Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Stellantis avvierà produzione furgoni elettrici in stabilimento Luton (GB) in 2025

Pubblicato 22.02.2024, 08:22
Aggiornato 22.02.2024, 08:27
© Reuters. Il logo di Stellantis nella sede dell'azienda a Poissy, vicino a Parigi, 20 febbraio 2022. REUTERS/Gonzalo Fuentes

LONDRA (Reuters) - Stellantis (BIT:STLAM) ha detto che lancerà nel 2025 la produzione di furgoni elettrici di medie dimensioni presso lo stabilimento di Luton, in Inghilterra, dando qualche certezza a lungo termine per una fabbrica che produce furgoni da 92 anni.

La quarta casa automobilistica al mondo per vendite ha detto che a partire dalla primavera del prossimo anno Luton produrrà cinque modelli elettrici, tra cui il Vauxhall Vivaro Electric, il Peugeot E-Expert e il Fiat Professional E-Scudo in versione con guida a destra e a sinistra.

Stellantis produce già piccoli furgoni elettrici nell'altro stabilimento britannico di Ellesemere Port.

La casa automobilistica ha detto che lo stabilimento di Luton continuerà a produrre anche modelli con motore a combustione. Non ha precisato quale tipo di investimento richiederà la produzione dei nuovi modelli elettrici.

Gli impianti di assemblaggio esistenti in Europa che producono modelli a combustibile fossile si stanno contendendo l'assegnazione di futuri modelli elettrici per rimanere aperti anche dopo l'entrata in vigore del divieto dell'Unione europea sulle auto a combustione nel 2035.

L'annuncio di Stellantis arriva dopo che, a novembre, Nissan ha detto di voler investire 1,12 miliardi di sterline per costruire due modelli elettrici nello stabilimento britannico e il gruppo indiano Tata ha detto, lo scorso luglio, di voler costruire un impianto di batterie Ev da 4 miliardi di sterline in Gran Bretagna per rifornire i propri stabilimenti Jaguar Land Rover.

"Questo è un ulteriore voto di fiducia nell'economia britannica e una notizia entusiasmante che dimostra che il nostro piano per l'industria automobilistica sta funzionando", ha detto il ministro dell'Industria britannico Nusrat Ghani in un comunicato.

© Reuters. Il logo di Stellantis nella sede dell'azienda a Poissy, vicino a Parigi, 20 febbraio 2022. REUTERS/Gonzalo Fuentes

Poiché le vendite di veicoli elettrici si sono raffreddate, l'industria automobilistica britannica ha chiesto al Regno Unito di sovvenzionare gli acquisti per incoraggiare un maggior numero di consumatori e imprese a passare all'elettrico.

"Se da un lato questa decisione dimostra la fiducia di Stellantis nell'impianto, dall'altro (...) richiede che il governo britannico stimoli una maggiore domanda nel mercato dei veicoli elettrici e sostenga i produttori che investono nel Regno Unito per una transizione sostenibile", ha detto in un comunicato Maria Grazia Davino, amministratrice delegata del gruppo Stellantis nel Regno Unito.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Claudia Cristoferi)

Ultimi commenti

chiedere soldi allo Stato, con i soldi dei contribuenti, per fare profitti a Stellantis... nuovo mondo con vecchie ricette
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.