Natuzzi propone calo esuberi a 623 con taglio salario 10%

Pubblicato 09.01.2015, 17:22
© Reuters. Natuzzi Group's CEO and President Pasquale Natuzzi poses for a photo in a store downtown Milan
NTZ
-

BARI (Reuters) - Natuzzi, azienda pugliese di divani quotata a New York, ha annunciato ieri ai sindacati la riduzione degli esuberi strutturali da 1.506 a 623, che rimarrebbero in cassa integrazione a zero ore.

I dipendenti totali (operai e amministrativi) scenderanno a 1.711, dagli attuali 2.334, e a tutti sarà applicato il contratto di solidarietà con una riduzione salariale del 10%.

Il calo degli esuberi si realizza riportando in Italia parte della produzione realizzata finora all'estero grazie a un taglio del costo del lavoro italiano.

Lo riferiscono fonti sindacali.

Una nota di Natuzzi, diffusa al termine di una due giorni di incontri presso la sede di Confindustria di Bari, registra "la sostanziale condivisione dell'impianto generale da parte delle organizzazioni sindacali presenti, così come la disponibilità a discutere più in dettaglio di un elemento come la riduzione del costo del lavoro: un impegno condiviso tra le parti nell'accordo di Ottobre 2013 e cruciale per la sostenibilità del piano".

L'accordo di ottobre 2013 prevedeva che dei 1.506 lavoratori in cassa, 600 sarebbero andati in mobilità volontaria, 500 (700 dal 2018) avrebbero dovuto lavorare nella newco e 150 circa sarebbero stati assunti in un'altra newco per realizzare complementi d'arredo grazie ai fondi per circa 100 milioni previsti dall'accordo di programma per Basilicata e Puglia.

Natuzzi si era anche impegnata a far rientrare in Italia parte della produzione romena destinata a realizzare oltre 100.000 sedute.

L'accordo è apparso presto di difficile implementazione anche per la difficoltà a trovare imprenditori che costituissero le newco. Lo scorso ottobre i sindacati avevano indetto uno sciopero a oltranza per il mancato accordo su una ulteriore proroga degli ammortizzatori in scadenza e sui contratti di solidarietà.

Nei primi sei mesi del 2014 Natuzzi aveva registrato un calo del fatturato del 6,1% e perdite di 24,5 milioni (+11,6%).

Si è trattato del settimo anno consecutivo di perdite per complessivi 270 milioni.

Nell'incontro di ieri l'azienda ha elencato anche qualche risultato ottenuto con il nuovo business plan come l'incremento del fatturato nel terzo trimestre 2014 e una crescita annua del flusso ordini del 6%.

© Reuters. Natuzzi Group's CEO and President Pasquale Natuzzi poses for a photo in a store downtown Milan

Le parti si sono date appuntamento il prossimo 13 gennaio a Roma per giungere ad una sintesi delle posizioni.

2015-01-09T125549Z_1007240001_LYNXMPEB080I0_RTROPTP_1_OITTP-NATUZZI-CALO-ESUBERI.JPG urn:newsml:onlinereport.com:20150109:nRTROPT20150109125549LYNXMPEB080I0 Natuzzi Group's CEO and President Pasquale Natuzzi poses for a photo in a store downtown Milan OLITTOPNEWS Reuters Italy Online Report Top News 20150109T125012+0000 20150109T125549+0000

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.