Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Bce, banche devono prendere prestiti deteriorati più seriamente

Pubblicato 04.12.2020, 17:52
Aggiornato 05.12.2020, 04:36
© Reuters. Il logo Bce presso la sede centrale a Francoforte

FRANCOFORTE (Reuters) - Le banche della zona euro stanno chiudendo spesso un occhio sull'ondata di prestiti deteriorati e devono iniziare ad agire e riconoscere i crediti dubbi.

Lo ha scritto la Banca centrale europea in una lettera inviata oggi.

Con il blocco alle prese con la recessione causata dalla pandemia, le società stanno sfruttando a pieno le loro linee di credito d'emergenza, e molte faticano a rimborsare le banche, a causa dei bassi ricavi legati alle misure di lockdown.

Tuttavia, le garanzie pubbliche sui prestiti e le moratorie sui pagamenti hanno permesso alle banche di classificare alcuni prestiti deteriorati come performing, esponendosi però a un effetto "baratro" alla scadenza delle misure governative.

"Molte banche non sono abbastanza impegnate nell'identificazione di segni specifici per i debitori riguardanti l'improbabilità di un rimborso, al di là delle mere difficoltà finanziarie temporanee causate dalla pandemia", ha scritto Elizabeth McCaul, supervisore bancario Bce, in un post su un blog che accompagna la lettera.

Il timore della Bce è che le banche soffriranno un maggiore deterioramento dei loro bilanci e faticheranno a finanziare l'economia, proprio nel momento in cui l'economia si preparerà a riaprire e le società avranno bisogno di fondi.

Alcune banche sono a corto di risorse per identificare prestiti deteriorati. Altre stanno modificando i loro modelli interni per mantenere la classificazione di alcuni prestiti come performing.

La Bce ora sta chiedendo alle banche "una tolleranza mirata e una tempestiva ristrutturazione dei debiti". Ha intimato al settore di non rinviare ulteriormente la riclassificazione dei prestiti deteriorati, poiché alla fine influenzeranno i loro bilanci.

Ha anche chiesto alle banche di impegnarsi di più nello stimare correttamente gli accantonamenti necessari.

© Reuters. Il logo Bce presso la sede centrale a Francoforte

"Le istituzioni significative non dovrebbero dipendere solamente dai giorni di arretrato nei rimborsi per mettere in atto un incremento nel rischio di credito", ha scritto la Bce nella lettera alle banche.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.