⌛ Persi i guadagni 13% di ProPicks a maggio? Abbonati ora, prendi i titoli di giugno scelti dall'AI.Sblocca azioni

Telecom Italia affonda in borsa, mercato preoccupato da debito in nuovo piano

Pubblicato 08.03.2024, 09:19
Aggiornato 08.03.2024, 09:28
© Reuters. Il logo di Tim nella sede centrale di Roma, Italia, 22 novembre 2021. REUTERS/Yara Nardi
TLIT
-
VIV
-

di Elvira Pollina

MILANO (Reuters) - Telecom Italia (BIT:TLIT) ha archiviato la seduta a Piazza Affari con un calo di quasi il 24% per i timori legati ai livelli di debito, al cashflow e al pagamento dei dividendi.

Ieri sera il gruppo ha annunciato la nuova struttura e i target triennali a seguito alla prevista vendita della rete ed oggi sono stati presentati al mercato.

Il titolo ha toccato i livelli più bassi da dicembre 2022, con volumi oltre 12 volte superiori alla media giornaliera degli ultimi 30 giorni.

Il crollo in borsa è stato un duro colpo per l'amministratore delegato Pietro Labriola, candidato per un nuovo mandato alla guida del gruppo in occasione dell'assemblea del mese prossimo.

"Non possiamo nasconderci che il mercato stia reagendo in un modo particolare", ha detto Labriola agli analisti durante l'investor day, cercando di rassicurare sulla capacità della società di rispettare i target, che prevedono un aumento medio annuo dell'8% dell'Ebitda.

Il debito è da tempo considerato uno dei fattori che frenano Tim, insieme alla dura concorrenza nel mercato domestico.

Gli analisti hanno sottolineato che il livello di indebitamento previsto per la società che nascerà dalla cessione della rete fissa nazionale di Tim, che dovrebbe essere completata a metà di quest'anno, è superiore alle aspettative del mercato.

"L'obiettivo di leva finanziaria di 1,6-1,7 volte [l'Ebitda della società] implica un aumento del debito di circa 900 milioni di euro rispetto al livello proforma a fine 2023 di 6,15 miliardi di euro", ha scritto Andrea de Vita, analista di Intesa Sanpaolo (BIT:ISP), in una nota.

OPERAZIONE RETE

La vendita della rete Tim a Kkr, con un valore fino a 22 miliardi di euro e appoggiata dal governo italiano, è l'elemento centrale degli sforzi di Labriola per ridurre il debito di 14 miliardi e trasferire la maggior parte della forza lavoro sulla rete.

Vivendi (EPA:VIV), principale azionista di Tim, ha messo in dubbio la sostenibilità della società dopo la vendita della rete ed è ricorsa alla vie legali.

Il livello di debito più alto del previsto potrebbe essere correlato ai flussi di cassa in uscita legati alla rete prima del closing e alla politica dei dividendi della controllata brasiliana, oltre che agli oneri finanziari e ai costi di ristrutturazione, secondo Domenico Ghilotti di Equita.

Il Cfo Adrian Calaza ha sottolineato che gestire la società come ancora integrata con l'attività di rete per almeno metà di quest'anno avrà un impatto probabilmente negativo sui flussi di cassa.

© Reuters. Il logo di Tim nella sede centrale di Roma, Italia, 22 novembre 2021. REUTERS/Yara Nardi

"La generazione di cassa inizierà a partire dal 2025, anche per le attività domestiche", ha detto.

Gli analisti hanno anche sottolineato che la società non ha incluso piani di distribuzione dei dividendi nel comunicato sull'outlook, una questione che secondo Calaza è prematuro discutere.

(Versione italiana Sabina Suzzi, editing Claudia Cristoferi)

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.