Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Germania, Monaco tenta grandi banche con montagne e tecnologia

Pubblicato 19.02.2024, 18:20
Aggiornato 19.02.2024, 18:27
© Reuters. Una persona osserva lo skyline di Monaco di Baviera con lo sfondo delle Alpi a Monaco, 2 marzo 2020. REUTERS/Michael Dalder

MONACO DI BAVIERA (Reuters) - Monaco di Baviera ha iniziato a rubare un po' la scena all'hub finanziario tedesco di Francoforte, grazie all'afflusso di banche straniere nella città del sud della Germania, che nelle giornate di cielo sereno offre una bella vista delle Alpi bavaresi.

L'attrattiva di Monaco risiede nell'alta percentuale di aziende del Dax e di start-up tecnologiche, di grandi compagnie assicurative e di investitori finanziari, e il paesaggio montano ne accresce il fascino.

Società come Goldman Sachs (NYSE:GS) e Morgan Stanley (NYSE:MS) sono state attirate da grandi aziende tedesche come Siemens, Allianz (ETR:ALVG) e Bmw che già hanno la sede nei dintorni di Monaco, in quanto i loro banchieri apprezzano anche la qualità della vita offerta.

"Molti manager lavorano e vivono qui, è una città dove si può vivere bene", ha detto Dietrich Becker, partner e responsabile della consulenza in Europa di Perella Weinberg, aggiungendo che Monaco ha la più alta concentrazione di clienti in Germania.

La banca d'investimento statunitense è stata una delle prime a scegliere Monaco come sede tedesca, aprendo il suo ufficio nel 2020.

"A Londra e Parigi c'è un'alta concentrazione di aziende e manager, mentre in Germania la distribuzione è più varia e le persone sono costantemente in movimento", ha detto Becker a Reuters.

Tra i maggiori investitori tech presenti a Monaco, oltre alle maggiori aziende dell'industria e della finanza, figurano Eqt e General Atlantic.

Non mancano anche aziende tedesche di software e molte filiali europee di aziende tech statunitensi.

Il mese prossimo Goldman Sachs sarà la prima delle grandi banche d'investimento ad aprire un ufficio nella capitale della Baviera.

Si tratterà del secondo ufficio di Goldman in Germania dopo Francoforte, dove ha circa 400 banchieri, mentre la concorrente Morgan Stanley dovrebbe seguire l'esempio in estate.

"Saremo a Monaco con un team di circa 30 banchieri, alcuni dei quali si trasferiranno da Francoforte ma anche da Londra", ha detto a Reuters Wolfgang Fink, responsabile di Germania e Austria e presidente dell'Europa continentale di Goldman Sachs.

"Vogliamo stare dove sono i nostri clienti", ha detto Fink, aggiungendo che Monaco sta diventando "sempre più internazionale".

TEAM TECH

Nel settore tech tedesco, Goldman Sachs e Morgan Stanley sono tra gli adviser più richiesti, insieme al gigante JP Morgan (NYSE:JPM).

"In termini di valore di mercato, qui si trova circa un terzo delle società Dax e più di 10 'unicorni', ossia start-up con una valutazione superiore a 1 miliardo di euro", ha detto Tammo Buennemeyer, technology specialist che contribuirà alla creazione del team di Morgan Stanley a Monaco.

Goldman Sachs ha detto inoltre che sposterà il team di Tobias Koester, che si occupa di investitori finanziari, accanto ai propri banchieri del settore Tmt sotto la guida di Macario Prieto, responsabile di Technology, Media and Telecommunications Banking per la regione Emea.

"Nel lungo termine, questa regionalizzazione è anche il risultato della Brexit, dopo la quale un numero maggiore di attività si è spostato sui paesi del continente per questioni regolatorie", ha detto Fink.

Francoforte, Parigi e Amsterdam si sono battute per essere i maggiori beneficiari della Brexit dopo l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, mentre Monaco si è rivelata un beneficiario inaspettato.

"Il continente europeo nel suo complesso ha acquisito importanza grazie alla Brexit", ha detto Buennemeyer.

I partner di Perella Weinberg, Stefan Jentzsch e Johann von Wersebe, sono basati a Monaco. L'ex Cfo di Deutsche Bank (ETR:DBKGn) Marcus Schenck è passato dalla banca tedesca a Lazard due anni fa ma è rimasto a Monaco.

Un'altra boutique bancaria americana, Pjt Partners, ha in programma di aprire presto un ufficio a Monaco, hanno detto a Reuters delle fonti.

© Reuters. Una persona osserva lo skyline di Monaco di Baviera con lo sfondo delle Alpi a Monaco, 2 marzo 2020. REUTERS/Michael Dalder

La maggior parte dei banchieri concorda tuttavia sul fatto che è improbabile che Monaco possa rivaleggiare con la più internazionale Francoforte come capitale bancaria della Germania, e che per il momento solo una parte di loro lavora nella capitale della Baviera.

"Vista da altri Paesi europei, Monaco è sicuramente attrattiva", ha detto Fink. "Ma all'inizio della carriera molti colleghi si sentono subito a casa a Francoforte".

(Tradotto da Laura Contemori, editing Gianluca Semeraro)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.