Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

Operatori telefonici Ue possono continuare a far pagare chiamate intra-Ue fino a 2028

Pubblicato 06.02.2024, 13:21
Aggiornato 06.02.2024, 13:27
© Reuters. Il logo di Deutsche Telekom è raffigurato al Mobile World Congress (Mwc) 2023 della Gsma a Barcellona, Spagna, il 28 febbraio 2023. REUTERS/Nacho Doce

BRUXELLES (Reuters) - Deutsche Telekom, Orange, Telefonica (BME:TEF), Telecom Italia (BIT:TLIT) e altri operatori potranno continuare a far pagare agli utenti le chiamate tra gli Stati membri dell'Ue fino al 2028, in base a un accordo provvisorio concordato dai Paesi dell'Unione e dai legislatori.

L'anno scorso i legislatori dell'Unione europea hanno proposto di eliminare le tariffe per le chiamate tra i Paesi dell'Ue, che attualmente sono limitate a 19 centesimi di euro al minuto per le chiamate e a 6 centesimi per gli Sms. I massimali, stabiliti dalle norme Ue nel 2019, scadono a maggio.

L'industria delle telecomunicazioni aveva criticato il piano, affermando che l'abolizione delle tariffe avrebbe potuto costare miliardi di euro di entrate alle aziende, in un periodo in cui stavano effettuando forti investimenti nello sviluppo dei servizi 5G in tutto il blocco.

Un rapporto commissionato da Etno, che raccoglie tra i propri membri i maggiori operatori, ha affermato che l'abolizione delle tariffe per le chiamate potrebbe comportare una perdita di entrate di almeno 2,1 miliardi di euro per gli operatori nel periodo di cinque anni fino al 2029.

"L'allineamento delle chiamate nazionali e intra-Ue entrerà in vigore a partire dal 2029. Nel frattempo continueranno a essere applicati gli attuali massimali", ha detto il deputato Alin Mituta in un comunicato.

I legislatori hanno anche approvato un piano proposto dalla Commissione europea per ridurre la burocrazia e i costi, con l'obiettivo di aiutare gli operatori a implementare il 5G in tutto il blocco per consentire al 75% delle aziende dell'Ue di utilizzare infrastrutture cloud o tecnologie di intelligenza artificiale entro il 2030.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

La legge sulle infrastrutture Gigabit (Gia) stabilisce procedure più semplici e chiare per la concessione dei permessi per le infrastrutture, compreso il principio della "tacita approvazione", in base al quale l'autorizzazione all'installazione dell'infrastruttura verrebbe concessa se l'autorità amministrativa non risponde entro un periodo di quattro mesi.

La nuova legislazione chiarisce anche i fattori per il calcolo di condizioni eque e ragionevoli per l'accesso alle infrastrutture.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Claudia Cristoferi)

Ultimi commenti

stavano per...poi sono arrivati i lobbisti hanno pagato le mazzette ai politici giusti e ecco che si proroga per altri 4 anni
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.