Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Big mondiali difesa rendono tre volte indice in trim1, stima +6% in 2024 - Mediobanca

Pubblicato 14.05.2024, 11:44
© Reuters. Il logo di Mediobanca è raffigurato nella sede di Mediobanca a Milano, Italia. REUTERS/Flavio Lo Scalzo
SSABa
-
RHMG
-
LDOF
-
FCT
-
HAGG
-

MILANO (Reuters) - Le multinazionali della difesa vedranno i ricavi complessivi crescere del 6% quest'anno e sono sul gradino più alto del podio per rendimento azionario nel primo trimestre 2024 con una performance tre volte superiore a quella dell'indice mondiale.

È quanto emerge da un report dell'Area Studi Mediobanca (BIT:MDBI) sulle multinazionali industriali mondiali con focus sui gruppi della difesa diffuso oggi. Il report esamina i conti annuali di oltre 330 multinazionali industriali e contiene un approfondimento sui 30 principali big della difesa, di cui 15 negli Stati Uniti, dieci in Europa e cinque in Asia.

Nel primo trimestre 2024 le big della difesa hanno registrato un rendimento azionario del 22,8% contro il +7,1% dell'indice azionario mondiale. Sul podio anche i settori Media & Entertainment (+19%) e Moda (+17,9%).

Le migliori performance del settore difesa sono state registrate dalle tedesche Rheinmetall (+80,5%) e Hensoldt (+80,3%) e dalla svedese Saab (+56,7%), seguita da Leonardo (+55,9%). Al nono posto l'altra italiana Fincantieri (BIT:FCT) (+21,9%).

Per quanto riguarda il giro d'affari, il settore difesa (+8,2%) è secondo nel trimestre dietro le Websoft (+13,9%) ed è seguito dai produttori di aeromobili (+7,5%).

Nel 2023 la spesa globale per la difesa ha raggiunto il massimo storico di 2.443 miliardi di dollari (2,3% del Pil mondiale), con un incremento del 6,8%, il più alto dal 2009, in risposta alla guerra in Ucraina e alle tensioni geopolitiche in Medio Oriente.

L'Italia è al dodicesimo posto per spesa globale (1,5% del totale). Gli Stati Uniti rappresentano oltre un terzo del totale (37,5% o 916 miliardi di dollari), seguiti da Cina (12,1%) e Russia (4,5%).

© Reuters. Il logo di Mediobanca è raffigurato nella sede di Mediobanca a Milano, Italia. REUTERS/Flavio Lo Scalzo

In termini di incidenza della spesa sul Pil, l'Ucraina è in testa (36,7%). L'Italia è in 75esima posizione (1,6%).

La spesa pro capite, 306 dollari a persona, è stata la più alta dal 1990.

(Gianluca Semeraro, editing Stefano Bernabei)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.