alle migliaia di miliardi di dollari che i governi di tutto il mondo hanno speso per mantenere a galla le loro economie durante la pandemia.

COSA NE SARÀ DI OLANDA, LUSSEMBURGO E SVIZZERA?

I paesi con una tassazione più vantaggiosa hanno percepito un cambio di passo negli ultimi anni e hanno iniziato a porre rimedio alle lacune nella legislazione fiscale, cercando allo stesso tempo di rimanere competitivi per i capitali stranieri su aspetti diversi dalla bassa tassazione.

L'Irlanda, dove molte multinazionali tech Usa hanno attività importanti, ha detto che manterrà la sua aliquota del 12,5% a prescindere da quello che sarà deciso a livello internazionale.

Il ministro delle Finanze Paschal Donohoe stima che la tassazione annuale sulle imprese dell'Irlanda sarà più bassa del 20%, circa 2 miliardi di euro, rispetto a quella che sarebbe stata entro il 2025 a causa dei cambiamenti previsti ma non si attende una fuga massiccia di imprese dall'isola.

La Svizzera, sotto pressione dall'estero, ha promesso di eliminare le aliquote particolarmente convenienti di cui hanno beneficiato finora circa 24.000 imprese straniere con base nella Confederazione.

"La Svizzera prenderà le misure necessarie per continuare ad essere una località attraente per le imprese", ha detto in un comunicato il ministero delle Finanze.

Grazie all'intricata rete di trattati sulla tassazione con altri Stati, l'Olanda può aspettarsi di rimanere il canale grazie al quale le multinazionali possono passare gli utili da una sussidiaria all'altra a tassi favorevoli.

Sebbene l'aliquota sulle imprese sia del 25%, l'Olanda ha cominciato quest'anno a tassare le royalties e i pagamenti di interessi in uscita verso paesi dove la tassazione sulle imprese è inferiore al 9% e programma di fare altrettanto per i dividendi in uscita dal 2024.

Tuttavia, non è chiaro quando entrerà in vigore l'accordo del G7 e le leggi olandesi potrebbero cambiare nuovamente prima del 2024.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Accordo G7 su tassazione multinazionali: adesso cosa succede?
 

Articoli Correlati

Acea, utile sem1 +15%, alza guidance su Ebitda 2021
Acea, utile sem1 +15%, alza guidance su Ebitda 2021 Da Reuters - 28.07.2021

ROMA (Reuters) - Acea (MI:ACE) ha chiuso il primo semestre con un utile netto di gruppo salito del 15% su anno a 166 milioni di euro e ha alzato la guidance 2021 sull'Ebitda. Lo...

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
Roberto De Putti
Roberto De Putti 07.06.2021 18:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
...sono cambiati i tempi...prima stavano male i poveri...adesso stanno bene i ricchi....evviva !!
Akeem di Zamundia
Akeem di Zamundia 07.06.2021 18:07
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Non succedera’ un bel niente altrimenti Irlanda Olanda e Lussemburgo dovranno iniziare ad andare per i campi a cercare cicorie.
Roberto De Putti
Roberto De Putti 07.06.2021 18:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
le vedremo mai funzionare queste tassazioni "globali" ??
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email